lunedì 16 dicembre 2013

SUR LA TETE DI UNA ROMANOFF


Cioè, la bellezza.

Ultimamente la mia vita è un po’ come una giostra, ferma.
Poche sfolgoranti emozioni, nulle le mondanità, zero gli inviti in società. Mi sono trasformato in un essere il cui pigiama è coperta di Linus, capanna sull’albero e ancora di salvezza.
Praticamente Bridget Jones senza cellulite.

Poi un venerdì sera di nebbia così fitta che non trovi nemmeno il cane in giardino, confeziono un cappello e un fascinator, questa volta per una testa un po’ più speciale delle altre.

NICOLETTA ROMANOFF ha scelto due truc e questo ha fatto brillare i miei occhi e cadere gli ultimi pochi capelli, insomma non è la prima buzzurra di Quarto Oggiaro che inciampa in una delle mie creazioni, non è il mio capo che interamente vestita di bianca porta le frisè come Skipper, la sorella di Barbie, quella maledetta con i piedi piatti.
Nicoletta è la nostra preferita per tre motivi:

1)      E’ campionessa olimpica di corsa su stivali con tacco 12 come ha dimostrato nel film “Ricordati di me”. Impresa che è costata una rotula e qualche caviglia a delle fanatiche idolatrici.

2)      Perché “Cardiofitness” è come un classico di Natale, un film disimpegnato da guardare la domenica pomeriggio mentre pensi alle tue disavventure amorose e ti sfondi di pop corn. Sei lì che inciti al bacio tra lei e il giovincello Costantini e ci scappa anche la lacrima facile senza dignità.

3)   Grazie a lei uno dei miei più grandi desideri è avere una casa con un lunghissimo corridoio per esibirmi in piroette circensi mentre pattino sulle rotelle evitando di prendere in fronte una credenza o una mensola.

 
Nicoletta si spara una selfie con il truc, splendida.
Tralasciando il fatto che discende dalla dinastia imperiale russa e che è prossima al trono inglese se dovessero “casualmente” morire 1500 persone circa, Nicoletta è di una bellezza sfolgorante, semplice ma di grande raffinatezza e ha dei capelli così perfetti che dovrebbero essere donati alla scienza.
Sofisticata e sorridente ha uno stile impeccabile che sia sul set o in giro con i figli. E cucina meravigliosamente, guardando il suo Instagram credo sia impossibile non avventarsi su qualsiasi cosa ci sia in frigo subito dopo.
Nelle foto indossa un cappello a tesa larga color cioccolato in feltro con fiocco in velluto e un fascinator con fiore in tulle color porpora, e direi che le stanno un incanto.
Beh, che dire, non pensavo di meritare una testimonial così ma ne sono orgoglioso e felice oltre misura.

10 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie cara, sono proprio proprio felice di questa testimonial!

      Elimina
  2. caspiterina...
    è bella e brava...

    RispondiElimina
  3. La adoro da sempre per tutti e tre i motivi da te elencati e perché è bella e brava. E queste tue creazioni (oltre a essere splendide) le stanno benissimo.

    Complimenti a entrambi, insomma :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sapevo che qualcuno avrebbe apprezzato i motivi, sono intramontabili!

      Grazie Alessandra, grazie!

      Elimina
  4. il cappello che hai fatto per la Romanoff l'ho cercato in lungo e in largo (inutilmente) per il matrimonio della settimana scorsa...non ti ho pensato...mea culpa :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi dispiace Marì, spero sarà per la prossima volta!

      Ti abbraccio, ps: cosa hai indossato?

      Elimina
  5. :O Come hai fatto? Beh, come hai fatto...sei bravo, è ovvio saltare all'occhio di chi ha gusto ;) I'm so proud.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo anche delle piccole scorciatoie, lo ammetto, ma il risultato è quello che conta no?

      Elimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!