mercoledì 27 luglio 2011

RAPERONZOLO A TORRE DEL LAGO


IL SOGNO DI TUTTI I GAY. NON PER IL PRINCIPE MA PER I CAPELLI LUNGHI E BIONDI.
[Premetto che sto studiando per un esame ma ho trovato il tempo per scrivere questo post, commuovermi per i vostri sempre splendidi commenti e anche inserire la casella per le vostre domande su FORMSPRING qui sulla destra. Le aspetto con ansia. Insomma cagatemi, vi amo, vi lovvo, vi puzzo].


Qualcuno di voi ha mai messo piede a Torre del Lago Puccini in Toscana? Non mi chiedete la provincia o il codice di avviamento postale perché risponderei Barletta come Catanzaro viste le mie pessime imprese geografiche. E’ un posto famoso nel mondo LGBT ovvero tutto quel miscuglio di ominidi super colorati, sempre allegri, sempre sui tacchi e sempre alla moda, frivoli q.b. e donne lesbiche, uomini gay, bisex della serie “andocojocojo” e drag queen dai nomi più assurdi. Regina Miami come ben saprete voi che leggete le cronache mondane di Frocilandia è l’apripista di tutta la troupe e danza al famoso Mama Mia, discoteca dalle sfumature trash.

La Torre non c’è, per i nostalgici in pieno trip revival medievale la delusione è dietro l’angolo. Forse la torre può essere la pedana del privè del Mama ma non ne sarei molto convinto. Sicuramente troverete però qualcuno o qualcuna che si immedesima in Barbie Raperonzolo, quello non manca mai. Sguardi da triglia, labbra a cuore, pelli tirate e seni perfettamente rifatti. Niente calici di champagne, ora le tette si misurano direttamente con i barili di petrolio.
Consiglio pratico: se non siete gay dichiarati o lesbiche annunciate avete la possibilità di mentire ai vostri genitori dicendo che siete a Viareggio. Sentirete molte volte in spiaggia una conversazione telefonica del tipo “Mamma sì, tutto bene, siamo qua al mare” la voce si incrina “Siamo vicino a Viareggio”. Quel vicino può dire tutto, da Lido di Camaiore a Castiglione della Pescaia. Bibione invece può essere un’alternativa per un datore di lavoro, escluderei invece Forte dei Marmi perché non esistono campeggi e vostra madre potrebbe pensare che spacciate droga anziché fare la fame per guadagnare qualche misero euro.


Le bugie non valgono invece per le “frociare” ovvero le amiche eterosessuali che accompagnano amici gay, li vestono, li truccano e ripassano con lui le coreografie del nuovo singolo di Lady Gaga che darà anche l’ispirazione per la scelta dell’out-fit. [Vedere il post dal titolo “Dancing in the dark”per credere]. Attenzioni ai titoli di giornali che possono rompervi le uova nel paniere, su La Repubblica qualche giorno fa c’era un articolo sulla Versilia e sulla sua popolazione friendly.
In quel caso negare negare e negare. “Ma figurati, io vado a Lido di Camaiore perché è un bel posto e con i miei amici vogliamo un po’ di relax”.
Le ultime parole famose.
Il relax non esiste a Torre, come non esiste la possibilità di cibarsi in modo salutare, bere solo acqua e andare a dormire ad un orario che possa essere considerato umano. Mandrie di ragazze lesbiche pronte a giocare a calcio sventrando stinchi e caviglie sulla spiaggia, si alternano a ragazzi gay delicati come raso che si spalmano ettolitri di olio e non fanno il bagno per non rovinarsi il ciuffo da indie. Intorno tedeschi con bambini, olandesi sposati, signore con nipoti e figli conducono la vita di mare, quella di sempre. Nessuno si scompone per un bacio o una carezza. O un limone preliminare.

In spiaggia è tutto un gioco, Miss maglietta bagnata, beach volley trasformato in “bitch volley” e poi il calcio. Neanche ve lo dico che giocano solo le ragazze. Sul lettino l’ansia. Nessuno legge, nessuno dorme, nessuno gioca alla settimana enigmistica perché bisogna guardarsi in giro, captare sguardi interessati, docce fredde e sexy, occhi sdolcinati e rimorchi improvvisi.
“Hai visto cosa ha fatto quello con quell’altro?” gomitata sullo stomaco “Guarda, ora lui ha preso il coraggio di andare a parlarci” oppure “Guarda come fa la passerella, manco Gisele”.
La passerella. Avete presente quella pedana di legno per non farsi ustionare i piedi con la sabbia? Ecco. Ha uno scopo in verità e non è quello di prepararsi alla sfilata di Versace per la prossima stagione. Inutile dire che i ragazzi gay hanno la smania di ancheggiare facendo avanti e indietro. Quella pedana rappresenta per i più timidi un’imbarazzante momento in cui affrontare un’ansia da prestazione che in confronto al giorno della laurea è niente. MA GGNENTE PPROPPRIO.
Così sfilano a passo di canzoni trash Bianca Balti, Gisele, Adriana Lima e per gli amanti degli anni ’90 Tyra Banks. Il tutto mentre a beach volley si sfidano le “MENEFREGO” o le “DONNE E MOTORI”. Tutto un urlo, un esulto e un inno a Gianna Nannini.

