giovedì 16 luglio 2015

E A NOI CAZZOCENE?

MANCANO SOLO LE MACINE DEL MULINO BIANCO.
Dieci giorni fa mi arriva l’avviso di Vanity Fair “Il tuo abbonamento sta scadendo” e io subito panico. Perché è un giornale a cui sono affezionato nonostante ultimamente non sia proprio corposo ma a me basta leggere Daria Bignardi, incredibile paroliera che mi ricorda mia madre per idee e modi di dire. Sono stato proprio io a far ricredere mia madre su di lei, leggendola prima su Vanity Fair e poi con i suoi romanzi, in particolare quello in cui raccontava della sua famiglia e di come la mamma abbia avuto un ruolo potente ma difficile nella sua vita.
Rinnovo l’abbonamento (50 sacchi) e aspetto il prossimo numero speranzoso di una copertina top, come Ilary Blasi, mia preferita di sempre, l’ennesima ciancicata Monica Bellucci o un bellissimo sosia con il tupè come Jude Law.
E invece chi mi capita: MICHELLE HUNZIKER E TOMASO TRUSSARDI.
NO.
Prima di tutto Michelle è una delle starlette più insopportabili di sempre, supera addirittura Alessia Fabiani che con ogni smorfia mostrava al mondo il suo talento naturale per il sesso orale in quanto sembrava in procinto di raggiungere un orgasmo ad ogni inquadratura.
Tutti in bianco, super sorridenti, addirittura le due figlie e il cane con il titolo “NOI LITIGHIAMO, VOI NO?”.
Ma sapete che a noi non frega una minchia sottolio di quello che fate voi? E che autocelebrarsi come mamma modello, padre affettuoso, famiglia felice e di successo è solo una cafonata al pari di Angelina e Brad che vanno in giro per il mondo a raccattare figli perché così le foto sui giornali sono belle e di impatto?
Aurora, Sole e Celeste. Luce a Nord Est, Tramonti sul Sahara, Himalaya, Neve o Crostata di Pesche, no? Non vi piacevano come nomi?
Michelle poi è la classica “Io sono una donna solare, una donna completa, vivo per le mie figlie, le mie figlie sono la luce dei miei occhi, i miei occhi risplendono dei loro sorrisi” perché dire “Ho sposato un bancomat sempre attivo ma rimango la svizzera tamarra con il tatuaggio sul braccio” non è facile da dire.
Quindi viene a farci la predicozza classica della famiglia normale, che passeggia per Milano sorridente (I paparazzi sempre appostati davanti a casa sua, SEMPRE) che si ama e si vuole bene, con la figlia 18 enne che fa uscire un capezzolo su Instagram per aggiungere un pizzico di normalità e cattivo gusto.
Noi però non dimentichiamo il suddetto tatuaggio per cui anche un Valentino Couture sembra uno straccio da povera, la lista nozze D’ARGENTO che hanno tanto desiderato per il loro attesissimo (?) matrimonio e quel sorriso falso e forzato che millantano di avere.
Subito nella categoria indetta da mia Nonna “CAFONI RIPULITI”.

10 commenti:

  1. Grande ! condivido l'analisi al 100% !

    RispondiElimina
  2. Quoto parola per parola.
    Io la odio da tempi non sospetti.

    RispondiElimina
  3. Non c'è modo migliore di "cafona ripulita" per descriverla. Non posso sopportarla, lei e il suo tatuaggio.

    RispondiElimina
  4. Anch'io voglio sposare un bancomat sempre attivo!

    RispondiElimina
  5. Loro vestiti di bianco (casti e puri?), la famiglia normale, la famiglia felice: che caso che esca un articolo del genere proprio in questo momento. A volte le coincidenze vedi...

    RispondiElimina
  6. patetici! più che il "cafoni ripuliti" di tua nonna, io condivido il tuo sussurro che diventa "urlo" (ma non quello di Munch): CAZZOCENE! ma se proprio devo dire una cosa, oltre al cazzocene, è che Aurora come nome ci può stare, ma Celeste è proprio brutto, per non parlare di Sole (e allora perchè non Luna, e Venere, e Marte, e Urano, e Plutone no?). Ripeto: patetici!

    RispondiElimina
  7. Mamma mia quanto hai ragione!!

    Michele, cara, tutti abbiamo un passato, ma tu che cerchi di fare la figa con quell'arja da svizzerotta ripulita, non dimentichiamocelo, sei stata e sempre sarai la tizia che ha mostrato il culo a tutto il mondo nella pubblicità dell'intimo "Roberta"!!

    RispondiElimina
  8. Mi é saltata la doppia "L" nel nome. Sorry.

    RispondiElimina
  9. ai miei occhi lei continua a rappresentare un reperto dell'era horribilis della televisione anni Novanta, fatta di soubrette scollacciate e arrivate in tv sgomitando a più non posso, ha un look antiquato con quei capelli ossigenati a oltranza, ma quelli di Trussardi non le possono fare una consulenza di immagine? sbaglio o non ci sono mai foto con la famiglia di lui? la sorella si è presentata al matrimonio con gli occhiali scuri nemmeno stesse andando ad un funerale...

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!