venerdì 30 novembre 2012

"PEZZENTI CON IL PAPILLON" DIVENTA E-BOOK O COME DIAVOLO SI DICE



Questa volta ho peccato di presunzione e ho tentato una strada alternativa.
Nell’aprile del 2011 vivevo a Parma, scrivevo tantissimo sia sul blog che su quei vari taccuini Moleskine su cui mi sono fatto venire numerosi crampi alla mano, e un giorno mi è balenata in mente l’idea malsana di raccogliere tutto in un “libro”.
Ho cominciato quindi a scrivere con un approccio più metodico, vedendo un filo conduttore in tutte quelle puntate apparentemente disparate, assumendo lo stesso punto di vista esterno per raccontare ciò che meglio conosco al mondo: me stesso.
Poi c’è stato l’Erasmus che ha ingigantito i miei sentimenti e la mia passione per la scrittura, tanti i personaggi buffi da descrivere, tante le battutacce da caserma che potevano far sorridere chiunque, questo ha fatto sì che tutto potesse prendere forma senza che io l’avessi imposta a priori.

Io così so scrivere, pezzi scuciti di vita con un po’ di humour, un po’ di risatine soffuse e la semplicità di cose che viviamo quotidianamente.
Così oggi, prendendo il giusto coraggio e mantenendo la giusta umiltà, ho deciso di pubblicare questo “libro” (difficile definirlo tale, i libri sono quelli di Dacia Maraini, di Camilla Cederna, io sono Lorenzo Bises, diamine) versione e-book su Amazon.
Perché?
Un semplice motivo: perché no?
Mi sono messo in gioco, sto provando a realizzare un mio sogno.
“Pezzenti con il papillon” è un polpettone, sapete quelle ricette della nonna dove lei butta dentro qualsiasi cosa trovi nel frigorifero perché deve partire per Cervia in vacanza? Ecco.
Io ci ho buttato tutto me stesso.
Ci sono le mie coinquiline pugliesi e la loro impegnativa madre, i miei amici e la mia famiglia, addirittura il segreto del budino di mia nonna, qualche pillola di moda, tante nefandezze del malcostume di provincia, i miei vizi e le mie poche virtù. E poi crisi relazionali, abbandoni nostalgici, vita notturna ed eleganti Vernissage. In questo libro si può trovare la vostra vita raccontata da me perché quello che ho vissuto io è quello che vivete voi tutti i giorni anche se in altre città.

C’è tutta la meravigliosa e divertentissima avventura dell’Erasmus, gli incontri fortuiti sul treno o sulla metropolitana, le domande strampalate dei bambini al corso di nuoto, i professori e la compagna tamarra delle elementari, insomma c’è tutto. Un polpettone con il papillon.
Ci sono pezzi estratti dal blog, quelli con cui abbiamo riso di più e con cui siamo entrati in contatto commento dopo commento, riadattati per il libro togliendo qualche fronzolo, altri invece sono del tutto inediti scritti appositamente per questo lavoro in cui ho creduto fin dal primo istante.
Insomma, è difficile parlare di questo libro per me che l’ho scritto.
Spero potrete farlo voi.
So che non sono Alfonso Luigi Marra e che non potrò mai avere uno strategismo sentimentale al pari livello di Manuela Arcuri, MA, ma sono sicuro che qualche risata sulla tazza del water ve la farò fare.
E per ogni copia scaricata vi mando un set di dodici pentole in acciaio Inox, un set per cuocere a castello (se mai riuscirete a eludere alcune delle leggi della termodinamica) e anche un materasso losangato per il vostro My Little Pony.
Se non vi ho convinto così allora il mio animo Mastrota si ritira a vita.

Altrimenti questo è il link dove trovare “Pezzenti con il papillon” così da leggerlo sul Kindle (?) sull' iPad (??) e sul vostro chiccosissimo iPhone (rischiando la paresi della cornea), e sul pc, possibilmente con un cuscino sotto al sedere

(Un grazie di cuore a Sarinski che davanti a una tazza di tè caldo mi ha detto “Provaci, fallo” mentre io ancora stavo pensando “Che meraviglia di capelli” seguito da “Oh Dio che shatush”).
E figurati se non scrivevo ancora la parola shatush, è un’ossessione la mia.

29 commenti:

  1. ahahahahahah sei un grande :D

    RispondiElimina
  2. non c'ho soldi!mi spiace!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purupupù, potessi regalartelo lo farei per Natale più che volentieri.

      L.

      Elimina
  3. Mi ci fidanzerei con te...probabilmente!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se ti conviene!
      Beh, se anche non hai soldi ma solo per un attimo hai pensato "Lo vorrei leggere" sono contento uguale!

