venerdì 5 agosto 2011

Essere single: IL SEQUEL.

Avevamo lasciato la mia amica Alessandra (non la frociarola ma l’altra) a Settembre in questo stato:

Dopo nove mesi non è una ragazza madre ma le nostre drammatiche situazioni non sono cambiate. È cambiata la location, dal nostro cortile in stile giapponese a Loreto ci trasferiamo al Bar Passerella in San Babila. Un caldo atroce, una piadina farcita d’oro visto il prezzo, un cameriere che continuava a guardarle le tette.
“Ma sei una strafiga spaziale”. Abbronzata, raggiante, un fisico invidiabile, una simpatia spontanea. Lei è così, non passa inosservata ma come tutti ricerca sempre l’impossibile.
L’impossibile si chiama Commesso Bershka, quello del sesso e dei grattini. “Ale, ma ancora insisti con questo pirla che gioca a nascondino?” si intimidisce “Eh, lo so, ma che devo fare? E’ carino, lavora in centro ed è stranamente etero. E’ utopia trovarne uno così”. Ammissione di colpa si chiama. O tempi di crisi.

Dopo nove mesi infatti la nostra amica non ha ancora avuto un appuntamento coi fiocchi che non prevedesse riferimenti a ragazze napoletane dalle cosce chilometriche, rivelazioni scabrose e nascondini alternati a pochi momenti di dolce lucidità.
“E’ sparito, passavano settimane in cui ci vedevamo e poi puff. Lui voleva una storiella easy e allora io facevo la ragazza easy”. Definiamo il concetto di rapporto “easy”.
Lo googlo ma non trovo molto allora decido di calarmi nella modalità “Zanichelli”.
EASY: far finta di non avere un legame sentimentale e approfittare di momenti insieme avendo l’ansia del futuro. Sentirsi felici e poi distruggersi di Nutella, aver voglia di mandare un messaggio ma farsi sequestrare il telefono in una cassetta di sicurezza in Svizzera. Pessimi risultati, sempre.
“Gli ho anche mandato dei fiori”. Impallidisco, lei che potrebbe avere ai propri piedi uno stormo di passeri in amore manda fiori ad uno che lavora da Bershka e che avrà il cervello ustionato dalle compilation del negozio. “Ho anche messo una foto profilo che possa attirare la sua attenzione ma nada de nada, è sparito e quando ritornerà sono sicura che farò la dura per un’ora ma la sera accetterò un suo invito”. A Milano per sopravvivere i single hanno drammi da affrontare che nemmeno Mosè e il suo popolo. Dividere le acque? Maddecchè. Qua si devono dividere le categorie di personaggi che puoi incontrare. Dividere, catalogare e chiedere ad eventuali conoscenze generalità e curriculum vitae. “Che sappiamo di Tizio?” si chiede per messaggio “E’ stato con Caio ma ogni tanto puccia con Marella”. “E’ carino, vai e colpisci”. “Proprietà privata, sono mesi ce flirto con lui ma non ci sta”. “Se ti avvicini considerati un eunuco”.


