giovedì 7 luglio 2011

IO, VERA REGINA CIOCIARA



Lei, Francesca Cacace, mia musa ispiratrice nella vita.
 Leggete questo tripudio di pazzia anche su: www.pensorosa.it.

Mi sono letteralmente stufato. Tutti qui si sposano, dicono il fatidico “Sì lo voglio” addirittura in visione mondiale ed io non ho manco la prospettiva di essere considerato da un accalappiacani.
Mi sono posto il seguente quesito, come d’altronde tutte voi e come tutti i vostri amici gay, “Cosa avrei fatto se fossi stato al suo posto?”. Quel “suo” sta per Charlene di Monaco o Kate Middleton, ragazze come tante che hanno avuto i riflettori puntati negli ultimi mesi.
Questo post è il risultato di un mio viaggio mentale, tutto esagerato, tutto falso. Per fortuna.
Nella mia esistenza da futura regina di un principato millesimale, come può essere il Principato degli Stati Uniti Ciociari, sarei una grande benefattrice, amante delle arti e della letteratura, riporterei tutti i Ministeri a Latina e le scuole diventerebbero una fucina di giovani geni avviati alle migliori professioni. Nel mio principato solo avvocati, dentisti, stilisti, architetti di prestigio e una moltitudine di commessi di Zara. Con la sfiga che mi ritrovo potrei chiamarmi Assuntina Incoronata ma con qualche mazzetta all’Anagrafe riuscirei a trasformarmi in Beatrice Elisabetta detta Sissi.
Il mio futuro marito bravo, buono, bello e grande elargitore di carte di credito non si schiferebbe a vedermi coi baffi e con i peli sulle gambe, mi accompagnerebbe sempre felice alle mostre d’arte e farebbe la fila per me in Posta. Quest’ultimo è un atto d’amore indiscutibile.


Sì, perché nonostante io sia anche regina degli Stati Federali del Gennargentu, io in Posta ci vado, perché voglio stare in mezzo alla gente comune, al “populino”, perché voglio che anche la più antipatica delle impiegate mi faccia il baciamano.
Il giorno del mio matrimonio vorrei che fosse un giorno speciale dove chiunque possa gioire della mia felicità, soprattutto quell’idiota del mio primo fidanzato, l’unico pirla capace di abbandonare una bella ciociara come me.
Chissene frega dell’economia e della crisi, voglio sfarzo, lusso, pacchianeria come fosse nebbia in Val Padana. [Qui inizia il mio delirio più pericoloso].
L’abito disegnato da Valentino in persona, ci litigherei perché lui vorrebbe un color avorio e io un color vaniglia miscelato ad un panna-crema-chantilly, non la versione gelato ma come quel ripieno di bignè che fanno alla sagra del Pollo Fritto a Ostuni.
Un abito enorme, quello di Diana in confronto deve sembrare un tubino. Le damigelle devono essere cinque come le Spice Girls e se loro non sono disponibili allora a cantare chiamiamo le Lollipop che sicuramente non hanno nulla da fare e costano pure poco.
Non voglio una rampa di scale come sistemazione casuale dell’altare, non bado a spese e quindi pretendo una cattedrale enorme, se a Latina non esiste e nemmeno a Fregene allora assumo un architetto che leggendo il romanzo di Ken Follett me la costruisca.
Il dramma sarebbe compilare la lista degli invitati. E qui chiamo in soccorso face book e le mie conoscenze altolocate. Due liste, una intitolata GGENTE GGIUSTA e l’altra GGENTE GGIUSTA PE’ GNENTE.

