martedì 6 settembre 2016

ULTIMI TOCCHI DI STILE (?)

In queste settimane di ritorno alla vita vera lontano da spiagge abbronzanti e sandali di cuoio, sono anche stato catapultato in quel periodo di ultimi dettagli per la casa nuova che a breve sarà completata strutturalmente.
Manca poco alle lacrime sul piatto doccia in mosaico e alla commozione di vedere quanto gli sforzi fatti in questi ultimi mesi per ristrutturare una casa che ricordo aveva le pareti arancioni e lilla non siano stati vani.

Quello che non è capisco è perché nel 2016 esistono i congedi matrimoniali, il periodo di malattia ma non qualche giorno di congedo per chi sta traslocando, arredando e ristrutturando casa (o nella peggiore delle ipotesi, come il sottoscritto, tutte e tre le cose).
Poi ancora adesso che ho quasi tutto sono ancora più confuso di quando ho iniziato a cercare come arredare questo 50 metri quadri, perché un giorno mi sento Marie Antoinette nel suo Petit Trianon avvolta da tapisserie damascate, velluto di seta e candelabri, il giorno dopo invece voglio tutto scandi e minimal come il giaciglio di un designer giapponese che veste canapa pressata e odia il superfluo.

Sto ripetendo a me stesso “Lorenzo, non vivi in Rue Saint Honoré nel 1905 e non hai un boudoir” perché spesso il mio eclettismo ha un così forte senso d’appartenenza che potrei finire a dire frasi del tipo “Mi ritiro nei miei appartamenti a sbrigare la corrispondenza”.
 Prima ancora delle finestre avevo una consolle, prima del pavimento una specchiera, ma ora che sono autorizzato a comprare quello che effettivamente serve come ultimo dettaglio per arredare una casa, è stato quasi il caos, e ho trovato tutto su Dalani con due colpi di click e qualche ora di sessione notturna sul sito.

Per esempio qual è l’ultima cosa che vorresti comprare per la casa ma che prima o poi ti tocca perché non puoi esserne sprovvisto? Oltre la cucina, per quanto mi riguarda.
Ve lo dico io: lo scopettino del water e il portarotolo della carta igienica. E’ stato difficilissimo e ho scelto con più facilità la casa da acquistare che lo scopettino, sono stato almeno 30 minuti a capire quale prendere senza farmi prendere dallo sconforto perché effettivamente non ti da’ grande soddisfazione riceverlo a casa sapendo il suo fine ultimo ma almeno è di design ed è molto carino.

PAZZESCO NO?



Se molto carino si può dire a uno scopettino del water.

Più facile è stato per questo delizioso tavolino dorato con il vetro, già mi vedo appoggiarci sopra la tazzina inglese dipinta per il tè delle cinque mentre aspetto la puntata di Chi l’ha visto, unico motivo al mondo per cui vale la pena pagare il canone della Rai.


Ovviamente mi sono dimenticato la lampadina. Scontatissima 


Così come questa lampada per cui sto studiando un piccolo angolo ton sur ton perché si abbina perfettamente perfino a un portafoto comprato in un mercatino testimonianza di un equilibrio armonico universalmente riconosciuto entro le mie quattro mura.

LO TROVI QUI

Cosa ci si mette? Fiori? chiavi? Cipria? QUI

Nulla da dire sull’utilissima scatola in vetro in cui metterò il boh e nemmeno sul bellissimo tappetino per il bagno blu navy che mi è costato almeno 20 minuti in contemplazione perché ancora una volta ho pensato alla perfetta armonia cromatica perfino delle maniglie delle porte ma non mi era venuto nemmeno il dubbio di aver bisogno di un pressoché indispensabile tappetino per il bagno.

Come fossi sempre al mare. 


Sull’impellente necessità invece della panchetta in velluto rosa non ci sono dubbi alcuni, l’acquisto definitivo. 

SIETE ANCORA IN TEMPO EH: QUI

2 commenti:

  1. Tocchi di stile perfetti !..ora devi farci vedere qualche angolo dell'opera finita ! claudiag

    RispondiElimina
  2. Orribile il porta rotolo con scopettino!

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!