lunedì 27 aprile 2015

S.O.S LAVASECCO

TROPPA MODA TROPPA
Ci sono momenti in cui farsi prendere dall’ansia non serve a niente ma sbattere pugni al muro, lanciare cose inanimate e invocare il cielo, sì. Un sabato mattina di pioggia e umido indosso il classico impermeabile Burberry’s scendo in strada e urlo “GATTOOOOO, GATTOOOOO” senza però limonare come invece alla sempre-culo Audrey Hepburn, poi lei va da Tiffany a far colazione perché fa la ricca, mentre io mi dirigo da ormai 15 giorni al Mc Donald’s perché ho Latte e Nesquik + Brioche aggratis essendo andato senza pudore alcuno a far colazione in pigiama, come i veri poveri.
 
Essendo TROPPO MODA mi scattano una foto, mi appoggio al davanzale del balcone, rido scherzo e me la sento molto. Salvo poi accorgermi che avevo sporcato di nero tutto l’impermeabile, non so come e non so per quale maledizione ma era tutto macchiato e per un attimo ho avuto un forte desiderio di prendermi a schiaffi con la busta dei piselli surgelati. COSA SBAGLIO SEMPRE? PERCHE’ SONO SEMPRE COSì GOFFO? Due giorni prima con quell’impermeabile mi sono pure avvicinato a un clochard sulla metropolitana e ho ceduto la mia brioche al cioccolato un po’Sissi, un po’ San Francesco d’Assisi, e allora perché dal cielo così tanto astio? In cinque minuti in cui ho perso la lucidità ho quasi corso il rischio di buttarlo in lavatrice a 30 gradi, mia madre non rispondeva al cellulare e non avevo nemmeno la forza di googlare “Impermeabile di Brurberry’s lavaggio SOS”. Poi ho letto l’etichetta (mai fatto in vita mia per nessun capo al mondo) e c’era scritto “Lavaggio a secco”.
 
Infilato un cappotto, messo a caso delle scarpe brutte come la fame, scendo e ovviamente vedo passare il tram. PERSO. Ripeto dentro di me “Non ti arrabbiare, cose che possono capitare” per non creare del panico inutile e per non bestemmiare in pieno centro a Milano che non è molto elegante e il sabato mattina la città è invasa da signorotte in filo di perle e barboncino al guinzaglio. Cammino in direzione del Carrefour che pare abbia un ottimo servizio di lavanderia, entro e per poco non ho urlato “VI PREGO AIUTATEMI” sgomitando tra un’ecuadoregna con le Nachos in mano e un altro che alle 11 del mattino beveva già birra.
 
Ad accogliermi un signore a cui non avrei affidato nemmeno il mio peggior nemico, gobbo, puzzolente, con la forfora su tutta la divisa Carrefour e senza denti. Ci ha messo quei dieci minuti per capire la parola “Impermeabile” e mentre lo imbustava io lo salutavo con le lacrime agli occhi bisbigliando un soffice “Ti vengo a prendere presto, PROMESSO” come fosse un bambino mandato in collegio. Ogni giorno prego l’Ispettore Derrick, patrono degli impermeabili, e ogni volta che ne vedo uno ho quasi il magone perché mi immagino il mio torturato da delle buzzurre della lavanderia e soffro, soffro davvero. Faccio anche degli incubi in cui me lo perdono, io urlo alla denuncia e li porto tutti al Tribunale perché non si scherza sui sentimenti, quelli veri, quelli profondi, quelli dedicati alle persone più care della tua vita

5 commenti:

  1. Sto pregando.

    E io non prego mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scrivi benissimo e già per questo l'Onnipotente dovrebbe aiutarti.
      Vedrai che andrà tutto bene..
      Ti abbraccio. 😘

      Elimina
  2. che storia struggente. i feel your pain.


    Barbs

    RispondiElimina
  3. "Ti vengo a prendere presto, promesso" è epico!

    RispondiElimina
  4. Ad accogliermi un signore a cui non avrei affidato nemmeno il mio peggior nemico, gobbo, puzzolente, con la forfora su tutta la divisa Carrefour e senza denti.

    questo è agghiacciante!!! e inquietante!!!

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!