domenica 19 gennaio 2014

MINCHIA LA SFIGA


A che serve una Jeep Mc Donald's se non vende panini?

Il fulcro di questo blog credo sia la trasformazione delle sfighe quotidiane in stuzzicanti soggetti di scrittura creativa. Mica siamo tutti come Gesù che trasforma l’acqua in vino e moltiplica i pesci, altrimenti sai quante persone avrebbero iniziato a voler moltiplicare scarpe Louboutin o barattoli di Nutella?
Per la serie “Minchia la sfiga” una qualche maledizione si è abbattuta sul mio corpo in un “tranquillo” sabato pomeriggio.
Alle ore 10 inizio il turno in piscina con i bambini urlanti che non mi riconoscono solo perché ho tagliato i capelli, alle 13 in punto finisco e mi scaravento a velocità supersonica in macchina, destinazione: appuntamento immobiliare.
Il tutto mentre fuori diluvia, i milanesi sono incattiviti e le pozzanghere diventano un’unica Fossa delle Marianne.

Schivo l’area C, parcheggio sulle strisce residenti perché sono amante del rischio e spero di non avere l’appuntamento per vedere una di quelle “Deliziosa stanza singola” che in realtà è un antro infernale da dividere con un “simpatico” cinese.
Sfodero la mia simpatia e il mio allure con le spero-future-coinquiline , felice riprendo la macchina e mi avvio verso casa.
Non so se tutti voi avete presente cosa può scatenare una forte pioggia battente nell’animo delle persone in una città in cui anche alle 13 di domenica tutti sembrano avere fretta, ma non è nemmeno difficile da immaginare.
Ad un certo punto in Corso Lodi, quasi al semaforo con piazzale Corvetto, si spegne la macchina che muore così, all’improvviso, mentre stavo tentando di prendere il verde.

PANICO.


Clacson, gente che invoca gli Dei per punirmi, cori da stadio. Io mi faccio piccolo piccolo nell’abitacolo, esco per spingere la macchina (lasciando la prima inserita e stupendomi di non riuscire a spostarla) ma niente, morta.
Arrivano due poliziotti che mi aiutano a spostarla di 30 centimetri così da non causare un congestionamento di tutta Milano. E intanto continua a piovere.
Davanti a me una Jeep firmata Mc Donald’s fa campagna pubblicitaria e io non ho nemmeno mangiato.
Ovviamente i miei genitori sono in montagna.
Ovviamente è sabato e il carrozziere di fiducia non c’è.
Ovviamente la tua migliore amica è nel Varesotto dal fidanzato.
Ovviamente non ho più la dolce metà che tra l’altro recuperai una notte proprio in quel punto dopo che bucò la ruota.

Arriva il carro attrezzi che non saprei dire se era rumeno, cileno o colombiano. Mi carica e mi dice “Io portare te alla metropolitana, io non potere portare te a casa”.
Eddaje, la sfiga che si aggiunge alla sfiga.
Quindi ricapitolando, io e le mie fradice scarpe Pittarello prendiamo la metro, arriviamo all’autobus, saliamo sull’autobus e con tutto l’animo snob dico ad alta voce:
“CI MANCAVANO SOLO GLI SCOUT”.
Sì, perché il Karma mi manda anche la comitiva di Scout tra gli 8 e i 12 anni, di quelli fedeli ai bermuda anche in pieno inverno e con mille spille attaccate ovunque.
Quando sono scesi dall’autobus è come se un esercito di Mammut avesse preso possesso del mezzo.
Dopo 20 minuti di autobus e 15 a piedi arrivo a casa, stravolto.
Altro che Vienna o Varsavia, prossima tappa LOURDES dove voglio fare un tuffo a bomba nell’acqua santa.

24 commenti:

  1. dai, peggio di così non ti può andare! puoi solo risalire!
    magari presto incontrerai una seconda metà, magari in fila dal carrozziere!!!

    P.S.: ci posti una foto di te con i capelli tagliati, please?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dal carrozziere? Ultima spiaggia!

      Elimina
    2. no, non intendo un carrozziere, ma un altro cliente, figo e carino!

      P.S.: ribadisco la richiesta del P.S. sopra!

      Elimina
  2. Mi hanno detto che i cinesi possono davvero essere simpatici! Non ci credevo nemmeno io...

    P.S. #selfienuovotaglio, please :p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ragazzi voi non lo sapete ma il mio taglio è sempre lo stesso, cortissimo con un evidente stempiatura, sempre la stessa faccia, niente di più!
      Ma grazie per la curiosità

      Ciao Ale tredici caro, certo che i cinesi sono simpatici ma preferisco dormire da solo!

      Elimina
    2. lo so che il taglio è sempre lo stesso, stempiatura etc., ma sei tu che sei speciale!!! dai, non farti pregare!!!

      Elimina
  3. Qui a Roma c'è un solo modo per descrivere le persone a cui capitano queste brutte cose, detto alla francese: ''er più sfigato d'Europa''. xD

    un'abbraccio e tanta solidarietà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ER SFIGATO potrebbe essere il mio secondo nome visto le mie radici romane.

      Che dici?

      Un abbraccio a te!

      Elimina
  4. Nel 2013 credo di aver visto più spesso i carroattrezzi e il carrozziere che i miei genitori. Io spero che nel tuo caso non sia stato così, ma solitamente a tutte le sfighe che hai descritto si aggiunge la sfiga che per riparare l'auto ci vogliono centinaia e centinaia di euro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me succede sempre quando nessuno è in grado di recuperarmi. Giuro. Sempre.

      Direi che è arrivato il momento di abbandonare l'uso dell'auto!

      Elimina
  5. ...ti ricordi che venerdì prossimo hai un appuntamento, vero?
    Danilo

    RispondiElimina
  6. ma dai! sabato sono stata tutto il giorno sul divano in versione ameba! come può non esserti venuto in mente di chiamare una semi-sconosciuta che avrebbe inforcato il suo truc con veletta e sarebbe corsa sul suo cavallo bianco a 4 ruote (va beh mulo, viste le dimensioni..) a salvarti???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma che carina, in effetti farsi salvare da te che indossi una mia veletta sarebbe stato fighissimo!

      L.

      Elimina
  7. Mi sa che le piscine a Lourdes sono basse. Fai attenzione. :-)

    RispondiElimina
  8. Una scena alla "Bridget Jones" insomma!

    RispondiElimina
  9. Lorenzo...dove ci si vede domani?

    RispondiElimina
  10. Risposte
    1. ma che bello questo corteggiatore ... dai Lorenzo fatti corteggiare ...

      Elimina
  11. Mi piace come scopo del blog rendere la sfiga divertente! Quando organizzi per Lourdes io ci sono eh!

    RispondiElimina
  12. Ma insomma allora Danilo l'hai visto o no?? ;)

    RispondiElimina
  13. Lorenzo, sono ripartito ieri da Milano...non siamo riusciti a vederci.
    Non ho potuto fare a meno, però, di passare da Cavalli e Nastri, per sbirciare le meravigliose cose che fai, riuscendo così a riportare con me qualcosa di tuo...magari un giorno ci incontreremo.
    Danilo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Danilo ma io pensavo stessi scherzando! Che hai comprato da Cavalli rle Nastri? Scrivimi un'email!

      A presto

      L.

      Elimina
    2. Ciao Danilo ma io pensavo stessi scherzando! Che hai comprato da Cavalli rle Nastri? Scrivimi un'email!

      A presto

      L.

      Elimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!