domenica 31 luglio 2011

La 13esima fatica di Lollo



Prendete un ragazzo quasi pelato e quasi 24 enne che finiti gli esami al 29 di Luglio decide di tornare a casa, nella sudaticcia provincia milanese. Trasloco completo, dalle scarpe alle riviste patinate. Vanity Fair è la prima cosa che impacchetto, cestinando Barbara Berlusconi ma tenendo Bianca Balti, tentennando su Silvia Toffanin nessun dubbio per Elio e le storie tese: macero immediato. Torno a casa ed è subito festa direte voi, per me no. E’ subito pulizia, sgombero. Ho buttato via dei vestiti che nemmeno la vostra catechista (sono notoriamente le peggio abbinate sulla faccia del sistema solare) avrebbe avuto il coraggio di indossare.

Sabato 30, compleanno del papi. La ciurma di casa adempie ai festeggiamenti in un ristorantino molto chic ma dall’aria spartana in cui abbuffarsi di carne, piatto che non può mancare nel menù di una famiglia in cui lo shock sarebbe avere un figlio vegetariano piuttosto che omosessuale.
Tra venti giorni è il mio compleanno e avanzando un regalo ho optato per la salvaguardia ufficiale dei miei occhi chiedendo a mammà (colei che idolatra il buon gusto) un paio di occhiali da sole.
Quale fatica. Sono mesi che passando davanti ad ogni ottico scruto vetrine, guardo i commessi, osservo eventuali pubblicità. Mi guardo attorno e cerco di capire quale montatura possa farmi sembrare una persona dotata di stile ma nello stesso tempo di cervello.
Non è da sottovalutare la scelta di un occhiale da sole. Quelli da vista non li tengo in considerazione perché avrei bisogno di una ricerca sociologica, probabilmente ci metterei meno a prendere la seconda laurea piuttosto che a decidere il giusto modello.
Quindi sabato pomeriggio prima del ristorante tutti a fare da stylist per me. Ecco, non fatelo. Il giorno del suo compleanno mio padre avrebbe voluto tutto tranne che mettersi a girare negozi per comprare il mio di regalo, nemmeno il suo, il mio.

Mia sorella, un amore di sorella, cercava di incoraggiarmi mostrandomi le montature più audaci senza rendersi conto che non solo ho una reputazione da difendere ma anche una dignità, quel briciolo che ancora mi rimane dopo aver indossato una treccina in fronte da hippy imitando Margherita Maccapani Missoni.
E poi mammà, punto di riferimento nella mia vita grigia per le argomentazioni su buon gusto, classe, raffinatezza. Lei, vera esperta a farmi sentire un cesso con un viso inadatto a qualsiasi modello di occhiale progettato dai migliori stilisti, ha decretato il suo successo in questo afoso pomeriggio.
“Prova questi Armani” “No, sono troppo grossi” “Hai il viso tondo, non vanno bene” “E questi con la montatura opaca, sono molto chic”. “Questi non li ha nessuno” “Devi prendere un paio classico, che non stufi e che non vadano di moda” “Devi distinguerti dalla massa”. “Questi? No, sono luccicanti”. Sembrava un momento surreale, io inghiottivo queste pillole del buoncostume mentre provavo ogni e qualsiasi genere di occhiale.
Poi da lontano vedo una faccia conosciuta, riesco a scorgere dalle lenti rosate di Dolce e Gabbana suggerite dalla crisi adolescenziale di mia sorella, un viso conosciuto. La mia compagna del liceo.
Non una compagna qualsiasi. Quella compagna. Tutti hanno in classe alle superiori la “figa”, quella che potrebbe mettersi anche una palandrana in faccia che non succede nulla. La messia del perizoma che esce dai pantaloni a vita bassa, la campionessa di “tette strizzate”, quella che non ha mai letto un libro in vita sua ma che raggiunge un punteggio più alto del tuo alla maturità. LEI.
“Come stai? Che fai? Questo è il tuo ragazzo? Ah che belli che siete insieme” e tutte quelle cose che si dicono ma che poi si riferiscono alle amiche in altro modo.
Una volta ritornato alla realtà capisco che è giunto il momento di prendere una decisione.
Escluse venti montature ne rimangono due. (Passa la balla di fieno e suona la canzoncina Far West).
Impugno i primi. Rayban squadrati, tartarugati scuri ma opachi, lenti chiare. Effetto sapiente, quasi da divo mancato, faccia da ebete lesso con contorno di patate bollite.
Inforco i secondi. Persol, scuri, forma quasi arrotondata. Mia madre sorride, mio padre smette di mangiare caramelle al limone che ruba dal cestino vicino alla cassa, mia sorella non mi guarda con aria schifata.
E vittoria fu.

47 commenti:

  1. Ottima scelta, ottima :)

    MonsieurM

    RispondiElimina
  2. Piacciono, sono felice che tu sia sfuggito agli onnipresenti Ray-Ban.
    (E sono anche felice di vedere che c'è qualcun altro che, finiti gli esami, si mette a pulire l'armadio e ad eliminare i vestiti cattolici.)

