domenica 12 settembre 2010

A cuore aperto

Love. Al contrario Evol. Che stia per evoluzione? Darwin non ha lasciato nessun trattato scientifico su questo sentimento che tutti rincorrono ma allo stesso tempo temono. Io come al solito ne so poco, non ho capito ancora a 23 anni suonati e una calvizie galoppante cosa voglia dire amare. Rinunciare alla propria identità? Esaltare e mitizzare la persona con cui si sta? Oppure tradire a ripetizione ma senza scambiarsi il numero di cellulare?

Dopo quattro anni passati ad amare ci si può ritrovare soli e sconsolati con l’amarezza nel cuore un sangue gelato dalla tristezza di aver preso una decisione forse giusta ma struggente. Raccogliere i cocci non è facile, ci vorrebbe un servizio speciale della nettezza urbana, armata di pazienza e di sirena. “Lollo con questo cosa ci facciamo?” “ Tenete tutto ragazzi, imballate, nella vita bisogna capire e imparare dagli errori”. E poi si ripensa al tempo passato, alle tenerezze dell’amore e a quante cose si sono fatte per una sola persona. Nel mondo siamo 6 miliardi e io ho dato tutto me stesso ad una sola di questi 6 miliardi. Lo rifarei, ripercorrerei tutti quei chilometri su uno scomodissimo pullman, attraverserei tre stati, aspetterei abbracciando Lady P. una notte intera, perché l’ho fatto con il cuore investendo ogni singolo centimetro di questa mia pelle pallida e bianca. E facendomi investire di netto da questo strano sentimento.Ci ho provato, probabilmente non ci sono riuscito.

Custodire le migliaia di parole confessate, assaporare i miliardi di baci, rimembrare le ore passate assieme, tutto questo è una sofferenza indicibile ma và fatto. Normale volermi offendere, volermi male, odiarmi e vendicarti della sofferenza che ho causato. Io non sento, attacco la musica a tutto volume, percorro a nuoto centinaia di metri nella speranza che le lacrime si sciolgano nel cloro della piscina.

C’è chi si chiude in camera e urla dal dolore, chi si fa accogliere nel primo letto trovato e chi ha delle persone meravigliose accanto che ti portano a far compere, a scegliere scarpe e vestiti. E tra cartellini scontati e consigli di stile cerchi di distrarti dal solo pensiero che occupa la tua mente. Poi la sera prima di andare a dormire tutta la tua mente ti butta addosso quello che hai cercato di evitare, piangi e il sonno passa come un treno ad alta velocità.Queste tristi vicende ti fanno assaporare i piccoli sorrisi che riesci a donare agli altri, un semplice mp3 fucsia può regalarti un canto a squarciagola che non facevi da anni, può farti piangere come una ragazzina davanti al poster di Pattinson e può farti addormentare con dolcezza, come con le storie che tuo padre si inventava quando eri ancora un cucciolo inesperto.Perché è così che mi sento, un bambino spaventato buttato nella mischia del mondo.


Un grazie speciale a voi per la tenerezza dimostratami.

4 commenti:

  1. Sei un ragazzo buono e sensibile e riesci ad esprimere meravigliosamente i tuoi sentimenti..facendo sempre commuovere la vecchia Zia Assunta..

    RispondiElimina
  2. vorrei darti un abbraccio enorme di persona...
    with love jessi

    RispondiElimina
  3. La prima volta che mi sono innamorata è stato il primo anno di università, proprio 3 anni fa.
    Quando l'ho conosciuto, ci ho scambiato 3 parole e sono tornata a casa con le farfalle sullo stomaco, cosa che MAI avevo provato davvero fino a quel momento.
    Dopo quasi 2 anni, ci siamo lasciati.
    All'improvviso, il mio punto di riferimento, la persona con cui ridevo ogni giorno, piangevo, mi sfogavo, chiacchieravo, il mio tutto.
    Non avevo perso il sorriso e non avevo smesso di essere una 'life lover' come mi definisco io, ma dentro soffrivo, Dio come soffrivo.
    Le amiche ovviamente mi hanno aiutata, mi facevano parlare, uscire...ma quando ero sola, piangevo, spesso e volentieri.
    Ho un'alleata però dalla mia parte, la danza..Lei è qualcosa di cui non potrò mai fare a meno e qualsiasi cosa mi succeda, Lei mi dà veramente una grossa mano.
    Se tornassi indietro, rifarei tutto daccapo, forse meglio, perchè probabilmente col mio caratteraccio sono stata io a dare il colpo fatale alla nostra storia.
    Spesso penso che non amerò mai nessuno come ho amato (e sì, i sentimenti temo ci siano ancora..da parte mia e da parte sua, ma non come prima. Purtroppo ora siamo due mondi diversi) lui..ma non riesco a dire 'Basta, non amerò più'.
    Il bello della vita è che piena di sorprese..belle o brutte che siano, ti fanno crescere, ti fanno imparare, ti fanno ridere e inveire contro il mondo intero.
    Ma non posso fare a meno di tutte queste emozioni, sono la mia 'benzina'.
    Sei un caro ragazzo, molto sensibile e dolce, ma estremamente fragile..c'è lì fuori qualcuno o qualcosa perfettamente adatto a Te.

    Un bacione grande,
    Denise.

    RispondiElimina
  4. e se io non piangessi, non mi disperassi e provassi soltanto tanta tristezza? probabilmente l'amore si è spento, io lo stò ricercando...sto cercando di salvare 6 anni di amore....ma il mio cuore non vuole saperne il mio cuore si rifiuta di provare un sentimento simile, non più ormai....

    ho pianto tanto...ma non per lui, ma per i nostri bellissimi ricordi che resteranno per sempre nel mio cuore.

    Ambra

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!