venerdì 16 novembre 2012

LE REGOLE DEL NON-ABBANDONO



Il dramma della vita, oltre che sopportare il pesante fardello della stitichezza cronica, a parer mio, è la scelta del proprio compagno di vita.
E se non proprio di vita, almeno di una passeggiata in allegria.
Già è difficile avere a che fare con noi stessi, figuriamoci se poi volontariamente ci immischiamo in situazioni compromettenti per cui la pazienza diventa la dote a cui appellarci di più.
Metti conoscere qualcuno in un posto semplicissimo, ad esempio il supermercato, le dinamiche sarebbero le solite. Uno sguardo improvviso nel reparto surgelati, dove a causa di un freddo siberiano i vostri capezzoli attirano l’attenzione anche al bancone dei salumi e vengono chiamati in cassa centrale.
Poi uno sguardo più languido nel reparto scatolame, magari come capita (solo) nei film vi sfiorate le mani delicatamente mentre entrambi decidete che volete quel barattolo di piselli quando attorno siete assediati da altre cento marche.
Alla cassa, testimone la solita cassiera con le unghie finemente laccate e la rosellina disegnata, vi scambiate il numero e decidete di risentirvi per bere un DRINK insieme.


DRINK.
Concetto che racchiude in sé il sesso occasionale e selvaggio, un fidanzamento precoce, una serata simpatica per cui poi si sparirà senza lasciare tracce alcune.
Il fatidico primo appuntamento prevede regole ferree, come:
-niente rucola, si infila tra i denti e l’effetto farebbe scappare anche il più disperato degli amanti
-niente alcool a stomaco vuoto, a meno che non vogliate dare spettacolo, pietoso
-niente racconti su ex fidanzati, mai

Sull’abbigliamento bisogna soffermarsi un attimo di più.
Innanzitutto, io dico sempre che non bisogna esagerare perché la verità e il giusto stanno sempre nella mezza misura. Mai troppo tirati, altrimenti ci si mette in testa che tu sia sempre così e quando comincerai a sfoggiare mise imbarazzanti l’abbandono potrebbe incalzare dietro l’angolo.
Tacchi (troppo) alti. NO.
Minigonna vertiginosa previa ceretta. SI ma con la giusta cautela.
Scarpa nera da bancario. NO.
Cravatta. NO.
Sciarpina da Briatore. NO.
Camicia con il risvolto alle maniche e fuori dai pantaloni. SI.
Vestitino a fiori con ballerine. SI.

Al primo appuntamento ci si deve conoscere, impanare, senza per forza capire al volo cosa c’è dietro occhi stanchi e capelli tinti male, è un’infarinatura di una cosa che potrebbe finire là malamente o iniziare nel migliore dei modi.
Si chiacchiera delle solite cose.
“New York è bella”, “A Londra piove sempre”, “Mi piace il mio lavoro”, “Il mio capo è un cretino” e via discorrendo con le solite banalità che però trovano un appiglio in tutti e che sono facilmente condivisibili anche con persone di cui non sappiamo nemmeno il codice iban.

Niente i-Phone o cose del genere, la tecnologia al primo appuntamento deve eclissarsi, sparire, a meno che non abbiate un problema tecnico e la persona che avete davanti sia l’unico esemplare di ominide capace di risolvere il tutto in pochi secondi.
Altrimenti spegnere gli apparecchi, le onde elettromagnetiche potrebbero disturbare l’atmosfera romantica ricreata con una candela che hai acceso tu con un accendino che viveva come un reperto archeologico nelle tue tasche da ex tabagista.
Per il resto il primo appuntamento è una scoperta ed una scommessa.
Può essere un momento tremendo come uno dei migliori della vostra vita.
Godetevelo, sempre.

43 commenti:

  1. ahahahha la stitichezza cronica, un vero dramma!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è un dramma che conosco bene, ma mi faceva ridere come l'avevi scritto!

