giovedì 16 settembre 2010

Gli essenziali per l'uomo









Sto affrontando un periodo di cacca. Cacca nera per la precisione. Non vedo uno spiraglio di luce, nemmeno quella fioca che proviene dai braccialettini fosforescenti che mia sorella porta a centinaia sul braccio. L'unica soluzione per salvarmi è stare il più possibile fuori casa nella mischia di Milano, nei posti come Bershka dove la musica altissima non ti permette di ascoltare i tuoi amari pensieri. Un'altra possibilità è scrivere montagne di boiate, lo facevo da allegro e da spensierato, figuriamoci allora cosa potrebbe essere il risultato di questo momento. Un best seller, una biografia come quella di Valeria Marini o un romanzo da adolescenti. Potrei diventare il nuovo Moccia, ingrassare 30 chili, disegnare cuoricini sui vetri appannati e scrivere con le "K". Poi il suicidio diventerebbe l'unica via d'uscita.

Oggi scriverò di moda, mi voglio distrarre parlando di scarpe, cappelli. Tutto quello che è giustamente parte del superficiale ma che in questo momento potrebbe salvarmi un'ora di questo giovedì di metà settembre. Avevo scritto degli essenziali per la Donna e come avevo già annunciato spero di vedere quel decalogo appeso nei vostri armadi o sul vostro frigo vicino al maialino che grugnisce ogni volta che aprite lo sportello. Per l'uomo è tutto più difficile. Vero che non soffriamo le pene dell'inferno ogni 28 giorni, che non ci portiamo in grembo un pupo per 9 mesi ma per quanto riguarda l'abbigliamento e la moda dobbiamo solo che subire e darci per sconfitti. Voi donne avete milioni di possibilità in più per giocare su colori, tonalità, dare un tocco di creatività al vostro stile.

Noi invece appena superiamo il limite consentito veniamo fotografati da sciatti in infradito pronti a deriderci all'Osteria da Tonino guardando una partita di calcio della Sampdoria.
Ma io me ne frego, ci gioco, supero il limite e vengo etichettato. Se io voglio mettere una camelia gigante il giorno del mio compleanno metterò una camelia gigante, se voglio indossare un Papillon particolare verrò deriso a Pizzo Calabro o innalzato a Icona qui a Milano. Me ne frego, me ne frego e me ne frego. Detto questo voi maschietti prendete appunti e voi femminucce cercate di captare i consigli e di ottimizzare i tempi di reazione dei vostri partner (io ora piango disperato alla parola "partner").

In fatto di scarpe: Io non ho mezze misure, indosserei tutta la vita solo due paia di scarpe. Ovviamente parlo di modello, nella quantità e nella gamma di colori potrei anche esagerare. Mocassino: alcuni di voi storceranno il naso dicendo che sono brutti, che fanno il piede a banana e che sono da sfigato arricchito. Mai nulla di più stupido potevate dire. Il mocassino è una scarpa eterna, assolutamente impossibile da disprezzare. Io lo indosso dai primi anni della mia vita. Da piccolo mi piacevano un sacco il mio classico paio di Tod's scamosciate blu e quelle in pelle marroni, ero un bambino di buona famiglia e con le idee chiare, ora mi sono rimaste solo le idee. Le indossavo coi calzettoni fino alle ginocchia oppure le arrotolavo fino alle caviglie. Una volta cresciuto e guadagnato abbastanza mi sono comprato le Car Shoe, una sorta di oracolo per la cura con cui le tengo. Soldi sudatissimi ma ben spesi. Colore per eccellenza il Blu, da evitare il mocassino nero, se poi è verniciato mi potrebbe percorrere un brivido lungo la schiena. Ovviamente noi studenti pezzenti che non possiamo permetterci le Car Shoe tutti gli anni possiamo rimediare in giro modelli ben fatti. Occhio alle punte troppo allungate che vi fanno sembrare dei sub oppure a quelle verso l'alto. Non ci chiamiamo Aladino.
Niente fantasmino, niente calzino alla caviglia con pantalone corto. Il pantalone con il mocassino non deve scendere sotto al ginocchio. Personalmente non metto il mocassino con le t-shirt, solo polo o camicie. L'altro paio di scarpe che prendo in considerazione solo le All-star. Le migliori scarpe del mondo, tutti i colori sono ammessi, tutti gli abbinamenti fattibili.

