venerdì 28 giugno 2013

LE SPLENDIDE



Dalla rubrica BAGNINI CON IL PAPILLON

Sorvolando il fatto che un laureato in storia dell’arte con una convinta grafomania debba lavorare come bagnino in una piscina della bassa padana come quando aveva 19 anni, questo lavoro estivo mi permette di osservare, appuntare e approfondire alcuni personaggi.
Le Splendide sono le prime conosciute in questo inizio di stagione, Giulia e Federica vanno sempre in coppia e sono un po’ le dive della piscina, dove ci sono loro ci sono orde di ragazzi che potrebbero fare i giocolieri con gli ormoni in subbuglio.
Giulia è bionda, con lo shatush s’intende, ha un bel viso, un bel fisico e le unghie ricostruite e dipinte di un azzurro Tiffany. Federica è mora, riccia, ha l’apparecchio, magrolina e la cover dell’iPhone abbinata al costume.

“Ragazze ma quanti anni avete?”
“12, quasi 13, siamo del 2000”.

Incredibile il mio spasmo all’idea che queste dirompenti adolescenti abbiano la metà dei miei anni e siano già così impostate, furbe e disinibite.
Loro odiano la cuffia, tant’è che prima della nostra conoscenza ho dovuto urlare:

“Hey bionda, hai finito di fare la splendida con i capelli e ti metti la cuffia?”

Perché la cuffia a detta loro “Non sta bene con i capelli”e così passano le loro giornate a sistemarsi la chioma.
Federica per i capelli ha ormai assunto una posa con la testa perennemente inclinata, li tocca di continuo e quando parla con me in realtà lo fa per specchiarsi nei miei Persol scuri e vedere come le stanno i ricci.
Soprannominata “l’inclinata”.
Insieme cinguettano e si atteggiano, sul bordo vasca incrociano sensualmente le gambe, fanno la doccia come fossero a un concorso di Miss topless bagnato e starnazzano “Bagninoooo, mi toglie la cuffia” perché i maschi del circondario fanno a gara per trattarle male, è solo così che attirano la loro attenzione.


Un po’ dive, un po’ narcisiste, passano i pomeriggi in gruppo, come ogni tredicenne del mondo durante l’estate. Si sentono grandi e si atteggiano a donne dall’aria vissuta.

“Ma non ti piace Nicolas?” chiesi a Giulia perché mi sembrava esplicito che ci fosse del tenero visto i giochi d’acqua “ti spruzzo, faccio finta di annegarti e poi ti lancio la cuffia” che nel gergo adolescenziale dichiara cotta fulminea.

“Ma no, è stato con la mia migliore amica e poi non posso, mi sono lasciata l’altro ieri con il mio tipo dopo sette mesi”.

UNA TRAGEDIA. Anche per l’uso della parola “TIPO”.
Talmente disperata che lei fa la sirenetta in piscina e il suo ex, un tamarro cosmico che tiene la cuffia lasciando fuori il ciuffo, ha già una nuova fiamma, Giada la nuotatrice.
Le splendide sono un tutt’uno ma intercorrono tra di loro sottili invidie e triangoli amorosi che forse un giorno le porterà a rasarsi i capelli l’una contro l’altra di notte durante la gita della scuola.
Quando saltano due giorni di piscina si scopre che “Siamo state al centro commerciale a comprare gli smalti colorati” perché l’abbinamento costume/smalto è una priorità assoluta.

Fanno le ruffiane “Sei il mio bagnino preferito, sai?”, si fanno fotografie controllando i capelli che sono una vera ossessione e fingono di non vedere i ragazzini che le scrutano dagli angoli più remoti della piscina.

“Oh, avete visto la bionda che culo?!”

E mentre le altre dodicenni si sentono dire da maschi insensibili “Hai più baffi di me” e combattono contro madri che non fanno far loro la ceretta mandandole in giro con peli nerissimi sotto le ascelle secondo la leggenda “Se li strappi ricrescono il doppio”, le splendide sono le indiscusse regine di quel regno che è la piscina.
Le splendide sono un bagliore di luce, scintillano.
Che sia per lo shatush o per il metallo dell’apparecchio.