Si incontrano strani personaggi tra cui quarantenni truci che vanno fieri del loro trascorso come porno attori, ragazzi che vogliono sposarti al secondo sguardo o trans andati dal chirurgo con la foto di  Eva Mendes e ne sono usciti come Moira Orfei.
Fortunatamente si fa poi amicizia con blogger dalla simpatia indiscussa, con i compagni di avventura e vicini di tenda in campeggio, pronti a far finta di non essere svegliati quando nel pieno della notte si improvvisa una gara di rutti.
Torre del Lago oltre ad essere la base di partenza di tutti quegli shuttle destinati al rimorchio e al tradimento, è anche un luogo in cui essere se stessi è molto facile. Qui ognuno si sente quello che è, si ciba della propria personalità e non si ricevono sguardi discriminatori o battute disagiate. Che tu ti chiami Luigia e stai con Lorella, che tu sia Gian Ambrogio e stai con Stefano o che tu sia Danielle ma nata Matteo, non importa a nessuno. Per il resto è un luogo di vacanza come altri, ideale per una famiglia, per gli stranieri che vogliono visitare le meraviglie culturali delle città toscane e per un gruppo di amici.
Magari non andateci in luna di miele o per festeggiare un fidanzamento.

Potrebbe essere deleterio.

26 commenti:

  1. Torre del Lago Puccini, appunto nota per Giacomo Puccini (rip.), ora ai più tappa must have per tutto ciò che hai descritto tu (ai più LGBT).
    Comunque la casa di Puccini merita (da soprano quale sono non potevo non andarci!), il suo salotto nel quale ha composto le opere più belle è ancora intatto e pare di vederlo al pianoforte.
    Snobismo intellettuale a parte, mia sorella ci capitò anni fa e per sbaglio o disperazione last minute finì proprio un un camping LGBT !!!
    Credimi per sbaglio. Era un po' stordita ai tempi.. tanto che si perse in bicicletta nei dintorni e chiese al vigile SCUSI, PER TORRE DEL GRECO?
    E il vigile le disse che aveva mooooolto da pedalare!!! :-DDD

    GLORIA
    { Scacco alle Regine }

    RispondiElimina
  2. Non è diventata una frociara pronta a ballare JLO con tutto il campeggio? Gloria mi fai morire, tua sorella scommetto che ora guarda molto bene dove e cosa c'è da fare in vacanza. Soprattutto chi popola i luoghi.

    Lollo

    RispondiElimina
  3. Mi fai morire dal ridere..in pieno revival medievale ahahaah :)

    RispondiElimina
  4. Nonostante tutto lo scorso anno è tornata in Toscana, ma a Viareggio.
    Per andare in un appartamento, si è fatta fottere 1.000 euro di affitto in una settimana per poter portare anche i gatti-figli (una l'ha chiamata Gloria come me per poterla insultare e lacerarsi le corde vocali gridando il mio nome).
    Ma non invaderò la tua bacheca con i drammi familiari irrisolti.
    Giuro.

    :-DDD

    RispondiElimina
  5. Tua sorella con te è diventata il mio nuovo guru.
    Gloria il gatto e Gloria la sorella?
    Io mi girerei ogni volta che la chiama.

    RispondiElimina
  6. Ohh, Raperonzolo.
    Sai che anche io ho avuto il mio moemento Raperonzolo? Con tanto di ciuffo (non indie) biondo platino, cioè in realtà la parrucchiera di allora (l'ho cambiata) mi aveva fatto una tinta che con il passare del tempo si schiariva da sola e non perchè il colore scaricava come sempre succede, schiariva proprio. Quindi più che biondo platino era diventato un bianco faro abbagliante della macchina.
    Poi l'anno dopo sono passato al nero corvino e l'anno dopo ancora al castano chiaro che, scaricandosi, è diventato rosso praticamente. Ahhh che bei momenti.

    Quanto a Torre del Lago credo che sia un passaggio obbligatorio per la vita dei giovani gay. Almeno per una notta potremmo dire di aver trovato l'uomo giusto.

    RispondiElimina
  7. Bellissimo bellissimo bellissimo post Lollo!! Vero tutto ciò che hai scritto!! Io consiglio di andare a mangiare una pizza al Buddy..proprio accanto al Mama..giusto per iniziare la serata!! Mangi, bevi e ti fai 2 risate con le fantastiche trans della pizzeria che si improvvisano madrine di una gara tra tavoli a mò di Sarabanda..dove l'unico pulsante ammesso è il cucchiaio che batte con forza contro la bottiglia di vetro.