    RispondiElimina
  3. Detto da te UNASNOB è un onore. Di vestiti vecchi e dimessi ne ho, poco cattolici ma brutti da Dio.

    RispondiElimina
  4. Quasi 24 anni per scegliere una montatura tu, 19 io.
    Non so tu, ma ogni volta che li indosso mi sento un figo!

    RispondiElimina
  5. ahahaahah che storia :D
    se ti puo consolare, anche mia mamma mi dice le stesse identiche cose della tua quando mi provo gli occhiali!
    la scelta mi piace molto! ho visto la foto dove li indossi! ed il risultato è perfetto ;)
    bravo lollo! e auguri al papà ;)
    baci

    RispondiElimina
  6. Dado, meglio che tardi che mai.
    Robi, grazie, sembro quasi un civilizzato.

    RispondiElimina
  7. L'odissea degli occhiali è finita bene allora!! Hai fatto un'ottima scelta, molto più raffinati dei rayban che ormai hanno tutti!!
    p.s. io non sarei stata indecisa se buttare o no la Toffanin, la parentela è quella!

    RispondiElimina
  8. Giulia hai perfettamente ragione, infatti è finita al macero insieme alla cognata Barbara.

    RispondiElimina
  9. chiamami la prossima volta che esci a far shopping! che meraviglia!!! p.S. ottima scelta! www.floressobrelamesa.blogspot.com cioé... colores... cioé Ada:-)))

    RispondiElimina
  10. io la mia odissea della scelta degli occhiali ancora non l'ho vinta..che agonia!
    mi piacciono quelli che hai preso, ottima scelta!

    aaarghhh gli esami!è che dopo un po' di pulizia va fatta per forza, con tutta la roba che si accumula durante l'anno...

    RispondiElimina
  11. Bellissimi! Papà ne aveva un paio identico quando ero piccina... Ci son troppo affezionata :) Ottima scelta!

    RispondiElimina
  12. haha, gli occhiali sono bellissimi, ma il meglio è sempre l' articolo!

    RispondiElimina
  13. Semplicemente perfetti. I Persol sono davvero raffinati, mia madre li ha ancora tutti originali dagli anni 70...fanno sempre la loro dannata figura!

    Ps: ma la treccina era quella che avevi anche a Torre? hihihihihhi Direi che ne è valsa la pena indossarla no?!

    RispondiElimina
  14. Ottimi!!! Ottimo tu caro! :D

    Bacione e buona settimana! :*
    Babysan

    RispondiElimina
  15. Ti prego la prossima volta voglio esserci!! Haha. La scena migliore è quella del papà che si consola con le caramelle offerte nei negozi :-)))

    RispondiElimina
  16. Ahahah! Bella scelta, per il prossimo acquisto anche io voglio la tua famiglia a consigliarmi!
    E voglio anche una mano per pulizie e sgombero che devo ancora fare. :S


    www.thebigiofactor.blogspot.com

    RispondiElimina
  17. la scelta degli occhiali è dura e lancinante, la mia miopia incalzante mi mette spesso alla prova...
    hai scelto un modello davvero classico e raffinato, per i prossimi potrai prenderti tutto il tempo che vuoi, questi sono immortali! :)

    buon lunedì Lollo caro!

    RispondiElimina
  18. Ragazzi mi emozionate. Davvero.
    Morena e Babysan, stamattina mentre nuotavo vi pensavo. Non chiedetemi il motivo ma mi siete venute in mente.

    RispondiElimina
  19. Oh Cristo ho vissuto la stessa storia Lunedì scorso... Con quelli da vista però!

    Presto ti farò vedere cosa ho scelto!

    George.

    RispondiElimina
  20. MI PIACI TROPPO COME SCRIVI.
    Baci Andy

    RispondiElimina
  21. Ottima scelta, davvero, davvero ottima! Ora voglio vederteli addosso però! ;)

    RispondiElimina
  22. Sei geniale, è inutile. Tutte le volte che vengo a snappare il tuo blog, me ne esco con un bel sorriso ebete sulla faccia :) ancora complimenti, anche per i nuovi arrivati ^_^
    http://rosachiara-confetturarosa.blogspot.com/

    RispondiElimina
  23. povero papà!!! ahah
    In attesa di vederteli indossati ;)
    [passa da me e se ti va seguimi su facebook. troverai il link sul mio post :D]

    RispondiElimina
  24. ma al papi cosa avete regalato?! :)))
    baciiii

    RispondiElimina
  25. grande lollo, ce l'hai fatta! quando ho letto dei ray ban tartarugati opachi mi è venuto un colpo.. temevo ne parlassi male, e già TREMAVO perchè sono i miei occhiali. ;);)
    so cosa significa avere un volto inadatto al 99% degli occhiali da sole presenti sul mercato.. ma diciamocelo: è il 99% degli occhiali da sole presenti sul mercato a non renderci onore, non il contrario!!
    (alla fine ce l'ho fatta ad aggiornare il blog. ola per me.)
    un abbraccio *
    V.