In fatto di calze: Solo filo si scozia, altezza fino al ginocchio. Qualsiasi colore ma non fate come Signorini, niente cuoricini, niente scritte, niente paperelle. Possibilmente abbinarli al pantalone e alla scarpa.

In fatto di abbigliamento: Qui sta il dilemma, le donne si sbizzarriscono noi invece ci pieghiamo all'indifferenza della moda nei nostri confronti. Allora, per i pantaloni possiamo optare per un jeans con cui difficilmente è possibile sbagliare. Il mio consiglio è quello di rimanere nell'anonimato. Andare in giro con una scritta da cartellone pubblicitario cucito sulla gamba non è sinonimo di classe ma di tamarraggine. Comprare jeans fatti a brandelli da un sarto a cui non sono stati pagati gli straordinari tantomeno. Per l'inverno un pantalone di velluto a costine (piccole) un pò aderente blu o bordeaux è l'ideale, di cotone o meglio ancora di lino per l'estate. In estate è concesso il bermuda, lunghezza al ginocchio senza fiori tropicali, donne nude o numeri da giocare al lotto. Le camicie non possono mancare nell'armadio di un uomo o di un ragazzo. Io ci sono nato, da piccolo le odiavo anche se me le facevano su misura e dei colori più belli, ora le apprezzo moltissimo e utilizzo ancora quelle che mi ha lasciato mio Nonno. Fastidiosissima la sensazione di freddo e scomodità quando le infili ma poi ti regalano un non-so-che. Si allaccia fino al secondo bottone, al terzo durante il meraviglioso periodo dell'abbronzatura da spiaggia (le lampade per me non esistono), risvolto alle maniche fino al gomito perchè è di classe e ci rende più sportivi. Io prediligo le righe e non i quadretti, niente camicia nera e quella bianca da utilizzare solo con maglioncino blu e non nero altrimenti vi potrebbero scambiare per dei camerieri. Mai comprare una camicia con il collo a due bottoni. Farsi cucire le iniziali sulla camicia è molto chic ma attenzione alla posizione. Su colletto e polsino è assolutamente da"populino" come direbbe mia nonna. Un modo forzato per farle notare agli altri, la regola è corsivo inglese (o stampatello per i giovani) quarto bottone a sinistra. Polo e t-shirt per tutte le occasioni, qui finalmente anche noi possiamo sbizzarrirci.

In fatto di guanti: Come sapete è una mia grande passione, tutti i colori sono accetti. Il modello più adatto è quello da guida traforato con i buchi sulle nocche, di pelle per l'inverno. Non il nero, assomigliereste troppo ad uno strangolatore seriale.

In fatto di borse: sfatiamo questo mito. Anche gli uomini usano le borse, grandi per andare in palestra oppure piccole per andare a lavoro. Nelle sfilate degli ultimi anni si sono visti molti portadocumenti che sono la versione maschile delle "pochette" utilizzate dalle donne. Sono molto eleganti, anche con uno stile più cittadino e casual. Osate nei colori, rosso tinta unita, trasparente di Muji oppure se siete fotunati come me potrete scovarne uno di Louis Vuitton in qualche mercatino vintage. Sono favorevole anche a sobrie pochette o "bustine" in cui infilare portafoglio, chiavi, telefono. Una cosa che detesto è avere tutto in tasca.