    RispondiElimina
  8. Ma ma ma ma da come lo hai descritto sembra un posto fighissimo e non quell'antro infernale che realmente è!!!!! Mmmm mi sa che l'alcol scorreva già nelle vene e non distinguevi realmente ciò che c'era attorno a noi! Bhuahahhahahah E bravo Lollo che hai trovato un nuovo posto di lavoro...alla Pro-loco di Torre!
    Cmq la torre c'è....ottimo falso storico ottocentesco che fa pendant con la villa Puccini, ma c'è! ;)))) La prossima volta ti ci porto...c'è pure il rondò con gazebo per l'orchestrina proprio sul lago... fa tanto ottocento come piace a te! ;)))

    RispondiElimina
  9. Alcol? Vene? Acqua? Lemon soda?
    Ma se ho bevuto solo acqua Sant'Anna e succo di mirtillo!
    Io nuovo presidente della Pro Loco di Torre.
    Ma questa Torre perchè non la trasferiscono al MAMA beach che così qualcuno se la caga?

    RispondiElimina
  10. ahahahahah tu sei fantastico !

    TI ASPETTO SUL MIO BLOG
    PER COMMENTARE IL MIO ULTIMO POST !
    E SE TI Và PARTECIPARE AL MIO PRIMO GIVEAWAY

    XOXO
    BACI
    TOMMASO

    www.thisismefashion.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. Sono andato a Torre per la prima volta coi miei genitori (GIURO) e anni dopo coi miei amici. Il bilancio? I miei genitori sono molto più divertenti di quell'amba aradan di finocchi senza personalità.

    K.I.S.S. (Keep It Simple, Stupids)

    RispondiElimina
  12. Adoratissimo Lollino mio, che bello leggerti dall'altra parte del mondo!
    Kisssss
    Titti

    http://dellaclasseedialtremusiche.blogspot.com/

    RispondiElimina
  13. Mi hai ricordato una serata in cui ho accompagnato un amico ad una serata gay con Eva Robins... con le drag che cantavano la Rettore in playback... fantastico!
    Martina♥CipriaRétro
    cipriaretro.blogspot.com

    RispondiElimina
  14. Se non ci fossi tu a svelarmi queste chicche. Vicine alla città di residenza, per giunta!

    RispondiElimina
  15. esilarante e di "contenuto".

    letto tutto d'un fiato come sempre.

    http://nonsidicepiacere.blogspot.com/

    RispondiElimina
  16. sembra un posto meraviglioso! *.* divertentissimo come sempre =)
    kiss

    RispondiElimina
  17. Ti stimo fratello (e stimo anche te Fashion Commentator, le tue imprese sono documentate ;D)!


    www.thebigiofactor.blogspot.com

    RispondiElimina
  18. ammetto di non sapere cosa significhi LGBT....e vorrei tanto saperlo....

    ma credo di aver intuito che se sei etero e cerchi il"moroso" meglio cambiar aria ?

    E' così?

    ave

    RispondiElimina
  19. E' il posto più squallido in cui sia mai stato (Pinetina a parte). Il mio desiderio è il principe, non i capelli biondi. Quelli li ho già. :)


    Domenico.

    RispondiElimina
  20. Ahaha sei davvero troppo troppo spassoso!!!
    Grazie per le tue gentili parole, finalmente ho pubblicato le foto del vestito indossato, se ti va vieni a dare un'occhiata! ;D
    Baci,
    Cocò

    www.daddysneatness.blogspot.com

    RispondiElimina
  21. Niente, mi hai fatta morire! Ora ci voglio venire anch'io :D
    Ale

    (e comunque sia benedetta Francesca Cacace!)

    RispondiElimina
  22. A me hai ricordato un posto negli stati uniti...paro paro!!!!
    Buon sabato!
    http://dontcallmefashionblogger.blogspot.com

    RispondiElimina
  23. ohhhh finalmente mi sono concessa dieci minuti di relax per spulciare i tuoi ultimi post!!!ahahah Viareggio è stata la prima meta che ho visitato in Toscana e Torre del lago..bè concordo in pieno sull'aspetto marmoreo dei seni delle raperonzolo di mezza età!!come al solito sei il mio mostruosamente ironico preferito:D
    passa un buon week tesoroo!!

    Patchwork à Porter

    RispondiElimina
  24. Ma lo sai che hai un gran bel blog?! Hai un nuovo follower! ;)

    RispondiElimina
  25. Ciao Lollo, non sai come ho riso leggendo questo post! Ho trascorso a Torre alcune delle mie più belle estati e ti dirò che da un lato mi sale la malinconia, dall'altro rido rido e rido. Mi viene in mente mio padre che dice, dopo aver visto un servizio su Torre al tg:"Ma Torre del Lago non è dov'è stata nostra figlia in vacanza?!". E mia madre che mi chiedeva:"Ma cosa vai a fare con quella mandria di amici gay? Non farete mica le orge?!". Ecco più o meno l'antifona era questa, ma come dici tu non è tutto lustrini e Lady Gaga, per fortuna direi!

    p.s. Torre del Lago dovrebbe essere in provincia di Lucca ;-))))

    A presto,

    www.themondaytalk.blogspot.com

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!