lunedì 31 marzo 2014

FINO ALL'ULTIMO CUP-CAKE


ALL'ATTACCO

La domenica solitamente è quel giorno che inizia con la noia e finisce con il malessere per l’inizio di una nuova settimana. Non sempre tra il bucato e lo straccio a terra si trova qualcosa di stuzzicante da fare, che sia colpa del tempo o della pigrizia spesso si rimane a casa senza mai togliersi il pigiama.
Così quando ho ricevuto l’invito per il brunch organizzato da Christie’s in occasione di una famosa asta di quadri, gioielli e orologi, beh mi sono fiondato come le api sul miele.
Primo perché il messaggio subliminale dell’invito è “CIBO GRATIS” e secondo perché ero curioso di capire quale fetta di mondanità si svegliasse la domenica mattina per il brunch.
Sono arrivato e ho capito che i ricchi non sono sempre fuori per il week end, ma banchettano a nozze ai brunch inaugurali.

“Ma non sono tutti a Santa Margherita per il primo sole della stagione?” mi sono chiesto.
Erano tutti a Palazzo Clerici dove nella suggestiva sala del Tiepolo c’era una tavola lunga una ventina di metri ricoperta di ogni ben di Dio.
Un esercito di alzatine movimentavano il brunch e io mi sono sentito male.
Torte a perdita d’occhio, mini-cupcakes, donuts, pasticcini nella zona dolce e mini-hamburger, frittate, farro, pancetta, in quella del salato.
Bollicine d’obbligo e succo d’arancia rossa per quelli che fanno finta di fare i bravi ragazzi e in realtà la sera prima rotolavano sui marciapiedi con il Long Island in mano.
Abituati come siamo a quei cocktail in cui non c’è nulla da bere e i camerieri girano tutti con il vassoio offrendo l’ultima tartina crudité brutta da vedere e orrida da mangiare, questo era il Paradiso degli eventi mondani.
L’Eden del “Oh, hai visto che è arrivata un’enorme double-chocolate?”.


Solo qualche milione di diamanti
Tra i presenti la commozione per ogni nuova alzatina, l’atmosfera era serena, al limite del girone dei golosi di Dante.
E quando si parla di cibo gratis non c’è alcuna scala gerarchica, ci si ritrova tutti a combattersi il cameriere che taglia la torta alla frutta.
Persino la tipica sciura milanese tutta zigomi alti e Chanel 2.55 al braccio sembrava molto a suo agio davanti alla tavola imbandita e ha molto gradito quella tonnellata di pancakes che si è divorata.
Tra gli ospiti collezionisti d’arte, infiltrati della domenica (vedi il sottoscritto) e socializer convinti.

Una mattinata come tante altre, con vicino un paio di quadri di De Chirico, sopra la testa un folgorante affresco del Tiepolo e davanti qualche diamante Bulgari così grosso che il Cuore dell’Oceano sembra quasi bigiotteria.
Il segreto è la naturalezza, non sbigottirsi mai per la valutazione di un diamante anche se è battuto a quasi 2 milioni e tu con le monetine che hai in tasca non arrivi nemmeno a tre euro, fare pubbliche relazioni e quando non sai cosa dire buttaci un “Com’era bella la neve quest’anno a St Moritz” che va sempre bene.

Così, mentre io deglutivo l’ennesima fetta di torta e sospiravo soddisfatto un “E anche oggi abbiamo mangiato!” come in un film di Totò, i ricchi contemplavano l’arte nel modo più pratico ed estetico che ci sia.
“Che dici PIERALFONSO, questo non lo vedresti bene nella baita a Cortina?” indicando un Guttuso o un Fontana.
Ah, la mondanità.

 
Solo De Chirico

4 commenti:

  1. ma io se organizzassi qualcosa di simile (aste e/o sfilate) con buffet, ti chiamerei sempre!!!
    post di questo tipo sono un ottimo pagamento in natura!!!

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!