martedì 5 luglio 2016

IL CAMICIONE FRESCO

Senza fronzoli. 
Se vivi su Pinterest non hai caldo, non hai freddo, non hai il problema di lavare i bianchi con i bianchi e i colorati con i colorati perché è un mondo così artificiale che tutto si stira da sé, i capelli son sempre perfetti, la pelle levigata e le case al mare hanno quel sapore che non riuscite a percepire nemmeno sulle riviste più patinate del settore.

PERFETTO.

Ne sto abbastanza lontano, così come dalle solite idiozie sulle tendenze dell’estate che ogni anno ci snocciolano, e così lancio giornali dalla finestra all’ennesimo “Estate 2016: RIGHE” perché è da quando nell’Ottocento si è cominciato a usare il mare non solo per navigare ma anche per respirare l’aria della costa le righe sono state da subito associate a quelle cabine di tessute sulle spiagge in Francia.

Troppo Pinterest per i miei gusti ma rende bene l'idea. 
Personalmente non ho bisogno di sentirmi dire da una rivista di “moda” che non mi conosce, che non sa come passerò le vacanze e soprattutto dove, a dirmi come è meglio vestirsi.
Se ogni autunno inverno è un po’ caccia al cappotto tra moda e gusto personale, d’estate io mi vesto allo stesso modo ormai da quasi un decennio, appena ho capito cosa mi stava bene e cosa poteva riflettere il mio stile. Qualcosa che addosso a me ha un senso nonostante possa sembrare noioso e banale.


poi ci sono io AHAHAHAHAHAHAH.

Nel 2009 tra Ischia, Capri, Roma e ovviamente Vallombrosa ho coniato il termine “Camicione fresco” che in poco tempo divenne la chiave di lettura di tutte le mie estati. Una camicia disimpegnata lasciata larga, anche un po’ lisa, con il collo alla coreana o tagliata a vivo che sia a righe o a tinta unita nei colori pastello azzurro, rosa, verde mela.
Tutto è nato da quelle camicie di Bises tessuti che erano del Nonno Luciano che mi stavano larghe ma che volevo usare ugualmente, così ho iniziato ad andarci in spiaggia al mare con il 

Camicione fresco 19 euro da Zara comprato a Strasbourg nel maggio 2010. 
Panama e i sandali in cuoio presi nel mio negozietto preferito di Otranto e che ancora oggi dal 2008 fanno il loro dovere.

Camicione fresco, che tu sia a Saint Tropez o sbattuto su una spiaggia di sassi sul Ticino. 

Paglietta = estate 

Nessun commento:

Posta un commento

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!