giovedì 20 ottobre 2016

NOI GAZZE LADRE

Dai maschi di casa Bises ho preso la stempiatura, l’occhio chiaro e quel gusto antico nel vestire che ci fa apparire più vecchi che classici, mentre dalla linea femminile sicuramente la passione per tutto ciò che sbrilluccica e che è associabile al più bel concetto di GIOIELLO.
La mia bisnonna Gilda era una vera gazza ladra attratta dal diamante bianco più intramontabile, lei che durante la guerra dovette sotterrare in giardini i suoi gioielli di Bulgari, motivo più che valido per sopravvivere tenacemente alle deportazioni degli ebrei del 1943.

Ecco come superare la mia fobia dei serpenti: BVLGARI 

TEMPESHTATO PROPRIO

Quando ancora il gioiello era importante e portato con quella grazia che sapeva farti distinguere l’occasione giusto per indossarlo. Quando i collier erano collier e non invisibili fili d’oro, quando ancora le signore dopo le 20 portavano le tiare di brillanti a un cocktail con il padrone di casa che poteva spegnere le luci perché ce n’era abbastanza. Quando le parures di pietre preziose si tramandavano di Mamma- figlia o Nonna- nipote con la promessa di fare altrettanto con le future generazioni.
Filodellavita Luce: www.filodellavita.com

Quando su Snapchat abbiamo parlato di gioielli la maggior parte delle ragazze ha mostrato che si indossa sempre sempre sempre qualcosa di poco vistoso ma con un grande legame affettivo. Che sia un anellino da bancarella o un orecchino liberty della bisnonna, l’importante è quel valore che non è quantificabile con gli zeri.
L’argento cesellato in motivi floreali dei primi Novecento, un piccolo zaffiro o le intramontabili perle che si sconsiglia prima dei 40 ma che in realtà sono un tocco senza età. 
Portiamo poco ma bello che è un po’ l’idea degli ultimi anni.


Un classico Cartier

Poi però sfogliamo i giornali di moda e niente, ci incantiamo su un bracciale a serpente con 120 diamanti bianchi montati su oro giallo che a volte fa zingara ma in questo caso me lo metterei subito o su uno zaffiro rosa fancy. Anche io passo dal minimal “No niente oro dai i gioielli fanno parvenue” a “Oddio quello smeraldo 4 carati a forma di delfino lo desidero subito”. Da Madre Teresa a Elizabeth Taylor è un attimo.

Tutti noi amanti del gioiello poi ancora rimpiangiamo i Romanov con le loro tiare Fabergé e non ci siamo più ripresi da quando Rose ha gettato il cuore dell’Oceano dalla nave.

INGRATA. 

Santa Elizabeth Taylor, proteggici tu.
Una tiara di diamanti e perle per la zarina Alexandra, IL MIO SOGNO.
MALEDETTA ROSE.
Celine Dion indossa la versione creata per le riprese, ahimé sono solo zirconi. 

1 commento:

  1. Meraviglia assoluta ! Fuori dal tempo, ma sogni luccicanti e meravigliosi. claudiag

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!