martedì 7 novembre 2017

CAMBIO PIUMONE: IL METODO ALLA POLACCA

Prima di passare così le domeniche è necessario mettere in atto il metodo alla polacca 
A Milano è il 15 ottobre la data cardine per l’inverno, il giorno in cui i condomini accendono il riscaldamento e si inizia a dormire più coperti, poi in un batti baleno appare all’orizzonte novembre con la sua pioggerellina, la nebbia bassa, il cambio dell’ora e una stratificazione continua del letto con coperte e ancora coperte.
Così in una domenica piovosa e dalla luce cavernosa l’illuminazione, mettiamo il piumone.
Che tu lo abbia sottovuoto in solaio, arrotolato in un’anta dell’armadio che non hai più avuto il coraggio di aprire dall’ultima volta che l’hai spinto dentro con la forza o ancora dimenticato in tintoria, il giorno in cui lo dovrai tirar fuori automaticamente vorrai svenire dalla pigrizia ma fatti forza, è giunto il momento.
Per ovviare a questa infernale fatica in famiglia ci tramandiamo da generazioni e generazioni (due in realtà) il famoso “Metodo alla polacca”, un sistema che mi ha insegnato mia madre il cui nome è stato dato in onore ai campeggi che da giovani fecero con due ragazze polacche che lo utilizzavano sempre.
In pochi e semplici passaggi si riesce a mettere il copripiumone senza morire soffocati o senza trovarsi accartocciati a stella marina dentro al lenzuolo, poche regole, complice la geometria e un certo potenziamento di bicipiti e glutei.

Fase 1: sgombero e occupazione del territorio.
È necessario che il letto sia una sorta di sala operatoria ordinata e pulita con solo i ferri del mestiere, quindi no vestiti in giro, no federe e lenzuole sporche ma solo il piumone dal verso giusto ben disteso e pronto a cambiar l’abito.

Fase 2: sottosopra.
In questa fase si deve prendere il copripiumone e ribaltarlo all’inverso in modo che l’interno diventi esterno, sempre ben disteso dal lato giusto così che possa essere sovrapponibile al piumone.

Fase 3: inserimento.
Delicatissimo questo passaggio necessita di una chirurgica attenzione, infatti si devono inserire entrambe le braccia dentro al copripiumone fino al raggiungimento degli angoli opposti.

Fase 4: la vestizione.
Con le mani in corrispondenza degli angoli opposti si prendono gli angoli esterni del piumone e piano piano si fa scivolare esternamente il copripiumone sopra al piumone, come fosse un preservativo.

Fase 5: aerobica.
In questa fase si smaltiscono grassi e calorie, meglio della ginnastica e degli squat, infatti si consiglia di salire in piedi sul letto (che siano puliti) e si inizia a saltellare per favorire la discesa delle pieghe del copripiumone in modo che si arrivi a far combaciare tutti e quattro gli angoli.

Fase 6: estetica.
Come in tutte le cose ci vuole un tocco di stile e quindi in questa ultima fase si fa appello al proprio gusto estetico, si riempiono i vuoti del copripiumone e si appiana l’imbottitura così che sia bella omogenea per un risultato degno di un catalogo di AD.

È un’operazione veloce e prodigiosa, chi prova questo sistema poi difficilmente lo abbandona e quel cambio di piumone che di solito portiamo all’esasperazione con lenzuola consumate rimandando di settimana in settimana sarà invece una battaglia vinta.


1 commento:

  1. è davvero una dannazione però il metodo è ottimo!

    Passa da me se ti va: http://sofficecomeunanuvola.blogspot.it/

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!