domenica 25 maggio 2014

IL TRADIMENTO DEL PAM


IL REGNO.

Tutto ebbe inizio quando una sera la mia coinquilina entrò in casa urlando come una matta, felice come non mai.
Ho subito pensato “Ha un brillocco al dito” oppure “E’ incinta” o semplicemente ha ricevuto un complimento dal capo.
E invece no.

“HANNO APERTO UNA NUOVA ESSELUNGA BELLISSIMA VICINO CASA!”, ha esclamato pensando di darmi la più bella notizia del secolo.
Questo la dice lunga su quello che gli altri pensano mi possa far felice, il che fa presupporre che ultimamente le gioie scarseggiano.
Subito, scettico e snob, ho detto “Ah, ma tanto io sono fidelizzato al Pam, non potrei mai passare alla concorrenza” perché ormai per me è una lotta alla Montecchi & Capuleti.
Sono circondato da Esselunga-ossessivi, sono una vera setta dedita all’offerta più conveniente, alla raccolta di punti fragola che conservano in apposite cassette di sicurezza murate dietro a un finto Picasso.

Il Pam invece è come un hobby di nicchia, come la filatelia, il collezionismo di fortini medievali in riproduzione. Conosco tutti, il signore con la barba, la colf che spolvera le cornici della signora nel mio palazzo, la cassiera inacidita, è una piccola famiglia.
Come in tutte le famiglie però arriva il battibecco “Mi scusi, ma quando mi trasformate i punti in coupon?” ho chiesto per la quarta volta in una settimana, “Il 12 del mese prossimo”, scatenando così la mia ira più grintosa. IO LI VOGLIO ORA.
Così ho tagliato il cordone ombelicale e sono partito con il mio fagotto alla ricerca di me stesso.
Mentre mi avvicinavo all’Esselunga di Porta Vittoria mi sentivo in colpa, nella mia testa stavo davvero tradendo la fiducia del Pam che mi ha sfamato per mesi e mesi.


A parte l’imponenza della scritta “ESSELUNGA” che domina il quartiere e ti rapisce lo sguardo, ma appena entri c’è un tale ordine cosmico che ti sembra di essere in uno di quei film dove gli umani entrano in contatto con una nuova specie galattica più avanzata.
La prima cosa che mi ha colpito è il pavimento.
Una distesa chilometrica di pavimento pulitissimo, lucidissimo e scivolosissimo.
Talmente pulito che potrebbero farci delle operazioni chirurgiche senza rischio di infezioni.
Il carrellino giallo è perfettamente calibrato per muoversi con la sola spinta dell’unghia del mignolo, mentre io ero abituato a quello del Pam che non seguiva mai la mia traiettoria e asfaltava rotule e protesi all’anca di vecchie signore del quartiere.

L’Esselunga è tutta un’offerta, non vai a fare la spesa ma vai a incrementare il PIL, fai indagini di mercato e per capire quanto è la percentuale del risparmio scarichi apposite applicazioni e fai conti che nemmeno il giorno della maturità.
Ho comprato addirittura il pollo, io che non ho idea di come si cucini, tanto era in offerta e ben esposto nella vetrina della carne, e poi la verdura colorata, i succhi di frutta, i deodoranti.
Ero estasiato da tutto.
Addirittura 4 budini alla vaniglia, di quelli chimici e insapori a solo 0,99 centesimi.
Ovviamente presi al volo.

Ero quasi contento di pagare e dall’emozione di aver speso poco ho quasi baciato la cassiera, poi allegro, saltellante sono andato al banco delle informazioni e devo aver gridato con giubilo:
“CIAO, ANCHE IO VOGLIO FARE LA TESSERA FIDATY” con un sorriso che non ho mai fatto a nessuno se non alla dentista durante le lastre.
Ma non è un vero e proprio tradimento, al Pam ci vado perché puntualmente dimentico il pane.

7 commenti:

  1. E non hai ancora provato il servizio di consegna a domicilio. Get ready.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione, non vedo l'ora di dire al fattorino "Terzo piano, ma prenda l'ascensore di servizio!"

      Elimina
  2. Che brutto il PAM!!! anche io ho l'Esselunga vicino! ho preso una macchina fotografica digitale con i punti fragola!!! Vedrai che diventerai Esselunga addicted! se poi fai la Fidaty!

    RispondiElimina
  3. ahahaha.......Intanto scusami per l'anonimo,non ho tempo per registrarmi da nessuna parte......e manco la voglia a ben vedere.....due cosette.......a parte essere il top dei top Esselunga ha un pregio inaspettato,l'assoluta corrispondenza tra prezzi esposti e prezzi alla cassa,il resto del mondo ci naviga con maggiorazioni occulte per clienti disattenti......Comunque non potrei vivere senza i "pronti in tavola" di Esselunga,una bella dipendenza lo ammetto,però vedrai che piano piano s'insinuerà......ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. CLIENTE DISATTENTO IO MAI, grazie mille del commento!

      L.

      Elimina
  4. Da quando hanno aperto l'Esselunga anche ad Aprilia, mia madre si è trasformata in una signora del nord. "Sai che ci sono offerte fantastiche? Ma hai visto quanto poco costa l'olio?". E io la assecondo per il semplice fatto che sul catalogo premi ho visto una coppetta di Iittala, che è un must-have nella credenza buona.

    RispondiElimina
  5. l'Esselunga...ahahahaha...Ci ho lavorato qualche annetto..anni in cui era pieno di omosessuali prima che si riversassero sulla moda da grande distribuzione, dietro tutto lo splendore che il cliente apprezza, c'era e c'è cmq una forte politica destroide, l'impiegato viene centrifugato, l'apparenza e il servilismo al cliente è paradossale, se si può far finta di niente, questo è il loro modo, non riassumibile in poche righe, avranno una grandissima selezione un'alta qualità, ma poco riguardo dei dipedenti. Mauro

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!