In fatto di sciarpe: Oh, finalmente. Noi uomini non indossiamo cerchietti, collane, orecchini e altri accessori simili. Per questo la moda ha inventato la sciarpa secondo il mio umilissimo punto di vista. Un tocco di colore, un abbinamento con un paio di belle scarpe e qualcosa che ci abbellisce ulteriormente. Io sono il maestro delle "pashmine". Avevo anche un rifornitore abusivo al mercato ma credo che sia stato arrestato. Poverino, ne aveva di bellissime. Comunque, è un capo di cui non si può dire di averne abbastanza. C'è sempre una tonalità, una fantasia che non possiedi e che ti serve necessariamente. Molto belle da indossare con una camicia tinta unita, con una t-shirt o un maglione con lo scollo a "V".

In fatto di papillon: Usateli, con semplicità. Con allegria. Soprattutto per noi ragazzi sono un dettaglio di stile, anche messi con una polo e abbinati ad un paio di All star, io ho scoperto un negozietto minuscolo di Milano che ne ha di tutti i colori e di tutti i generi. Da non farseli scappare. Mia madre me li metteva quando ero bambino, non li sopportavo perchè avevo il collo grosso e mi sentivo strozzare. Ora li comprerei tutti i giorni, e pensare che l' avevo in coordinato con dei bermuda scozzesi, avevo 5 anni, probabilmente adesso mi farebbe da braccialetto.

In fatto di cappelli: altro dettaglio di cui non potrei fare a meno. Panama d'estate, cuffiette di lana con pon pon d'inverno. Borsalino grigio Vintage un must da conservare anche se le occasioni per metterlo sono poche. Niente cappello con occhiali da sole.

Le mie regole servono e non servono. In fondo ognuno fa come vuole e ha ragione. Vestirsi bene non è un'arte di pochi ma nemmeno un dono di tutti. Io compro al mercato, la mia camicia preferita oltre a quella sartoriale del nonno l'ho comprata alla Upim. Il mio primo papillon costa 6 euro. Passo le ore ai mercati vintage e se una cosa è bella e raffinata non è detto che costi per forza un occhio della testa. Mi vesto come mi sento e spero che possa avervi dato delle giuste e simpatiche indicazioni.


Vostro per niente blogger-tantomeno-fashion

Lollo.

22 commenti:

  1. lolloooo!! manca una cosa fondamentale : devi insegnare a questi uomini ad usare le giacche e i cappotti!! e spiega anche in che contesto uno può mettere una cravatta e, se si, di che tipo...a prescindere dai classici completi giacca/pantalone (ce secondo me andrebbero molto più utilizzati anche al di fuori dell'ambito lavorativo), si vedono dei fatti mix obrobriosi in giro...
    comunque ti approvo in pieno il mocassino! se ben abbinati e scelti con buon gusto non sono necessariamente da figlio di papà come molti credono, sono classici, comodi ed eleganti...non ti approvo invece le all stars, non le ho mai potute tollerare...forse perchè qui a ferrara inizialmente le portava una tipologia di persone che non potevo tollerare...adesso sono come il prezzemolo, ma la mia idiosincrasia ormai è troppo radicata....ti vedrei bene però anche con una bella scarpa elegante classica, nera o marrone...in certe occasioni ci starebbe dipinta, soprattutto addosso a te!! <3

    RispondiElimina
  2. I miei complimenti! Un blog dedicato agli ometti, finalmente!

    Un consiglio però...e farò eco a Carlotta... Perchè non provi ad indossare diversi tipi di scarpe?

    Le scarpe raccontano chi sei, rappresentano il tuo lato creativo, e sono un buon mezzo per variare e rendere innovativi gli outfit!

    Prova a correre qualche rischio in più!


    www.clickheretobechic.com

    RispondiElimina
  3. Hai ragione, in fatto di scarpe sono particolarmente noioso! Per le giacche le ho omesse perchè ne ho a dozzine. Tutte della mia famiglia che possedeva tessuti e abbigliamento maschile.
    Ho anche altre scarpe, un paio di Gucci molto classiche marroni, eleganti. Messe alla mia laurea, sono tornato con una vescica enorme. Sono splendide però! Grazie a tutte!!!!

