martedì 5 luglio 2011

Io Monicà, tu Silvia.


Ciao. Mi chiamo Lollo, ho 23 anni, dovrei fare un power point e non ne sono capace.
Ciao Lollo, benvenuto nel gruppo SNA, SFIGATI NON ANONIMI.
Questo blog a causa della censura prima o poi chiuderà baracca e burattini quindi abbiate un buon ricordo di me, uno pessimo delle mie coinquiline pugliesi e amatemi anche da lontano.
Stasera mi sento più strafalcione del solito a causa di una nostalgica sensazione cardio-vascolare, mi manca qualcosa, sento un friccicorio allo stomaco. Ma, e sottolineo ma, qualcuno mi ha detto “Smettila di essere triste brutto pirla” e così via le lacrime e giù una valanga di boiate come nuovo post. Un post che serve a me per non ingozzarmi di quella scatola da 8 minigelati che il Billa mi ha quasi obbligato a prendere mettendoli in offerta.
[Le mie coinquiline pugliesi non mi hanno dato la soddisfazione ma io so che erano invidiose perché non sapevano nulla di questa offerta stiacciatissima al Billa. Loro si entusiasmano con poco]

Comunque. KAPPAEMMEQU. La mia fama (e pure la fame) da falso-Giuda-peccatore fashion blogger si diffonde a macchia d’olio, a purè di patate, a budino della nonna in giro per il globo virtuale. Così, qualcuno durante un divertentissimo venerdì notte ha pensato a me come possibile, appetibile, spontaneo, argomento del proprio angolo nel web.
Ebbene sì, c’è chi ha il coraggio di contattarmi per chiedermi un’intervista. Cioè.
Io che concedo un’intervista? Cioè. Io che do l’esclusiva delle mie boiate? Cioè.
Così è nata questa chiacchierata molto simpatica e divertente con Davide che oltre ad avere un cervello funzionante e una serie di magliette comprate da H&M bambino proprio come me, è autore di un blog che parla un po’ di tutto. Un minestrone surgelato in cui ci hanno buttato dentro ogni e qualsiasi cosa. Patate, piselli, carciofini, ciabatte, sandali tacco 12, qualche capello della cuoca Star, un paio di cerotti e magari se siamo fortunati qualche unghia incarnita.
Un blog divertente, spiritoso, un ibrido. Io e Davide siamo due nullatenenti del web, non siamo fashion bloggers completi dichiarati all’anagrafe, ce piacisse essere titolati come scrittori e non ci si fila nessuno. Ben venga quindi la fantasia e le interviste ad altri nullatenenti. O pezzenti, come dir si voglia.
Ciancio alle bande e bando alle ciance. Vi inserisco il link dell’intervista se avete due minuti da perdere e se avete finito di leggere il catalogo delle offerte Esselunga sulla tazza del water.

LINKAMI TUTTO: http://wherelifesabeach.blogspot.com/2011/07/le-interviste-quando-si-dice-pezzenti.html
Un abbraccio a voi che siete la mia fonte di inesauribile sapienza mistica dottrinale farmaceutica.
Che cosa ho detto non lo so nemmeno io, ma stasera va così.

14 commenti:

  1. Sei esilarante come sempre. Ho letto l'intervista con molto piacere. Commento un po' di punti e poi mi tolgo dalle scatole, tranquillo! :D
    Allora: "Io ne seguo pochi, tutti scritti e recensiti da persone che stimo, che hanno quel "quid" in più. Soprattutto sono persone capaci di mettere in fila una frase di senso compiuto e che non hanno la presunzione di illuminarci su come si abbinano i colori. Mia nonna lo fa benissimo e non sa nemmeno cosa sia un blog". Punto numero uno: GRAZIE, perché indirettamente mi hai fatto un complimento tra quelli che apprezzo di più sulla mia persona.

    "L'unica frase di senso compiuto che ho sentito è stata 'Perde un po' sulla parte finale, ma è molto giovane e tranquillo". Io ero agghiacciata. Altro che insalata, qui ci vuole del cianuro, o qualcosa di simile.