      Elimina
  4. infatti,ho detto probabilmente...si sa mai, la fregatura è sempre dietro l'angolo.
    "conoscendoti leggendoti" nn è abbastanza!
    ...diciamo che non mi dispiacerebbe leggerlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene, dovrai solo risparmiare 5 euro, lo so, per noi senza una lira sono 5 pacchetti di pop corn, tre biglietti del metrò e un pacchetto di sigarette se fumi, spero di no.

      dici che se po' fà?

      Elimina
  5. L'ho preso! Proprio ora lo sto trasferendo sul Kindle! Avevo giusto bisogno di una nuova lettura da alternare ad Anna Karenina che procede a stento...

    PS: Anna mi sta tremendamente sulle balle...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh grazie Ire, poi voglio la tua obbiettiva recensione eh!
      ti abbraccio, viva Anna che a febbraio corriamo a vedere il film!

      L.

      Elimina
  6. Tesorrrrrrrr...mi strapiace! bravo!!!
    Ho sempre adorato la tua ironia, criticità, il tuo modo di scrivere...Sono sicura che il libro sarà altrettanto incredibile! <3

    LiDì

    www.fashiondeliz.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie LIDI,
      è un lancio più personale che strategico, avevo voglia di farlo e sono contento di aver avuto il coraggio!
      L.

      Elimina
  7. Uffi Lorenzo, io non ce l'ho il Kindle! :(
    Come faccio?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo si può scaricare sull'iphone, l'ipad e anche sul pc!
      In caso non riuscissi scrivimi all'email

      spice_87@hotmail.it

      Baci

      Elimina
  8. Io voglio il copyright sull'ultima riga <.<

    RispondiElimina
  9. Sono troppo contento di avere scoperto il tuo blog.
    Anche io, ho innumerevoli idee per le testa, avrei bisogno di infiniti blog. :-)
    Un abbraccio, il tuo omonimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lorenzo, grazie mille! Spero che avrai il coraggio di scaricare il mio libro, forse lì è ancora più chiaro quale sia il mio mondo.
      un abbraccio a te e grazie per i commenti così carini!

      L.

      Elimina
  10. Io non so come fai, ma quando ti leggo riesci sempre a strapparmi almeno una risata, quindi per te rischierò anche la paresi alla cornea, e il pestaggio da parte dei compagni di bus, se mai penseranno che rido di loro. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. AHAHAHH
      hopaura per la tua incolumità, quindi fai una risata soffocata, poi quando sei a casa esplodi!
      Aspetto una tua obbiettiva recensione, grazie mille!

      Un abbraccio

      L.

      Elimina
  11. Che dirti: bravo.
    Meriti un applauso (tu) per esserci riuscito e (Sarinski) per averti convinto a farlo.
    C'è solo una cosa che non mi piace di tutta la faccenda: il fatto che sono una pezzente (senza papillon però) che non ha né ipad, né iphone, né kindle. Anzi, il kindle manco sapevo cosa fosse fino a 5 minuti fa...è preoccupante!
    Per fortuna ho il pc e posso leggermelo lì!!!

    I miei complimenti Lorenzo e tanti cari saluti.
    Alla prossima

    baci G.
    Vuoi aiutare In Moda Veritas ad entrare a far parte della IT FAMILY di Grazia.it? Vota cliccando qui e poi sul cuoricino. Grazie mille <3
    IMV su Facebook
    IMV su Bloglovin'

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Greta,
      davvero!
      Sì, lo potrai leggere sul pc, come farei io perché come te non possiedo niente di tecnologicamente superfluo, sigh, pezzenti fino in fondo!

      l.

      Elimina
  12. No ma io ti devo ringraziare.
    Ti devo ringraziare per aver commentato il mio blog e per avermi permesso, così, di fare la tua (virtual)conoscenza. Ho scoperto un altro blog di un'altra persona figa, che SA scrivere, con cui mi drogherò.

    Ciao Lorenzo, e bravo. Il tuo e-book me lo voglio divorare! :)

    Ang
    www.madamelagruccia.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh a dire il vero, sono io che ringrazio te di essere passata e soprattutto sono contento di averti trovato così posso seguirti, mi piace il tuo blog.

      Grazie mille

      L.

      Elimina
  13. ti ho scritto una mail all'indirizzo spice_87.
    Un bacione

    RispondiElimina
  14. Peccato che ho molto da fare, altimenti mi passerei un pomeriggio tutto a leggerlo, un capitolo dietro l'altro, come una ciliegia tira l'altra!
    Sei bravo e creativo! la tua creatività emerge ovunque e quandunque, anche dalle foto su twitter (che mi faccio passare spesso eh eh eh)

    RispondiElimina
  15. Appena approdata, ho letto qualche articolo...lo compro.

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!