lunedì 22 aprile 2013

PEZZENTI ALLA CONQUISTA DI ROMA


Una verità

A volte mi credo Carrie Bradshaw, senza magrezza, senza capelli ricci, senza scrivania davanti alla finestra ma un po’ ci credo.
Ho un blog, un diario cartaceo alla Anna Frank, una rubrica “Frivoli (Mal)costumi Quotidiani” su TuDonna.it, un egocentrico Facebook e uno strillante Twitter.
Sono un grafomane senza possibile cura e i miei (ad oggi) 23.304 tweet ne sono la prova più tangibile.
Scrivere è una malattia, una necessità.
Un po’ come oggi, all’area cani porto Penelope a giocare con i suoi fedelissimi amici che tra un’annusatina e una corsetta si divertono come bambini a Gardaland, ad un certo punto però arriva Pan, un piccolo bastardino.

Lui che è la metà di Penelope comincia a molestare sessualmente ogni mammifero presente.
Avvinghiato sul retro-baracca di ogni femmina comincia a colpire di reni come in un triste film hard dove l’importante è la velocità e non lo stile. Le sue non erano propriamente delle avances sessuali quanto uno sfogo libertino personale, tentava ma senza esito.
Penelope, così come la sua grande amica, il boxer Olivia, era calma e placida e l’unica cosa a cui voleva pensare era rincorrere il legnetto di qua e di là nel parco.
Per ora è frigidina la ragazza.
Tornando al mio essere grafomane il paragone che volevo porre era il seguente:
Io, come Pan che non smette di molestare qualunque cosa emani calore, quando sono ispirato scrivo senza tregua finendo addirittura le parole.


“Ho finito le parole”
“Che significa?”
“Significa che comincio a sbagliare congiuntivi, “d” eufoniche e scrivo periodi infiniti senza virgole”.

Oltre che essere un convinto grafomane sono logorroico. Voi lo sapete.
Ed è per questo che mi sono imbarcato in un’altra esperienza di scrittura creativa, molto creativa, riuscendo così a coronare un gran sogno nel cassetto.
SCRIVERE UN ARTICOLO PUBBLICATO SU UN GIORNALE CARTACEO.
DA RICERCARE IN OGNI EDICOLA DI ROMA


Esce da venerdì 19 Aprile in edicola a Roma, Salerno centro, Napoli Margellina e Nocera inferiore, il free press romano Gloss Magazine, in cui c’è un mio divertente articolo che si intitola
“LASCIARSI: UN DRAMMA SOCIALE”.

Si narrano le classiche vicissitudini di un rapporto sentimentale finito malamente tra lacrime, pozzi di gelato a cui attingere sconsolati e telefonate minacciose nel cuore della notte.
Pare che questo articolo abbia addirittura fatto ridere il Direttore del giornale, che di professione fa il serio Direttore, anzi, serissimo.
Quindi, mi trovate in edicola sul numero di Aprile-Maggio a pagina 80-81.
Specifico che è un free press quindi completamente GRATUITO, ACCESSO LIBERO, ideale per noi che siamo dei Pezzenti con il papillon, perfettamente abbigliati ma con le pezze al portafoglio.

Se sei di Roma puoi trovare gli elenchi delle edicole che distribuiscono la rivista QUI

Se invece non sei di Roma e non hai amici/parenti/serpenti da minacciare puoi contattare  QUI la redazione per abbonarti o prenotare una copia della rivista sostenendo SOLO le spese di spedizione.

E se non hai lo sbatty per nessuna delle due cose allora sfoglialo online QUI E SOLO QUI
EDDAJE.

13 commenti:

  1. a proposito di cani (maschi), il mio ha 13 anni e fa come Pan! anche con le cagne sterilizzate da anni e vecchie. C'era una vecchia cagna grossa la cui padrona, appena lo vedeva, esclamava, "ecco il mandrillo", e poi bonariamente "ma dai, lasciala, è troppo vecchia per te". Il mio dovevo tirarlo via a forza! Quindi capisco! ma io sono orgoglioso del mio cane e quindi nessun imbarazzo.
    (tra l'altro, te l'ho già detto: Penelope è BELLISSIMA!!!)

    Per quanto ti riguarda, se scrivi:

    Oltre che essere un convinto grafomane sono logorroico. Voi lo sapete.

    io dico: "ma è proprio così che ti apprezziamo!" adoro i tuoi tweet frizzanti e ironici! figurati un articolo o anche un post. Ironia, spirito, leggerezza, talento, brio etc. E mi fermo qui! Coltiva la tua grafomania e continua a deliziare me e i tuoi oltre 2670 followers ad oggi 22 aprile 2013 (quindi più dei lettori dei Promessi Sposi).

    Quo non ascendes?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei sempre carino e mi dici delle cose che ogni volta mi rincuorano.

      Sono logorroico ma per quanto riguarda twitter, chi non lo è? Uno scrive poi gli altri ti seguono a ruota e inizio un bel discorso altrimenti quello che hai scritto rimane lì, male non fa.

      Grazie infinite

      L.

      Elimina
    2. infatti, mi piacerebbe che fossi un po' logorroico anche qui, sul tuo blog!

      Elimina
  2. Ma da quando scrivi a 'TuDonna.it'?
    Complimenti, caro Lorenzo! :)

    RispondiElimina
  3. Lorenzo complimenti!
    Noi non ci conosciamo, io sto imparando a conoscerti attraverso il tuo blog e le cose che scrivi.
    Cerca di far diventare "pezzenti con il papillon" un libro.
    Credo che essere tuo amico sia una cosa fantastica, fortunato chi lo è.
    Danilo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedi Lorenzo, che non sono l'unico tuo nardente ammiratore?

      Lorenzo il Magnifico e il Bello!

      Elimina
    2. Grazie mille Danilo, mi fa così tanto piacere ricevere questo tuo affettuoso commento!

      Non lo sai forse, ma il blog è già diventato un libro, versione ebook su Amazon!

      Lo trovi qui: http://www.amazon.it/Pezzenti-con-il-papillon-ebook/dp/B00AFDW8ZM/ref=sr_1_1?s=digital-text&ie=UTF8&qid=1354291119&sr=1-1

      Un abbraccio e grazie mille!

      L.

      Elimina
  4. Complimenti per l'articolo pubblicato ! Perché non ti seguivo prima su Twitter ? Ho rimediato subito ;)

    Fashion and Cookies

    RispondiElimina
  5. complimenti per l'articolo Lori, appena mi prendo un tablet, prima cosa mi scaricherò il tuo libro, e spero davvero di prendere l'abitudine in via definitiva di leggere sul kindle, perché casa al mare, in città sono debordanti di libri e io sono pure sensibile alle tematiche ecologiche...quindi magari iniziando con un libro leggero e piacevole, scritto da te, sarò invogliata a leggere solo ebook! baci!

    RispondiElimina
  6. Mio dio, articolo carinissimo e complimenti davvero, ti seguo sempre con interesse (leggi: me fai sempre sbellicà), sono davvero felice per te, aspetto il giorno in cui avrai una rubrica personale per abbonarmi a quel giornale :)

    RispondiElimina
  7. Da logorroica e grafomane senza speranza, sento di capirti in modo intimo e profondo.
    Chissenefrega se ci capiamo solo da noi.
    Io sono tra gli sfigati non di Roma, ma un modo di leggere il tuo articolo lo trovo!


    Greta
    In Moda Veritas

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!