    "Bisogna essere umili nella vita, la moda ti può piacere, può essere un tuo interesse ma per sentirti un'esperta bisogna studiare. I veri intenditori parlano di tessuti, di vestibilità e di cuciture, non di pantaloni scampanati o slim fit". Concordo pienamente. BISOGNA ESSERE UMILI. C'è una differenza abissale tra l'essere una feshion victim ed essere un esperto o critico di moda. Nel secondo caso BISOGNA STUDIARE, leggere, informarsi. E di certo non lo si può fare su quei giornaletti di gossip che troviamo ogni settimana in edicola e con i quali amano farsi immortalare le nostre amate fb tra uno scatto a culo di gallina e uno a becco di piccione.

    A presto pezzente con il papillon! Bacio.

    Nunzia.

    RispondiElimina
  2. Nunzia, non toglierti dalle scatole proprio MAI, perfavore, ti prego, ti scongiuro.
    Comunque credimi, i giornaletti io non li trovo in edicola ma li faccio rubare da mia madre alla sua amica parrucchiera.

    Grazie, sei la benvenuta.

    Lollo

    RispondiElimina
  3. Monicà ma questo va oltre il tuo essere snob e distaccata. Questa è una manifestazione d'affetto inDIORata francese babbana che non sei altro.
    A Monicà, volemose bene <3 (e ti faccio anche un cuoricino perchè oggi la tua Silvia preferita si sente 'na bimbominkia)!!

    RispondiElimina
  4. Io non sono affatto snob. ABBELLO, io vengo da Città de Castello eh.
    Le bimbominchia io le ammiro, le stimo, le idolatro.
    Sempre.

    Lollo

    RispondiElimina
  5. Ho trovato il tuo blog adesso per caso, e ADORO il tuo modo di scrivere!

    NEW OUTFIT POST ON MY BLOG! CHECK IT OUT <3
    http://wheresthegoodgonegirl.blogspot.com/2011/07/everyday-im-shufflin.html

    RispondiElimina
  6. ho apprezzato molto l'incontro tra Monica e Silvia, ma come diavolo ti è venuta?!
    non ti smentisci mai, ma questo lo sapevo anche prima di leggere l'intervista!

    buona giornata!

    la tua ripetitiva-follower!

    RispondiElimina
  7. Le mie umilianti parole iniziano con uno scialbo e significativo GRAZIE. Perché? Beh le mie pessime giornate di studio/lavoro vengono sollevate dalle tue boiate, così ben scritte e capaci di strappare un sorriso anche al protagonista del più triste dei film di Dario Argento. Ora so chi chiamare quando il mio cielo sembrerà così nero da dover accendere la luce per ricordarmi che faccio parte del pianeta terra e non di Marte (come alcuni sapienti mi hanno fatto credere). Esposti i miei saccenti pensieri chiudo con una richiesta... il prossimo post lo vogliamo dedicato ai prodotti Billa recensiti tramite gli occhi del tuo amico Ronald McDonald!

    With love,
    Mari

    RispondiElimina
  8. Siete meravigliose, ma questo lo sapevo prima di leggere i vostri commenti così melensi.

    W i gelati Billa, ormai solo un ricordo lontano.

    Lollo

    RispondiElimina
  9. Puah, non sai usare powerpoint: SFIGGY. ahah scemo. Post NON INUTILE come dici te.

    Domenico

    RispondiElimina
  10. "E' un modo di raccontare attraverso i miei occhi quello che vivo, che amo, dal costume all'arte, dalla moda alla società contemporanea."Questa si che mi piace....collega(studenti anche noi di storia dell'arte);)

    RispondiElimina
  11. intervista esilarante, sia la monicà che la silvià siete stati veramente un piacere nella lettura! e come c'è scritto sul tuo blog, nei commenti: "vi stimo fratelli!"
    M.

    RispondiElimina
  12. Lovvatemi tutto che io vi lovvo già.

    RispondiElimina
  13. Il nome del blog è fantastico!!!!!!

    RispondiElimina
  14. ciao, ùstavo per scrivere un commento, poi il terrore che fosse da te definito "melenso" vedi sopra mi ha bloccata.

    niente commento.

    ciao ave

    non passi più da me ? a me i commenti anche melensi piacciono molto

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!