domenica 29 giugno 2014

BAGNINI: COME CI VEDONO E COME SIAMO


Proprio così

Quando avevo 18 anni, pesavo 57 chili, nuotavo tutti i giorni, avevo più capelli e non mi veniva mai un esercizio di matematica, decisi che avrei fatto l’esame per diventare bagnino.
Anzi, ASSISTENTE BAGNANTI.
Spesso si pensa che il bagnino non è altro che un sogno erotico con due braccia potenti, un’abbronzatura da sogno e un sex appeal da attore porno.
Nella versione femminile invece l’immaginario collettivo vuole la bagnina con due tette visibili dalla Luna, un sedere che non è alto ma altissimo, una depilazione perfetta e un bikini che Pamela Anderson si sentirebbe a disagio.
Tutto falso.

Il bagnino è prima di tutto considerato con un derelitto ignorante e zotico che sì, forse sa nuotare, ma che ha scelto di brevettarsi per non fare il muratore, che non sa mettere in fila due congiuntivi di seguito e che può essere trattato come servo della gleba.
Nessuno sa che la maggior parte ha un doppio lavoro, che quando gli altri alle 18 staccano la spina del loro monitor lui cerca di sopravvivere in un ambiente caldo umido con in sottofondo un continuo scrosciare dell’acqua da mal di testa.

Il bagnino deve avere anche uno spiccato senso dello humour altrimenti non sopravvive alle domande quali “SCUSA, HAI IL DENTIFRICIO?” perché c’è gente che pensa di essere all’Esselunga e non in piscina. Oppure a quesiti quali “Dove posso trovare lo spray per non far appannare gli occhialini?” con relativa risposta “Signora, ci sputi sopra che funziona sempre!”.
Il bagnino ascolta i problemi e fa da psicologo, capisce al volo chi è l’amante di chi e chi sta broccolando con chi, tra un “NON CORREREEE”, urlato al bambino maratoneta che presta si schianterà contro qualcosa, e un “LA CUFFIAAAAA”, mette in ordine tavolette, sposta un signore dalla corsia veloce a quella lenta litigandoci per un’ora, prova la temperatura dell’acqua, ascolta le lamentele della signora che immobilizzata all’angolo della vasca si lamenta che ha freddo e intanto sorride. “OHHMMM, sento l’onda azzurra, nulla mi scalfisce, tutto questo non esiste”.


Altrimenti è destinato a brandire una tavoletta e a menare chi gli capita a tiro.
Se lavora in una piscina scoperta avrà il segno della canottiera da qui a sei anni e quel doppio colore Nigeria vs Islanda sarà la sua ossessione ogni volta che accidentalmente incontrerà uno specchio.
Certo, il rimorchio è dietro l’angolo perché non c’è mestiere più erotico secondo il luogo comune del bagnino che ha un flirt estivo con l’utenza annoiata. MA, e c’è un MA, per le ragazze può essere un viscido 50enne che si accoppierebbe anche con un attaccapanni e per i ragazzi la signora benestante che è stanca di dare indicazioni alla filippina su come spolverare e decide che farà la lasciva per trovare un toy boy.

Ci sono poi quegli attimi di panico in cui devi buttarti a prendere quella scema di una cinese che si è tuffata senza saper nuotare e pensi subito “E ORA DOVE LI METTO I MIEI PERSOL?” perché prima viene la salvaguardia tua poi quella della cinese.
È un duro lavoro ma qualcuno dovrà pur farlo, e ad addolcire il tutto c’è la signora in sedia a rotelle, dolce e gentile che per ringraziarti di averla aiutata e di averle sorriso ti allunga qualche monetina.
“Così ti offro un bel caffè”.
Caffè che si è subito trasformato in un’enorme fetta di cheese-cake. D’altronde sul mio contratto non c’è scritto che io debba avere addominali scolpiti.

10 commenti:

  1. Sei sempre ironico e divertente nei tuoi racconti.
    Saluti da Cagliari

    RispondiElimina
  2. Ma Grazie!!
    Saluti da Milano, dove i bagnini sono meno abbronzati che da voi!

    RispondiElimina
  3. Anche se il tuo lavoro è ben altro, ci staresti molto bene come bagnino in Sardegna. Il bellissimo colore dei tuoi occhi, si abbina perfettamente con il colore dell'acqua di molti mari sardi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ma che complimenti qui! Grazie mille!

      Elimina
  4. non avrai gli addominali scolpiti, ma la tua bella figura la fai senz'altro. Lo sai che sono un tuo ardente estimatore!

    [mi sarei aspettato un post sulla moda maschile della scorsa settimana - Rstp]

    RispondiElimina
  5. io ti adoro!

    (e la coincidenza vuole che abbia utilizzato per il mio ultimo post la stessa immagine)
    baci, molti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho visto, siamo sulla stessa lunghezza d'ONDA.

      Grazie mille!

      L.

      Elimina
  6. Mamma mia io ricordo i bagnini della spiaggia in liguria dove andavo da adolescente con i miei... loro erano davvero dei BONI!
    poi beh, si sa che ce n'e' per tutti i gusti, io un pensierino a lasciarmi affogare nella tua piscina ce lo farei :P

    RispondiElimina
  7. Mi hai dato un'altra prospettiva completamente hahaha

    RispondiElimina
  8. Giusto ieri ho avuto l'occasione di vederti all'opera come bagnino, ma non ho avuto il coraggio di venire a parlarti...in ogni caso complimenti per il blog! :)
    Vale

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!