domenica 7 dicembre 2014

NON PUOI VIVERE A MILANO SE:




Ancora mi chiedo, cosa ci faceva il 23 in Piazza della Repubblica? MISTERI.
Per uno nato e cresciuto a Roma, dinasticamente educato a dire “Milano è grigia, Milano è triste”, benché la metà del mio sangue abbia radici meneghine, la decisione di vivere nella metropoli del “tutto è possibile, anche vestirsi di merda!” è stata saggia e ben ponderata.
Da sempre sono stato più milanese che romano. Papà ne piange, Mamma non capisce cosa abbia fatto di male per meritarsi tanto.
Certo, è una città difficile, ma basta amalgamarsi. Non è nemmeno una città per tutti e a mio avviso esistono alcune piccole regole per capire se Milano fa per te, o meglio, se tu fai per LEI, perché è lei che decide. È lei che comanda.

Non è consigliabile per te vivere a Milano se:

-          Non sai camminare veloce. Il cosiddetto passo alla Milanese, svelto, deciso, rapido, senza fronzoli. Non esiste che tu possa camminare lento come fossi nel bosco dei cento acri a stupirti degli uccellini e delle farfalle. Qua si corre, tutti devono avere bene in mente la traiettoria del proprio marciapiede, fare lo slalom perché quella davanti decide di fermarsi improvvisamente è fonte di grandi sbuffi. Se ti fai un selfie, scattalo in corsa, se vuoi ammirare il Duomo accertati di non averlo già postato su Instagram.

-          Non sai stare in piedi sul tram. Gli urletti, i commenti “MA COME GUIDA IL TRANVIERE OGGI?” e il pogo come nemmeno al concerto di Avril Lavigne, sono cose che non si addicono a un milanese sul tram. Se non hai equilibrio e non ti riesci a sedere, allora cambia città o fai un corso sul Tagadà.

-          Non te la tiri con chi non vive a Milano. È una conditio sine qua no, fare il Cicerone a Milano con chi è forestiero è sempre una grande soddisfazione. Come per dire “CE L’HO FATTA”, anche se vivi in un loculo e come sottofondo hai trans brasiliane che ballano il merenghe tutta la notte.


-          Non ti piace il rumore. Tram a tutte le ore, ambulanze spiegate, clacson concertisti, urla di gente che corre a caso, vicini di casa impegnati in accese discussioni su chi deve caricare la lavastoviglie, cani e avvocati in causa. Tutto a Milano è suono, non sempre incantevole.

-           Non sogni di vivere in Brera, con il filo di perle, il Loden e il cappello.

-          Non ti fai influenzare dalla moda. Essendo la città del fashion per antonomasia anche se vedendo la quantità di Hogan che attraversano impunite le strade non si direbbe, è difficile non farsi plasmare dalle mode temporanee. Ne siamo un po’ tutti vittime e carnefici. Il fatto è che possiamo scegliere se seguirle o trovare il nostro stile. Brutto o bello che sia.

-      Non ti emozioni. Milano può essere una grande stronza ma poi si fa piano piano scoprire nei suoi angoli più remoti e più quieti regalandoti grandi sorrisi. Perdersi tra quelle vie che pensavi fossero lontane e invece sono una l’incrocio dell’altra grazie alla circonvallazione, alzare lo sguardo e vedere case che da più di un secolo testimoniano l’eleganza dei suoi viali.
  
Milano è così, la si può odiare ma poi finisci per amarla. Anche quando corri per prendere il tram che ormai hai perso e un automobilista con il Suv  ti fa la doccia perché pensa di essere sulla pista di rally.  

1 commento:

  1. io mi sento milanesissimo anche se non sogno di vivere a Brera. Quanto ai tranvieri (carini alcuni!!!), ci sono certi guidatori di autobus che sembrano avere mangiato lumache e tartarughe!!!

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!