    RispondiElimina
  4. Grande Lollo...ti leggo da un pò di tempo. Mi sembri molto simpatico e devo dire che hai un signor stile!!
    Sono un ragazzo della Riviera Ligure e da noi il mocassino è praticamente di rigore. A proposito di guanti traforati ne ho 2 paia straordinari marroni chiari con le dita intere e scuri con le dita "mozzate".
    Non parli di giacche! Se posso esprimere una mia preferenza direi assolutamente Blazer Blu...classico chic. Cosa ne pensi? Complimenti per il blog.

    R.R. de C.

    RispondiElimina
  5. Grazie Mille R.R. (la prossima volta scrivi il nome così ti posso ringraziare ufficialmente!). Riviera Ligure? Meraviglia, il Panama che si vede in una foto è stato comprato da mia mamma a Portovenere, posto splendido. Mentre due giorni fa sono stato a Portofino, un paradiso. I guanti traforati li ho anche io ma le dita mozzate per me non vanno bene, ho delle dita oscene e mi mangio le unghie, evitiamo! Però ottimo gusto, Blazer Blu poi...mi colpisci al cuore perchè io non uso il nero ma solo blu come si vede, scelta perfetta!
    In effetti non ho parlato di giacche, ne ho ereditate a dozzine e anche sono sono un pò da vecchio le uso..magari farò qualche foto così ve le mostro!

    Grazie ancora per i bei commenti!!!

    RispondiElimina
  6. Se nei periodi di cacca sforni dei post come questo, spero che duri a lungo..ahah scherzavo dai!

    RispondiElimina
  7. E' semplicemente stupefacente come la concezione di abbigliamento vari da un individuo all'altro!
    Comprendo il tuo bisogno di intervenire in merito ma non credo che dogmatizzare la moda come una dottrina sia la decisione più adatta.
    Non è così semplice; il mio consiglio: informati di più.
    Hai parlato di idolo milanese, ebbene la "Milano en vogue" vive di altri stereotipi..se di stereotipi si può parlare...

    RispondiElimina
  8. Grazie carissima Serena!
    Caro Anonimo, come dici tu la concezione dell'abbigliamento cambia da individuo a individuo, giustamente e menomale ci aggiungo io!
    Il mio non era affatto un bisogno necessario, non avevo voglia di dogmatizzare la moda ieri mattina perchè io di moda come ripeto ne so quanto Belen di recitazione. Niente! Io ho dato il mio punto di vista più che personale, ho scritto come io tengo la camicia e come io trovo il mocassino elegante su un ragazzo. Solo io, che poi l'abbia scritto come un decalogo è un altro discorso. Ti assicuro che in me non c'è un minimo di presunzione, non voglio dare consigli ma esprimere il mio parere su cose superficiali come il proprio modo di vestire. Non sono il direttore di Esquire, non leggo l'uomo Vogue. Mi dispiace che tu possa pensare che io voglio dogmatizzare la moda, assolutamente. Non saprei nemmeno da dove cominciare. Ci ho scherzato, come ho scherzato quando ho scritto degli essenziali della donna 8se ti andrà di leggerlo è nei post di Agosto). Avevo specificato che erano indumenti che mi piacciono vedere sulle donne ma senza un briciolo di presunzione. Non ne sono davvero capace!

    RispondiElimina
  9. Sono quello della Riviera Ligure. Anche a me piace molto di più il Blue cmq il nero almeno in qualche occasione lo devi mettere (invito Black tie è di rigore lo smoking ovviamente nero). Condivido appieno sul maglioncino nero è molto rischioso :-D

    ah scusa per il nome questa volta mi firmo

    Luca (r.r.)

    RispondiElimina
  10. Bravo Luca, ovviamente il nero è consigliato per certi eventi ma siccome non sarò mai invitato a qualche evento super-glamour posso stare tranquillo nel mio blu! Grazie ancora per i suggerimenti e i commenti, sei il benvenuto!

    RispondiElimina
  11. ciao sono Elisa...una domanda ma sei etero o omosessuale?

    RispondiElimina
  12. Ciao Elisa, una domanda: per te è davvero indispensabile al fine di questo Blog?