“Ale ma che fine ha fatto Matteo, quello della Bocconi?” le chiedo cominciando a spulciare nei ricordi dei suoi ultimi spasimanti. “Ma chi? Capezzoli enormi? No, bocciato”. “E Luca? Il marchese decaduto?” “Uh quello è peggio della lebbra” sto per arrendermi ma mi viene in mente Fabio, dalle foto su Faccialibro-mi-faccio-i-fatti-altrui sembrava un bravo ragazzo ma viene subito declassato. “No dai, uno che esce con me, io tutta carina con sandalo alto e lui con jeans cavallo basso e infradito di gomma”. Chapeau, quando un ragazzo si presenta ad un appuntamento con le infradito di gomma sta cercando di sfidare le sorti dell’umanità. Sconfitta assicurata.
“Hai provato a cancellare il numero?” le consiglio “Certo, ma prima avevo tenuto le ultime quattro cifre segnate sull’agenda e poi l’ho pure imparato a memoria”. Mai errore più grosso. Non bisogna mai imparare i numeri a memoria se non sono riferiti a parenti dello stesso sangue, amici dammi-la-spalla-che-ti-smoccolo-sopra o fidanzati. E per fidanzati mi riferisco a quella pessima categoria per cui devi cambiare piano tariffario o addirittura operatore. Rigorosamente dopo i due anni, prima non è cosa da farsi per nessuna ragione al mondo. Finite le mance di nonne e zie piuttosto.
“Secondo te cosa dovrei fare Lollo?”. Io che nella vita dico a mia sorella che in amore vince chi fugge e poi mi trasformo in un pianerottolo con lo zerbino che sorride, posso avere la presunzione di suggerire a qualcuno come comportarsi con il genere maschile-femminile-gay-lesbo-trans?

No. Però ci provo. “Ale, scappa, devi scappare. Devi evitarlo, devi allontanarti più che puoi. Chiodo schiaccia chiodo, prima o poi non ti darà fastidio pensarci e se te lo ritrovi sotto casa a parlare con tua madre perché “passavo di qui” potrai chiedergli anche di buttarti la pattumiera visto che c’è”.
Pensiero illuminante, consiglio inutile. Io e lei insieme facciamo una squadra di netturbini, raccogliamo il peggio della città e magari corriamo pure dietro a certa gente che vale meno di zero.
Raschiamo sistematicamente il fondo del barile pensando di trovarci dentro l’oro. E invece.
È come con la Pasqualina, credi di trovarci dentro Il cristallo del cuore di Sailor Moon e invece ci trovi quei falliti dei My Little Pony che scaraventeresti giù dalla finestra al primo falso nitrito.
Finisce la pausa pranzo e ci dobbiamo salutare. L’ho convinta a lasciare stare camicia-a-quadri-Bershka. “Ah Lollo, se vai da Bershka lui lavora al primo piano, carino, barba folta scura, occhi chiari ed è anche spallato. Poi dimmi com’è.”.

La prova che i miei consigli non servono a nulla.
E ho sorvolato sull’aggettivo “spallato”. Truce da morire.

28 commenti:

  1. adoro come sempre!! allora non posso che concordare pienamente su quei fottuti e maledetti My little Pony del cacchio! (pensa che io il cristallo del cuore l'ho solo visto in Tv a mai dal vivo! ed ho 21anni e la morte si avvicina inesorabilmente!!!) comunque sia io in amore sono decisamente come voi ovvero raccogliere il peggio ed oserei dire quasi "l'impossibile" della serie "peggio di così non puoi andare" ma poi ho l'abilità di trovare quello ancora peggio dell'ultimo (al peggio non c'è davvero mai fine ahimè).
    certo cacchio un commesso di Bershka etero è davvero una rarità ahahahahahah
    ma spallato che vuol dire? palestrato?
    baci

    RispondiElimina
  2. ahahaahhahahah...ma sei tremendo!! hahahaahaaha

    RispondiElimina
  3. oddio Lollo, è stato proprio il post dell'Inferno dantesco che mi ha fatto diventare dipendendente dal tuo blog.
    Non aspettavo altro che il sequel.
    Sempre più geniale!

    RispondiElimina
  4. la definizione di easy è perfetta e leggere questo post oggi.. è un segno del destino. scritto magistralmente come sempre!

    RispondiElimina
  5. Sono pazzo lo so, ma un sequel ci voleva per forza. Le cose migliori hanno sempre un sequel. Seppur si riveli sempre uno sfacelo.

    Lollo.

    RispondiElimina
  6. Com'è dura la vita di noi single...

    RispondiElimina
  7. Povera Alessandra! Come si dice in toscana: datti all'ippica! Lascia proprio stare e cambia totalmente!