Nella prima: reali di pura razza con almeno quattro quarti di sangue blu nelle vene. [Indispensabile presentarsi con l’esito dei prelievi]. Tra questi la famiglia Serbelloni-Mazzanti-Vien-da-Beccalzù, I principi del Regno Sabaudo-Saudita di Pizzo Calabro e i Castellani della Rocca-Padana di Ponte di Legno. Solo se avanza posto i reali di Pontida quelli di Monte Cassino e della Val Brembana.
Il Sultano Mustfah Mustafallabih, l’imperatore di tutte le Cine Paolo Sarpi e la Granduchessa Anna Karenina, per non dimenticare poi la regina di Svezia, Clotilde Coureau e Paolo Limiti, fatto arciduca del Nullashire per l’occasione.
Nella seconda lista capeggiano le famiglie borghesi di tutte Europa, l’alta società ciociara e le famiglie patrizie romane. Marina Ripa di Meana, Patrizia e Giada De Blanck ed Elena Santarelli, show girl la cui fama giunge fino a Frosinone.
Ventidue maxi-schermi dovranno riprendere anche il mio risveglio mattutino, la gente del popolo dovrà allestire una tendopoli, saranno istituiti anche corsi intensivi di grammatica per evitare errori ortografici nei maxi cartelloni che si prepareranno nelle scuole di tutto il Regno. “SISSI SEI TUTTI NOI” urlerà la macellaia Bettina, “SISSI SEI TROPPO GNOCCA” impazzirà il muratore del paese.
La cerimonia celebrata dal parroco deve essere veloce e indolore perché tutte le donne della mia famiglia hanno un problema di caviglie gonfie e talloni screpolati quindi non vorrei che ci fossero svenimenti multipli. La protezione civile dovrà distribuire acqua, tazze con la faccia degli sposi, magliette, gadget e cuscini per la cervicale. Pagamento in contanti, non si devono accettare assegni di alcun tipo. Lo sposo deve entrare un’ora e mezza prima di me, deve sudare freddo, avere convulsioni mentre alle donne (cappello obbligatorio per tutte) è proibito l’uso delle carte da canasta durante la cerimonia.

Siano proibiti i sonniferi, gli stuzzicadenti, non voglio invitate che discutono di permanenti o di Botox mentre io sto attraversando la navata.
Quando entro a braccetto con Elton John voglio che la musica all’organo intoni “ Who Do you Think you are?” delle Spice, in versione delicatissima, deve sembrare quasi un solfeggio prima che a Elton scatti l’anca e voglia farci pure il balletto.
Io devo sembrare un’enorme meringa, la tiara di quella racchia di mia suocera deve risplendere in tutto il mondo così che a Cher caschi il naso per l’invidia. I bracciali e i 30 fili di perle devono apparire in primo piano quando muovo il mio primo passo. Il mondo deve fermarsi.

Quando sospiro con estrema eleganza ciociara il mio “Sì, te vojo” deve essere liberato uno stormo infinito di colombi verniciati a colori fluo. E poi il bacio, un vero bacio, con la lingua si intende.
Le campane a festa, il lancio di un riso smaltato d’argento e la scena finale, da gran sogno. Un tripudio di favola, di altissimo firmamento artistico. La carrozza.
Charlene, mia cara, hai voluto fare l’ecologica con una macchina elettrica, io invece aumento le tasse dei miei sudditi perché è giusto che loro mi paghino la carrozza.
E non una carrozza qualsiasi, voglio 20 cavalli purosangue bianchi lavati con candeggina, su cui verranno incise a fuoco le mie iniziali e il giglio d’oro, non sono Caterina De Medici ma lei è tumulata da tempo e non può farmi causa.
Manco Cenerentola. Nemmeno Grace Kelly. Kate Middleton chi?
Partenza immediata per Marina di Grosseto al villaggio della Ventaglio con promozione della settimana All inclusive. Balli di gruppo e corsi di Burraco tre volte a settimane.

Ah, che bellezza essere Regine.

37 commenti:

  1. Posso farti il balletto di 'Who do you think you are?' prima di entrare in cattedrale? Anticipo la tua entrata!
    Ahaha sei un genio! :D

    Denise.

    RispondiElimina
  2. Inizio a preparare Mueve la colita, non sia mai arrivi un invito anche alla Toffanin.

    RispondiElimina
  3. Denise, credi davvero che io non conosca quel balletto? tsè.

    (tu sei lusinghiera).

    RispondiElimina
  4. Quando ho letto il colore del vestito ho sentito un botto. Ero svenuta dalle risate! Felice di conoscere un viaggiatore mentale del terzo tipo come me. Certo, io a tuo confronto sono un nonnulla ma guadagno punti se ti dico che il giorno del matrimonio di Kate me ne andavo in giro sventolando la mano illudendomi di salutare i miei sudditi? :)

    RispondiElimina
  5. Elisa, io lo faccio praticamente tutti i giorni, seguimi che ho un movimento di polso molto simile a quello della Regina.