      Elimina
  2. Il problema è quando il numero di primi appuntamenti supera di gran lunga quello dei secondi. Allora uno si fa delle domande :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Domande esistenziali, sugli altri ovviamente

      Elimina
  3. Approvo pienamente i NO alla tecnologia e ai discorsi sugli ex : sono il modo più facile per passare da "amanti" a "amici" -.-
    L'outfit è importante e secondo me deve colpire, ma come dici tu senza esagerare ;)
    E poi io aggiungerei un punto : vogliamo farlo un post sul fatidico momento del CONTO?? Chi, come, quando e perchè deve pagare per evitare FIGURE OSCENE E IMBARAZZANTI. Grazie <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh no, il conto no, altro che post, qualcuno con una forte competenza in materia dovrebbe scrivere qualcosa a riguardo!

      L.

      Elimina
  4. Tutto incredibilmente vero! Sento di dissentire solo sul "vestitino a fiori e le ballerine" , che secondo le mie fonti rappresentano l'antisesso alla stregua dei gambaletti ormai agé.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' finita l'era dei gambaletti?
      Sarò all'antica ma a me piacciono, ovviamente non quelli color carne 80 denari che fanno le gambe gialle.

      Elimina
    2. Oddio i gambaletti no, PER CARITA'! Meno male che io non mi troverò mai di fronte a una cosa del genere ahaha

      Elimina
  5. Ma una borsa di Prada non è meglio di un uomo? Ma anche in questo caso, accompagnate da tale compagno, bisogna vestirsi con criterio ;)

    RispondiElimina
  6. Pensavo che di stitichezza cronica soffrissero solo le donne ;) Bello leggerti, come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tsé, ci sono momenti che stitichezza è il mio secondo nome.

      Bello sapere che mi leggi cara Anna!

      Elimina
  7. Dimentichi la galanteria!
    Una volta sono uscito con un ragazzo più grande di me, era ingegnere e sapeva che io ero uno studente, malgrado ciò io sono andato nel suo paese e non mi ha neanche offerto il drink, anzi sono stato io ad offrire. Un tirchio di uno!
    Non ci sono più gli uomini di una volta ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' successo anche a me, per non parlare dei logorroici, una cosa insostenibile!
      Quelli che parlano parlano e ancora parlano senza mai fermarsi e solo su se stessi?
      Ciao e arrivederci a mai più.

      Amletino, buon pomeriggio

      Elimina
  8. chiedo anch'io il post sul conto! Al primo appuntamento secondo me l'uomo deve offrire, non esiste che mi inviti ad uscire e devo tirar fuori i soldi! Bocciato subito!
    Poi si può pagare una volta uno una l'altro, non sono una fissata del farsi sempre offrire ( anzi dopo un po' fa anche scroccona e non è bene ), ma mai, mai, mai ognuno che paga la sua parte, è una cosa che odio davvero tristissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non voglio uno che paghi sempre, però io non lavoravo e mi sono fatto della strada per andare al suo paese, la benzina costa, lui invece lavorava e non si è degnato di offrire, anzi ha scroccato, magari avessimo fatto alla romana. I brianzoli e i legnanesi sono brutta razza! Ma io dovevo capire quando ha detto: "A mezzogiorno, in mensa, mangio tanto, invece la sera, a casa, non tanto!".
      La prima volta deve pagare l'uomo, se si è tra due uomini quello più adulto o che guadagna di più, questa è la mia regola!

      Elimina
    2. Amleto hai tutta la mia approvazione, in più che fai strada per lui, poi questo manco ti offre nulla ma mangia poco perché ci ha dato dentro in mensa, che paura!

      Elimina
    3. In più lo sbattimento, guidare non mi piace. Menomale che non ho pagato il casello, se non una cannucciata nell'occhio ci stava!
      Credevi che fossimo a cena!? No, ma in un pub, quindi ancora più tirchio, perché non mi ha offerto un cocktail! Quella cosa sul cibo l'hai detta durante la serata, è stato il picco.
      Ciao Lorenzo ^_^

      Elimina
    4. D'accordissimo con te Amleto!
      Una mia amica tempo fa usciva con un ragazzo con parecchi soldi che l'andava sempre a prendere con la Ferrari ( del padre ovviamente...) poi le chiedeva il contributo per la benzina...I "braccino corto" sono da lasciar perdere! Mia madre dice sempre che chi è tirchio con i soldi lo è anche con i sentimenti...