    ;))) Grande Lollo! :*

    RispondiElimina
  8. Aleee ti stai fossilizzando con il peggio del genere maschile!Cambia ambiente,ti consiglio il "genere" sportivo,non i narcisisti che si specchiano nelle palestre,ma quelli che fanno sport veri,hanno abitudini sane,si lavano,non bevono, non si drogano, sono puntualissimi, affidabili e...spallati e fisicati.Io l'ho incontrato in un circolo tennis...ed ero solo una spettatrice.Comunque in bocca al lupo e....aspetto il sequel!Ciao Lollo,un bacione dalla zia

    RispondiElimina
  9. ..sto povero ragazzo ora avrà le classi in gita scolastica ad ammirarlo! manco fosse un bronzo di riace! se bershka (corso?) non fosse almeno a 60km da casa (mia), giuro che una capatina fino al primo piano ce la farei, giusto per curiosità, per onor di cronaca!
    di certo, dopo questo post, rimpiangerà di essersi volatilizzato.. ;);)
    bacio Lollo!
    V.

    RispondiElimina
  10. Lollo, tu mi farai morire!
    certo è che la musica a palla di Bersha è acerrima nemica dell'attività cerebrale...
    però devi smetterla di maltrattare verbalmente i mini pony!

    Buon sabato Lollo

    RispondiElimina
  11. A voi tutti un week end più entusiasmante del mio. E buoni incontri, migliori dei miei sicuro.

    Vi abbraccio.

    RispondiElimina
  12. Auhuahauhauhauhauah XD Che ridere!
    Ma solidarietà alla tua amica!!

    RispondiElimina
  13. E' proprio vero. I migliori a dare consigli sono sempre i primi a non seguirli... e anche io da brava predicatrice ho sempre decisamente razzolato male. E adesso che invece sono quella inaspettatamente-non-più-single mi sembra di averci scritto in fronte "psicanalista" e sembra quasi che nel mio studio invece che un tavolo riunioni per i clienti ci sia un lettino da strizzacervelli O_O

    Attenzione però perchè i My Little Pony si riproducono come conigli e infestano la città facendo impazzire tutti i single con i loro colori pastello... che segretamente vengono apprezzati più di quanto si narri durante le sedute di spetteguless :-)))))

    Un abbraccio grande

    RispondiElimina
  14. Lollo, grazie grazie grazie!
    i paesaggi come quello delle foto sono l'ancora di salvezza dalla triste vita di provincia! :))

    buon sabato e buon fine settimana Lollo caro!

    RispondiElimina
  15. un sacco di solidarietà ad Alessandra soprattutto per quello delle infradito. Agghiacciante. :)

    RispondiElimina
  16. A volte le persone si vanno a cacciare in situazioni "impossibili" perché non vogliono legarsi realmente. Sarò ingenua, ma se io dovessi scegliere una persona con cui stare per sempre (o almeno "per abbastanza") cercherei una persona solida. E se dovessi notare una certa tendenza del soggetto in questione alla latitanza o alla "co**ionaggine", registrerei un immediato quanto drastico calo di interesse (insicurezza? forse...)!
    Ma devo confessarti che sono una persona che conosce davvero poco il mondo...e quest'ultime non sono parole dette per modestia, anzi...;)

    Spero che nonostante il mio italiano sgrammaticato si sia capito quello che volevo dire...in questo periodo di internet-less ho dimenticato come ci si relaziona col mondo!
    A proposito: corro a recuperare tutti i tuoi post che mi sono persa!