    Dado, la Toffanin è in prima fila, potrebbe fare la predica o il chierichetto.

    RispondiElimina
  6. posso venire pure io???ti canto l'ave maria=)

    RispondiElimina
  7. mary e lollo ma voi siete pazzi ahahah:)potremmo fare a gara a chi ha il movimento di polso più regale, mi metto in gioco pure io che ho una mano da muratore credetemi!sono estasiata dall'incisione sul cavallo slavato: non sono Caterina De Medici ma lei è tumulata da tempo e non può farmi causa. Mitico:)
    bacione

    Patchwork à Porter

    RispondiElimina
  8. Oddio piango dal ridere, fatemi riprendere aria...oddio.
    Comunque non ho mai capito perché tata francesca nella traduzione italiana sia diventata ciociara come per magia...bah.

    RispondiElimina
  9. E comunque la regina degli stati federali del Gennargentu sono IO. Ho letto moooolto velocemente, ma ci torno su. :P Bravo Lollus.


    Domenico.

    RispondiElimina
  10. Io sono regggina inside. Quando ho visto la foto di francesca cacace non ho capito più nulla: la adoooooooovooooooo!!!

    GLORIA
    { VINCI GRATIS gli ORECCHINI di Scacco alle Regine }

    RispondiElimina
  11. Da verace Abbbruzzese, sinceramente, preferisco Assuntina Incoronata!

    RispondiElimina
  12. Hi Honey, I've nominated you for "One Lovely Blog Award" ..vist my blog to see your place!
    <3
    Mari

    RispondiElimina
  13. No, scusami tu.. anzi, ripensandoci mi sembra un pò ridicolo averti postato un commento inglese. Il problema è che il mio blog (se si può chiamare così) viene letto per la maggior parte da stranieri.. Perdonami! :'D

    Ora parliamo di cose più serie, il tuo post. Da ora in po, ti chiamerò Assuntina.. e caspita, voglio essere al tuo matrimonio (ovviamente lista GGENTE GGIUSTA PE’ GNENTE) ..e getterò il riso, stracotto e alla milanese, in testa agli sposi mentre vi scambiate il fatidico bacio, con la lingua s'intende.
    Bacio Lollo!

    RispondiElimina
  14. un commento completamente offtopic: coi capelli cortissimi sei di una bonanza allucinante.

    RispondiElimina
  15. Mari, noi siamo poliglotti, sempre e comunque. Puoi suonare anche l'organo perfavore? E il risotto alla milanese e basta, grazie!

    Dave, non stiamo esagerando? Solo la Cacace può essere definita di una bonanza allucinante.
    Comunque grazie, era millenni (o forse mai nella vita) che nessuno mi diceva cose del genere.

    Lollo

    RispondiElimina
  16. Tu sei PAZZO!!! Ahahahahahah...mi hai fatto morire dal ridere! =) I love you

    RispondiElimina
  17. Nice to meet you Lollo...sei una bellissima sorpresa!

    RispondiElimina
  18. Stupendo!!!
    Voglio...DEVO esserci anche se non ho il sangue blu e mio papà è un umilissimo dipendente statale!
    Potrei essere la tua personalissima zia Yetta?!
    Per l'occasione sfoggerei la mia migliore giacca di paillettes, così sberluccicosa da fare invidia alla palla stroboscopica del party after-wedding! =P

    Abbi, comunque, uno splendido matrimonio caVo! =)

    RispondiElimina
  19. Mio Dio ma io ti amo!!!
    dove sei stato finora?perchè non ti avevo ancora scovato???
    sei un genio.del male s'intenda.

    RispondiElimina
  20. principesco,sfarzoso e regale...un matrimonio perfetto direi!
    ma le Lollipop a suonare? reminiscenze assai arcaiche...chissà che fine avran fatto!
    però se posso, potrei cantare una canzone anch'io? non sono per nulla brava ma con il mio cavallo di battaglia ( "ma che freddo fa" di Nada) me la cavo! :P

    buona serata Lollo!
    è sempre bello leggere le tue peripezie mentali!