18 commenti:

  1. Bel post, as usual! comunque mi ha colpito la frase

    “Ma no, è stato con la mia migliore amica e poi non posso, mi sono lasciata l’altro ieri con il mio tipo dopo sette mesi”.

    Ma è previsto il lutto vedovile anche per gli amori adolescenziali?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello che mi sono chiesto pure io! D'altronde lui già sta con un'altra, lei invece deve portare il velo nero? Naa.

      Elimina
  2. Io ero più "mia mamma non mi fa fare la ceretta", ma da grande ho dato una pista alle splendide, che chissà dove sono finite adesso! E comunque "W la ceretta"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E meno male, ogni cosa a suo tempo.
      Ceretta e ricostruzione unghie incluse.

      Elimina
  3. Anche tu sei il mio bagnino preferito! (sai che anche questo, scritto in un commento pubblico sul tuo blog, dichiara cotta fulminea? ♥)

    Comunque anche il mio cuginetto è del 2000 ma io voglio ricordarlo per sempre mentre gli facevo da babysitter a una manciata di anni. Non diventerà mai adolescente lui, mai. MAI, capito?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I maschi dodicenni sono ancora dei bambini per fortuna, si emozionano nel fare il tuffo a bomba e basta una palla per non capire più nulla.

      Puoi stare tranquillo ancora per un po'!

      (Ciao mio prediletto).

      Elimina
  4. A parte che ho dovuto leggere con attenzione la definizione di "Shatush" per la quinta volta;
    le splendide meriterebbero di inchiattirsi, entro i 18, come delle Gegia qualunque! A tredici anni, ai miei tempi, si puzzava come un branco di alci muschiati, nonostante la più meticolosa pulizia: era un proliferar di brufoli, ormoni, movimenti aggraziati come la carica degli gnu ne "Il Re Leone", e queste si permettono di pencolare, inappuntabili, a bordo piscina?
    Tu hai un dovere, nel tuo status di BagninoFigo: SMONTALE.
    Smontale senza pietà, come se fossero uno Smartphone dopo un pestone al suolo. Fallo per noi ex adolescenti INGUARDABILI, per le amiche dall'ascella renitente, per il bene della loro selezionatissima e futuribile prole.

    Grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Inappuntabili, impostatissime, ma alla fine giocano a fare le grandicelle, è normale no?
      Il momento dell'adolescenza in cui puzzi più di un gregge di bestie è una fase della vita da dimenticare.

      Povere madri.

      Elimina
    2. Però, pensaci. Eravamo già noi: Splendide, Rinoceronti, DiversamenteUmani... -lacrimuccia-

      Elimina
  5. non smetterò mai di leggere i tuoi post perchè sono di un verismo pazzesco! Io ti adoro, lo sai..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Guapita, detto da te è un onore! <3

      Elimina
  6. Superquoto il commento di Deus Vult! Noi che a tredici anni avevamo un taglio di capelli orribile imposta dalla mamma! Vendicaci!
    Sicuramente saranno anche fan sfegatate di Justin Bieber, ste impunite. ANNEGALE!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Impunite mi ha fatto sputacchiare dal ridere!
      Indagherò su Justin Bieber, ma se fosse ci stupiremmo?

      Elimina
  7. ...Uhahaha...lollo...sto male.....l'altro giorno è apparsa la madre della bionda!!!e ricordati....LE AQUILE NON VOLANO COI PICCIONI.....

    RispondiElimina
  8. “ti spruzzo, faccio finta di annegarti e poi ti lancio la cuffia”...sono in perenne cotta!!! Marco Firri :D

    RispondiElimina
  9. Ho sorriso tutto il tempo mentre leggevo il post, grande!

    RispondiElimina
  10. hai ragione tu, beate loro...così impostate già a tredici anni....grande Lori, come sempre. BACI

    RispondiElimina
  11. ma il bagnino vedrà anche manzi accanto alle cesse no?

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!