    Abbi una buona giornata caVo! =)

    RispondiElimina
  17. La prova che il mondo è pieno di idioti narcisi ed ignoranti è il fatto che non solo la tua amica non trova nessuno degno della sua personalità, ma che anche tu sia single!! Fossi stato etero, io sarei già volata a Milano e mi sarei presentata sotto casa tua con le valigie in mano per trasferirmi da te!
    Ah, il pezzo è fantastico, ovviamente (ormai non trovo più le parole adatte a descriverlo!).
    Kiss

    RispondiElimina
  18. Ciao, grazie per il commento.
    Ho letto un pò (per ora) il tuo blog e sono stata subito colpita dal fatto che FINALMENTE ho trovato un blog in cui si scrive e non dove si incollano decine di foto correlate da qualche riga buttata lì, quasi di compagnia.
    Ti seguirò ^_^ Ciao

    RispondiElimina
  19. Ciaooo! Se vuoi partecipare alla mia "Yellow Competition" hai 1 settimana di tempo per mandare alla mia e-mail anna.bnf@hotmail.it un tuo outfit con elementi gialli. Pubblicherò un post con tutte le vostre foto e il vincitore sarà deciso dai commenti. Premio a sorpresa :)

    The yellow ball

    RispondiElimina
  20. sono capitata qui da vari link a caso, incroci tra blog, come spesso succede. credo inizierò a leggerti per 2 motivi.
    il primo è che trovare un blogger maschio è più difficile che beccare un commesso carino ed etero nei negozi di san babila, tanto per restare in tema ;-)
    il secondo è che da 4 mesi sono tornata single anch'io... i tuoi post mi sembrano una specie di manuale istruzioni per l'uso che potrei tenere presente!

    buon agosto! nena

    RispondiElimina
  21. "il cristallo del cuore di Sailor Moon" è un tocco da maestro. E' sempre un piacere leggerti, soprattutto in vacanza :-)

    http://nonsidicepiacere.blogspot.com

    RispondiElimina
  22. Ma roba da matti... Eppure funziona sempre così... Ma perchè? Ad ognuno di noi servirebbe un bel pulsante qui dietro la testa che resetti i nostri irragionevoli e assurdi capricci e fissazioni, se così si possono chiamare.
    Anche io provo spesso a dare consigli, ma mi sono resa conto che i miei amici poi fanno l'esatto opposto di quello che gli ho affettuosamente intimato, con affannosissimi discorsi logici e non...
    E vabbè, pazienza, ad ognuno il suo! ;D
    Baci,

    Cocò

    RispondiElimina
  23. La tua fortunata (?) amica entra da Bershka, va al primo piano e si ritrova davanti un figo da paura con occhi chiari, barba scura e folta, spallato ed etero. Io entro da Bershka, non vado al primo piano perché quello della mia città più che un negozio a due piani è un buco di 4 metri x 4, e incappo in un esemplare di scorfano frocio dotato di occhialoni targati Nerd City e cravatta rossa a pois gialli.
    (Tristemente tratto da una storia vera)

    Comunque a parte gli scherzi, questo tuo tastierascritto mi ha letteralmente fatto lacrimare dalle risate! Ti stimo fratello.

    http://chic-ago-g.blogspot.com/

    RispondiElimina
  24. Ahahah ma io ti adoro!!!! :D

    RispondiElimina
  25. Ok ho trovato l'ennesima persona da adorare. AhAhAh. Mi viene voglia di citare tantissimi pezzi del post!

    Grazie per essere passato da me ;)
    Ti seguo!

    http://www.veroniquevm.blogspot.com/

    RispondiElimina
  26. ti adoro! ;)
    Serena
    BONSOIR MADEMOISELLE
    http://bonsoirmademoiselle.blogspot.com/

    RispondiElimina
  27. Uffy, adesso ogni volta che leggo le tue storie mi domando se sono vere o frutto del tuo genio..
    Potrei andare da bershka a cercare.. ma se non lo trovo? sarà perché non esiste o perché è in ferie? o magari sarà in bagno.. o forse a un appuntamento di sesso e grattini!!!

    PS: se vuoi evitare che il tiggì parli di una ragazza che aveva una vita normale prima di piantare inspiegabilmente una tenda al primo piano di bershka ... DIMMI LA VERITA' !!!!

    GLORIA
    { Scacco alle Regine }

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!