      Elimina
    5. Oddio, non volevo sollevare un polverone ;)
      Ma questa cosa della Ferrari è inquietante... Hihihi
      Che persone, poi sono le stesse che fanno i fighi e i bauscia!
      Cara Irene, al mio paese si dice, ma io la scrivo in maniera più fine, "Certe persone non mangiano per non fare la cacca!" Ahahah
      Con questa perla di saggezza chiudo e vi auguro un buon fine settimana ;)

      Elimina
  9. posso stampare il post e farlo accidentalmente cadere ad un primo appuntamento?!

    RispondiElimina
  10. ooooops, NON SAPEVO DI AVERLO IN TASCA.
    Puoi, puoi tutto.

    RispondiElimina
  11. Ho letto qui in alto la storia dei gambaletti.. E' vero: non sono per niente belli.. Di certo non vanno bene un primo appuntamento (ma nemmeno per i successivi!), però sono comodi! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono comodi? l'importante è il colore, dai, magari qualche rombo o qualche righetta è carina se messa con attenzione e criterio!

      Elimina
    2. Ecco, io li ho anche a pois e maculati.. XD

      Elimina
  12. io ho problemi a procurarmelo il primo appuntamento, consigli anche per quello? questo tuo spiritosissimo vademecum è da tenere sempre in mente ad ogni modo. se incontrassi poi qualcuno che a sua volta lo ha fatto suo, tombola! ti faccio sapere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vai Nicolta, sono sicuro che troverai un primo appuntamento che sia piacevole o che sia spiacevole ma da raccontare e sbellicarsi dalle risate!
      Tutto fa brodo e tutto si ricicla!

      Ciao carissimo

      Elimina
  13. Hai dimenticato di dire niente cipolla o aglio!!!!! Credimi, è fondamentale!

    RispondiElimina
  14. o ma al supermercato si rimorchia così tanto?non si finisce mai di imparare nella vita;domani vedo se riesco a trovarne uno aperto e m fiondo al reparto "scatolame",mai messo piede in un supermercato,sono contro ad ogni lobby finanziaria,solo negozi con le sciure attempate che nemmeno più guardano un'uomo.Però mi rifaccio al parco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Al parco sì che si rimorchia seriamente, con il cane poi vai sul sicuro, è una sorta di buon investimento, vedrai.

      L.

      Elimina
  15. Scusate ma io vado a fare la spesa! ahahahah
    Che spasso i tuoi post e leggere pure la sequela di commenti che seguono! ahahah
    Ma dove hai lasciato le farfalle allo stomaco???? Mmm forse erano la stitichezza? :)
    Divertente come sempre, ma soprattutto, molto realistico il "DRINK.
    Concetto che racchiude in sé il sesso occasionale e selvaggio, un fidanzamento precoce, una serata simpatica per cui poi si sparirà senza lasciare tracce alcune." ahahahahhahah Pura verità!
    Alessandro - http://www.thefashioncommentator.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si chiama ESPERIENZA PERSONALE.
      E tu Ale, come ben sai, conosci le mie posizioni a riguardo!


      L.

      Elimina
  16. se io metto la minigonna con la cravatta vien fuori un drink niente male, anche se ci beviamo una cedrata tassoni

    RispondiElimina
  17. ti stimo fratello.

    New outfit post! Visit:

    http://rollickingmood.com

    RispondiElimina
  18. Io quando vado a fare la spesa sono più o meno così http://www.bemparana.com.br/politicaemdebate/wp-content/uploads/2007/12/00-britney.jpg

    RispondiElimina
  19. Sui capezzoli chiamati in cassa ho sputato l'acqua che stavo bevendo sullo schermo! Ecco, questa è un'altra di quelle cosa da non fare (e magari non raccontare!) al primo appuntamento!
    Ma forse le cose sono cambiate in questi anni...il mio ultimo "primo appuntamento" risale a 10 anni fa! =P

    Abbi una splendida giornata, caVo! =)

    RispondiElimina
  20. io e il mio ragazzo ci siamo conosciuti nel posto più insolito, (la cosa mi fa sorridere tuttora). Comunque il primo appuntamento è stato di pomeriggio per un tè :-). Non ricordo però come fossi vestito

    RispondiElimina
  21. carinissimo questo post!
    Se ti va passa da me che c'è un nuovo post!