    RispondiElimina
  21. "Sì, te vojo!" ahahahah... :D
    Sfarzo sia e sappi che io ho intenzione di fare la damigellina d'onore come Pippa e diventare famosa solo per aver portato lo strascicone enorme del tuo vestito sontuoso! ♥ ♥
    un bacio grande grande!!
    LiDì

    http://fashiondeliz.blogspot.com

    RispondiElimina
  22. Mi unisco a Lollo ed Elisa, saluto anche io i miei sudditi tutti i giorni col mio polso snodabile! :D

    RispondiElimina
  23. Ahah, sei un genio. "Kate Middleton chi?"
    La odio quella provincialotta, che mi ha rubato il MIO principe, ora è rimasto solo quel pel di carota che sembra la brutta imitazione del mio ex. Lollo salvami, accoglimi nella tua corte, mi accontenterò di un modesto conte!

    www.neifilef.blogspot.com

    RispondiElimina
  24. Sublime, non ho altre parole quando leggo i tuoi scritti!

    Kiss my dear.

    Titti

    http://dellaclasseedialtremusiche.blogspot.com/

    RispondiElimina
  25. io il sangue blu non ce l'ho ma credo che due giorni prima delle nozze ci sarà smercio al mercato nero di provette già pronte.
    ne comprerò una decina: una dovrà andar bene. oppure vengo travestito da toffanin.

    RispondiElimina
  26. Scrivi davvero molto bene, è un piacere leggere il tuo blog, ti seguo! :)

    http://lena510.blogspot.com/

    RispondiElimina
  27. leggendo lo pseudo litigio con Valentino per il colore dell' abito non ho potuto non piegarmi in due dalle risate ahaha
    buona giornata ;)

    RispondiElimina
  28. Sei un genio !!
    Ma io non ho capito, sei di Roma ? Non pensavo che i romani si interessassero di ciociari e di noi latinensi.
    Comunque se vieni a Latina, non ti preoccupare, al circolo cittadino fanno i tornei di burraco.
    xD

    RispondiElimina
  29. E se ti interessa la chiesa ce sta la cattedrale di San Marco da noi, una delizia : http://www.imonumenti.it/620/m_2436.html

    RispondiElimina
  30. Qualsiasi sia l'abito...sotto le zeppe per forza! Ma l'abito deve essere appena sopra le caviglie oppure le zeppe non si vedranno pe' ggnente!! w Francesca Cacace!

    RispondiElimina
  31. ahaahhahahahah!!! Geniale, come sempre!XD
    Ho dovuto leggere (per forza) il tuo post alle mie amiche ed eravamo tutte piegate in due dalle risate!!!
    Però io fossi al posto tuo invece di popolare il regno di commessi di Zara, ci metterei quelli di Abercrombie! ;)

    RispondiElimina
  32. ahahahahaha :)
    " sì, te vojo "
    GENIALE :)

    RispondiElimina
  33. Caro Lollo,

    a questo punto pretendo l'invito all'evento nella categoria GGENTE GGIUSTA PE GNENTE!
    E saresti la più bella delle regine, sappilo.

    PS: ti ho followato tempo fa su twitter, sono @lissaphoenix.

    RispondiElimina
  34. divertente!! <3
    sul mio blog c'è un'intervista esclusiva che ho fatto a paola iezzi..
    ti aspetto per un commento o solo una visita..8)
    http://www.asipoffashionbaby.blogspot.com

    RispondiElimina
  35. Assuntina Incoronata è troppo bello. Per non parlare del colore dell'abito. Stavo svenendo dal ridere.
    Era parecchio che non leggevo il tuo blog, ma solo da pochi giorni sono tornata un pò più attiva qui su blogger avendo concluso lo studio estivo.
    Ogni volta che leggo un tuo post è un viaggio; scrivi sempre storie dettagliate precise quasi come se stessi raccontando qualcosa vissuta in prima persona.
    Sei una persona molto colta per scrivere così bene...

    Grazie per il tuo splendido commento!!

    Un bacio Lollo

    Arianna

    RispondiElimina
  36. Ti stimo fratello, per davvero!XD

    NEW OUTFIT POST! CHECK IT OUT <3

    http://wheresthegoodgonegirl.blogspot.com/2011/07/vagabond-wolfmother.html

    RispondiElimina
  37. tu non lo sai, ma la fama di Elena Santarelli arriva fino a Gibellina (paesino dell'entroterra siciliano che conta 1200 abitanti, animali compresi) è stata ospite per l'apertura di un caseificio!
    ti amo!

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!