giovedì 3 settembre 2015

HVAR: L'ISOLA CHE C'E'

Hvar vista dal porto.
 
Angoli da Poser.
Se siete nella fase azzurro/blu/bianco di Instagram, l'isola di Hvar in Croazia è il luogo giusto per un pellegrinaggio cromatico. E' infatti uno di quei luoghi al mondo dove arrivi senza aspettative vacanziere, dettate dalla tua pigrizia, e rimani semplicemente sbalordito dalla meraviglia del paesaggio, dagli scorci che sembrano suggestive cartoline, dalla bellezza di ogni singolo angolo.
Partendo da Pescara con la compagnia Snav, un catamarano in sole 4 ore di navigazione vi farà attraccare a Hvar, considerata una delle dieci isole più belle al mondo insieme a Capri, Ponza, Mykonos, Zanzibar, Bora Bora ecc.
 
(Consiglio: se soffrite il mal di mare meglio prendere questa pasticchetta, la XAMAMINA, che vi rintontirà talmente tanto da trovare la pace dei sensi e non sentire il dondolio della barca. Se invece state molto male, potrete sempre fare amicizia con lo staff napoletano e ritrovarvi a fare un aperitivo privato con il comandante nella cabina di pilotaggio, come è successo a noi).
Oltre al viaggio in prima classe sono stato fortunatissimo con l'alloggio, perché se a Rimini ho dormito in una stanza dai muri gialli spugnati che è un vero incubo estetico, a Hvar abbiamo trovato una splendida casetta nel pieno centro storico, ai piedi dell'antica fortezza con una piccola veranda, due camere, due bagni, l'angolo cottura e una strana cosa che perde sangue nel surgelatore di cui è meglio non approfondire la provenienza. La casa l'ho trovata su Airbnb che risolve sempre problemi di budget e povertà, ed è QUESTA con la possibilità di ospitare fino a 6 persone.
Portoni azzurri per il bene del vostro Instagram.
 
Hvar è un'isola affascinante e ricca di storia, il suo centro è un costante viaggio nell'atmosfera mediterranea in cui la pietra locale si scontra con il profondo blu del mare, un'altura viene sovrastata dalla fortezza che con le sue mura abbraccia l'intero profilo dell'isola. Vista dal mare poi è qualcosa di suggestivo, obbligatorio.
 
Più che la macchina vi consiglio il motorino ma se avete pochi giorni a disposizione allora meglio vivere senza mezzi cingolati e godersi lo sciabattare dei sandali di cuoio sulla pietra e le escursioni in barca. Con 40 kune infatti (poco meno di 6 euro) si può fare andata e ritorno per le isolette intorno che sono raggiungibili in 20 minuti e sono guidate da aitanti 12 enni del posto che fanno manovra uscendo dal porto bevendo un frappuccino. Giuro.
Bellissime le escursioni a Mlini e a Palmizana, due isole dove l'acqua è talmente bella che passerete la giornata a dire "MA GUARDA CHE ACQUA" e a fare milioni di foto senza filtri perché solo la realtà rende giustizia a quei colori.
 


Zarace.
 
Se vi piace l'atmosfera da scogli dove poter giocare alla Sirenetta allora Hvar è il vosto posto, appollaiati su rocce e sassi da dove tuffarsi senza paura come in un film di Muccino sarete felici e spericolati. Pochi bambini, qualche nudista discreto ed educato, un mare pazzesco e una scomodità ripagata dal paesaggio che difficilmente non vi conquisterà.
Le spiagge piu' belle sono: Dubovica, si arriva scendendo un'altura ma fanno un mojto buonissimo da bere mentre cala la luce del tramonto, tutto molto suggestivo se avete anche il partner da limonare (non era il nostro caso). Zarace, qui le due spiagge sono incredibili, una piu' selvaggia con un piccolo promontorio a picco sul mare che fa venire i brividi da quanto è bello, l'altra invece ha un ristorantino vista mare dove cucinano un pesce eccezionale e con 21 euro a cranio il pranzo è servito lasciando nel piatto solo la testa di quegli sventurati ma ottimi gamberi fritti.
 
Molto belli sono gli scogli intorno a Hvar, il mio consiglio è quello di camminare lungo il mare, oltrepassando il porto a destra o a sinistra, e scegliere il vostro angolino di tranquillità in cui poter cantare la Sirenetta e fare le foto da poser senza che qualcuno vi giudichi. Evitare la spiaggia di Mlina, l'unica che non mi ha entusiasmato particolarmente.
 

Angoli di casa.

Ma veniamo al punto fondamentale. La fauna locale. E qui ci vuole una bella sottolineatura. MAI VISTI COSI' TANTI BEI RAGAZZI E BELLE RAGAZZE IN UN POSTO SOLO. E lo dico davvero. Se come me amate avere intorno persone belle, curate, ben vestite e non cafoni da Rimini con borsello e costume del Brasile, Hvar è il posto in cui dovete per forza andare. Ragazzi bellissimi provenienti da tutte le parti del bel mondo. Turchi, svedesi, inglesi, americani. Biondi, magri, muscolosi, bruni, alti, bassi, in canotta o camicione fresco di lino e sandali, in barca, senza barca. Addirittura un gruppo di 7 spagnoli muscolosi che poi si scopre essere un'intera squadra di pompieri di Siviglia. 911 STO ANDANDO A FUOCO (cit.). Ce n'è per tutti i gusti e garantisco la caduta della mascella almeno dieci volte al giorno.
 
 
E CIAOOOO.
 
Per i discotecari e i viziosi notturni, Hvar è una meta di divertimento molto ambita, ci sono localini sul porto dove ballare fino alle 2 di notte e poi continuare nelle discoteche più interne, ma con prezzi che considero quasi esagerati, ma vista la qualità del rimorchio, forse saranno ben spesi. Dico forse perché a me la palpebra si chiudeva intorno alla mezzanotte quando con i miei sandaletti trasparenti, quasi di cristallo, tornavo a casa trascinandomi sulle salite gradinate.

Ma doveroso un salto al Hula Hula dove fanno l'aperitivo più scatenato dell'isola, dalle 18 alle 22, un po' Formentera, un po' Ibiza, ci si diverte e ci sono due attrazioni speciali: il sosia di Morgan Freeman e un tramonto da Instagram senza filtro alcuno che vi mozzerà il fiato quanto quell'israeliano che balla al centro della pista in costume.
Hvar è un'isola magica per chi capisce la bellezza di una storia antica, di un mare che davvero ti fa venire il magone quando stai per salutarlo e di chi ha la fortuna di condividere tanta meraviglia con una splendida compagnia, proprio come l'ho avuta io.
 

 

4 commenti:

  1. peccato per le piastrelle arancioni, unica pecca

    RispondiElimina
  2. ci sono molti turisti? o si salva dalle orde di famiglie di italiani urlanti?

    RispondiElimina
  3. Bravo Lollo, ottimo post e ottimo posto!
    io vado in Istria, bei posti lo stesso (zona Parenzo/Poreč).

    RispondiElimina
  4. Ciao! Sono nuovo come commentatore, ma piuttosto "antico" come lettore. Volevo solo evidenziare che la bellezza dell'isola è direttamente proporzionale a quella del turista che ne ha tessuto le lodi :))

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!