    RispondiElimina
  22. io non si sa perché e per come capito sempre ai primi appuntamenti o iper pallida di ritorno da qualche influenza o con occhiaie da post-esami/impegni vari che non mi hanno fatto dormire per notti intere e come regola non vado mai troppo tirata: in conclusione, se mi chiede di uscire di nuovo nonostante tutto ciò FORSE ha anche ascoltato ciò che gli dicevo e gli è piaciuto :)

    RispondiElimina
  23. Capito qui dopo aver riletto (per la decima volta forse) il pezzo sulla povera Jennifer e dopo aver subito l'umiliazione inflitta dal mio cellulare che ha deciso in un fatale colpo di tasto di cancellare TUTTO il papiro che con tanto amore avevo scritto.
    Questo post mi piace tantissimo,si potrebbe estrapolare dei pezzi e dilungarsi in tanti tanti altri post perché ogni aspetto analizzato meriterebbe una speciale trattazione. Io sono borderline (cazzocene potresti ben dire) e questa é una premessa necessaria prima di perdermi in quello che voglio dire in merito al primo appuntamento,visto come disgrazia da un lato e come immensa gioia dall'altro (ecco perché sono borderline : ho due visioni di ogni cosa,dovrei scrivere saggi brevi forse). Il primo appuntamento significa RICOMINCIARE : ricominciare ad uscire con qualcuno,ricominciare a dare fiducia,ricominciare a curare il proprio corpo dopo la fase dell'abbandono che si presume aver vissuto se sei di nuovo al punto di partenza dato dal primo appuntamento. Il primo appuntamento é la rovina delle nostre sicurezze perché non saprai mai se la camicia che hai scelto é adatta o se l'altra persona ti si presenterà in pigiama (pregiudicandosi un secondo appuntamento) facendoti passare il resto della serata a bestemmiare in lingue che nemmeno conosci per il tempo perso a vestirti e le speranze che hai investito nell'ennesimo appuntamento fallimentare a giudicare dal modo di presentarsi dell'altra persona. Poi c'é il momento in cui devi rompere il ghiaccio e l'altra persona decide che elencarti il suo 730 o parlare del suo credo politico sia un giusto rimedio alla tua faccia stile "che cavolo hai pensato quando hai messo il pantalone Tezenis con le Air Max bianche" e quindi siamo al secondo motivo per cui non vedi l'ora che giunga la fine della serata. Il primo appuntamento però é anche gioia,speranza,eccitazione,emozione,voglia di dare fiducia al prossimo,é rimettersi in gioco e credere che non morirai solo con 7 gatti perché nel tuo film preferito il protagonista va al tabaccaio a comprare due stecche di sigarette e quindici pacchi di Kleenex e nello stato pietoso in cui é uscito riesce anche a rimediare un appuntamento : "se ci è riuscito lui,perché non devo riuscirci io?". Forse perché lui si chiama Adam Brody o Jhonny Depp o perché il tuo idolo era il masochista James Dean ma sorvoliamo,vogliamo essere ottimisti. Il primo appuntamento significa rispolverare termini che nella fase di autocommiserazione avevi dimenticato di conoscere,significa sorridere civettuosamente e masticare cibo come se avessi tutto un giorno per terminare quella singola pennetta rigata,significa sentirti di nuovo vivo,sperare di essere desiderato e immaginarti il giorno in cui da vecchio vicino al camino racconterai di come,dopo aver perso le speranze,hai incontrato la persona giusta che ovviamente hai seppellito perché tu sei piú longevo ed eri il prescelto per raccontare ai posteri,davanti al fatidico camino,la vostra storia d'amore. Il primo appuntamento é tutto questo. Il modo per procurarselo é frequentare tutti i supermercati della zona,tutte le tabaccherie e i posti dove vorresti incontrare la TUA persona (eviterei sale Bingo e ricevitorie ). Il primo appuntamento é una disgrazia,una disgrazia che si spera si riveli magica.

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!