    RispondiElimina
  13. fantastico Lollino!! leggendo questa pagina ho visualizzato contemporaneamente il tuo guardaroba, dato che ogni riferimento non è puramente causale..
    grandissimo!! corro a leggere la pagina dedicata alle donzelle, tua giò<3

    RispondiElimina
  14. Lollo...perdona questa mia intromissione...ma se "Anonimo" leggesse abitualmente i tuoi post saprebbe che il tuo decalogo non vuole dogamtizzare proprio nulla, ma è solo un modo simpatico di descrivere il tuo modo di vestire...e saprebbe anche che si, la moda ti interessa molto, ma di far parte della milano en vogue non te ne frega assolutamente niente! quella dell'idolo milanese era chiaramente una battuta... Ad oggi il web è pieno di fashion blogger che pretendono di avere la verità in tasca su tutto ciò che riguarda lo stile, un applauso a chi con ironia (ma soprattutto autoironia)racconta i propri gusti e il proprio punto di vista, fregandosene se il resto del mondo è d'accordo o meno. E per giungere alla domanda di elisa : a mio modesto parere una persona di valore non perde tempo a chiedersi se chi ha davanti (o in questo caso dall'altra parte dello schermo) preferisce i modelli di armani o la modella di intimissimi, ma si limita a porsi 3 domande : è una persona piacevole e alla mano? è intelligente? ha personalità? se la risposta a queste 3 domande è si, tutto il resto non conta. e per quanto riguarda lollo ti assicuro che la risposta e indubbiamente si!!

    RispondiElimina
  15. Grazie Giorgina, un abbraccio!

    Carlottina, sante parole. Se pensate che Carlotta sia stata pagata per scrivere cose così carine avete ragione. Per ogni commento prende 10 euro! Lei mi conosce attraverso questo blog e attraverso le chiacchierate virtuali che ci facciamo. Concordo nel dire che assolutamente non appartengo alla Milano en Vogue (in realtà non ho mai sentito questa espressione), non sono un esperto di moda e non mi interessa saperlo. Il primo anonimo credo non conosca il mio blog, forse superficialmente sembro uno che dogmatizza gusti e stili ma non è così. Parlo delle cose da cui traggo un'ispirazione. Ho scritto anche un post sulla ceretta ma di certo non volevo dogmatizzare lo strappo dei peli. Per quanta riguarda i miei gusti sessuali vorrei che in generale il mondo se ne fregasse. Io non lego un articolo di Daria Bignardi e la prima cosa che vorrei chiederle è "Sei lesbica? Vai a letto con un uomo?". Non mi interessa, non mi interessa sapere se voi lettrici siete single, fidanzate, zitelle o bisessuali. Non cercate per forza di mettere delle etichette alle persone perchè è uno sbaglio enorme. Questo è un consiglio spassionato, serve nella vita perchè la persona a cui ponete certe domande non farà sicuramente piacere.

    un ringraziamento a tutti, uno speciale a carlotta!

    RispondiElimina
  16. stile originale e molto bello.
    P.s. prenditi sempre il meglio dalla vita.
    ciao e passerò spesso da qui
    Nicola freshONpr

    RispondiElimina
  17. Sempre Nicola, sempre e solo il meglio. Il peggio lo usiamo per sperare nel meglio.

    Sei il benvenuto!

    RispondiElimina
  18. be io ho progettato una gonna corta per uomo da portare d estate al posto dei pantaloni corti, che ne dici?

    RispondiElimina
  19. Adoro i porta documenti, poi il tuo di LV è molto elegante! Il primo paragrafo mi ha fatto troppo ridere :-) Quindi anche per te settembre non è stato un bel periodo, mi spiace tanto!

    RispondiElimina
  20. Lollo, hai letto le mie puntate Rotocalco sulle scarpe da uomo? Vorrei un tuo parere :D

    Ne devo ancora scrivere un paio a riguardo^_^.

    Il mio fidanzato segue pedissequamente, e da sempre, questi tuoi punti.

    Baci,
    Momo

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!