    RispondiElimina
  26. E' stato un parto difficile (beh, si fa per dire) ma alla fine ce l'hai fatta! Ed è stata una buona scelta, certo molto sobria...non so se si adatteranno alla treccina sulla fronte! Anche per me scegliere gli occhiali è un patimento, ma ti assicuro che per quelli da vista è anche peggio. Io ne ho alcune paia, ma quando giro a piedi o in bici, sto rigorosamente senza, a costo di salutare emeriti sconosciuti e di non salutare le mie amiche del cuore...Ciao!

    RispondiElimina
  27. Se posso permettermi, in quanto a stile pure le insegnanti di matematica se la giocano ad armi pari con le catechiste.
    Condivido su Bianca Balti,ma getterei seduta stante Silvia Toffanin.
    E per quanto riguarda gli occhiali da sole, ho una precisa opinione in merito: Mi faccio schifo con qualsiasi montatura. Qualche anno fa ne ho provate 47 nel giro di un'ora e ho scelto dei Ray-Ban modello parabrezza. Sono gli unici che mi stanno. O quelli, o voto per la congiuntivite da eccessiva esposizione al sole.
    Punto.

    RispondiElimina
  28. Nega, mi hai fatto ricordare la mia proff di matematica del bienno.
    Gonna a pieghe scozzese lunga, tronchetti di pelle e bavaglini fatti all'uncinetto.
    Devo scriverci assolutamente un post.
    Grazie.

    RispondiElimina
  29. Fai conto che io sono riuscito a scegliere 2 paia di occhiali in 25 anni, quindi ti capisco.

    RispondiElimina
  30. Mi ha fatto morire il momento dell'acquisto.. :D L'occhiale però va visto indossato caro Lollo! Io dopo gli esami mi prefiggo sempre di ordinare gli armadi.. e invece il caos regna sovrano!
    il mio portariviste ora è un comodino.. la pila è così alta che ha raggiunto il livello del materasso... per lo meno è pratica.
    Bisous
    Martina♥CipriaRétro
    cipriaretro.blogspot.com

    RispondiElimina
  31. Tesoro sei fantastico!!!!!
    NeXT time voglio vederti con indosso questi!
    Miss U... Quando parti?

    Titti

    RispondiElimina
  32. Non solo apprezzo, ma approvo totalmente la tua 13esima fatica. (e un applauso va alla tua mamma)

    Hai preso l'occhiale migliore, un intramontabile. Denota stile e classe allo stesso tempo.

    Come gia' sai, amo molto i Persol :-)

    Baci

    Http:/nonsidicepiacere.blogspot.com

    RispondiElimina
  33. mi piacciono, mi piacciono, mi piacciono!! Soprattutto le asticelle. Le asticelle Persol dicono "Guardami non sono uno da Rayban ma da Persol". (ah...colgo l'occasione per dirti che ho recuperato tutti i tuoi post vecchi...su Raperonzolo mi sono commossa :D)

    RispondiElimina
  34. Chapeau per voi.
    Aurora, Martina, Signor Ponza, Tiziana, Nonsidicepiacere e tutti gli altri.
    Io sono commosso. Io sono gratificato grazie a voi.

    Lollo

    RispondiElimina
  35. Proprio belli...anche se sono contrariato dal fatto che non ti piacciono Elio e le storie tese...:)

    RispondiElimina
  36. ciao Lollo,

    ottima scelta .
    Ho un paio di vecchi Persol , sono ancora quelli di Ratti prima che venisse acquisita da Luxottica. Qualche anno fa li ho dimenticati da un fornaio affollatissimo a Corfù, e miracolosamenti ritrovati (li aveva presi un vecchio pescatore e con sincero entusiasmo me li ha restituiti). Per scaramanzia non li indosso più.....ma li guardo spesso .

    ave

    RispondiElimina
  37. mi piacciono molto i persol hanno uno stile rètro che però non passa mai di moda!
    ottima scelta!
    http://theshopaholicnextdoor.blogspot.com/

    RispondiElimina
  38. Un bel "mi piace" per i Vanity Fair......e anche per gli occhiali!
    Da me, devo dire, che si portano moltissimo però sono anche molto belli e poi "un Persol è per sempre" heheheheh Bye

    RispondiElimina
  39. Ahaha, sono bellissimi e la Persol è sicuramente una delle migliori marche per gli occhiali :)

    www.neifilef.blogspot.com

    RispondiElimina
  40. Tua madre dev'essere fantastica...tuo padre lo immagino con la solita faccia di tutti i papà in un luogo in cui nn vorrebbero essere mentre la moglie e i disgraziati figli cercano di attentare alle sue finanze...e tu come sempre mi fai morire dal ridere..le tue storie di vita vissuta tra eleganza e humor sono uniche..complimenti per la scelta degli occhiali, più che un acquisto è stato un parto..ma ne è valsa la pena!
    fiorella

    www.rosafondente.it

    RispondiElimina
  41. Io ti faccio gli auguri ora perché so già che al giorno giusto mi dimenticherò/noncisarò.. ecc.
    Però non devi usarli prima del tyo compleanno eh! NON VALE !!!

    GLORIA
    { Scacco alle Regine }

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!