lunedì 8 luglio 2013

L'ALTRA FACCIA DI FACEBOOK



E’ dura scrivere dopo una scoperta che ha percosso sentimentalmente il mio animo ma per onor di cronaca devo farlo.
Noi generazione di pirla attaccati a quella macchina infernale che è il pc utilizziamo i social networks come amuleti a diffusione veloce, ovunque qualcuno risponde e ne sa una più di Gesù Cristo.
Ma, e c’è un ma, una sera inciampi per sbaglio nella casella “ALTRO” dei messaggi di Facebook e ti si apre una dimensione parallela abitata da strani personaggi che non hanno la pelle verde e l’alito cattivo e non vivono su qualche altra galassia.
Tutto lì, l’almanacco di tentativi di brutti rimorchi morti sul nascere, spam di serate Burlesque, addirittura inviti come pubblico a una puntata de “Le invasioni barbariche”, Facebook mi ha censurato tutto questo per proteggermi o farmi innervosire?

Ci sono anche messaggi gentili di ammiratori segreti che stavano leggendo il mio libro, corteggiatori seriali “Sei bellissimo in questa foto” e informazioni di servizio mai arrivate.
Non è giusto, perché nascondere così tanto materiale di pettegolezzi a noi che viviamo di questo?
Insomma Mark, noi non vogliamo essere protetti dai cingalesi in cerca di moglie, non vogliamo ignorare le serate di dubbio gusto a tema latino-americano e soprattutto vogliamo sapere che c’è un brutto rimorchio in agguato per poi pavoneggiarci con gli altri davanti a un drink.

Dentro quella casella c’è una dimensione parallela.
Fatta di “TI AMO” a casaccio, di “Pxo kiederti l’amicizia?” e di proposte matrimoniali da arabi in cerca di un harem.
E’ inquietante sapere che Facebook trova il modo per nasconderti quello che magari aspetti per anni, ora si controllerà quella casella “ALTRO” come quando si fa stalking aspettando il pallino verde della chat.

Vivo nel terrore che Marta Marzotto mi scriva per invitarmi a un tea-party o per mostrarmi il suo Boldini e che Facebook lo ignori, oppure Alessia Fabiani mi chieda di andare a ubriacarci al parco Lambro bevendo il Tavernello con la cannuccia colorata.
Mark, non ci meritiamo simili angherie, non ci meritiamo questo subdolo panico.
Mi dissocio e prometto di tener conto di quella casella incriminata come se mi dovesse regalare le migliori felicità della mia vita.

12 commenti:

  1. Bravo! Io detesto l'idea di Facebook e quindi non sono (mai stato) su FB, però tu guarda lì, che magari qualche ammiratore sincero (oltre a me, ma noi interagiamo via twitter e mail) lo trovi di sicuro. Il mondo aspetta di conoscerti, scoprirti, apprezzarti, amarti etc. Perché non proprio dalla casella "altro" di FB???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è tenerla sotto controllo!

      Elimina
    2. beh, scegli fior da fiore, fino a trovare il tuo David Gandy che ti cerca (anche se lui ancora non lo sa)!

      Elimina
  2. Sono subito andato a controllare la casella Altro, e non c'è niente.

    Dio come mi sento sfigato ora!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vuol dire che sono tutti nella casella tradizionale?

      Ti avrei mandato un messaggino io se avessi saputo che hai Facebook!

      Elimina
    2. Anch'io sono andata subito! Buahaha! Sfigati in due! :D

      Elimina
    3. Mandami immediatamente un messaggino te!
      Cioè, lo sai che c'ho pianto?!

      Elimina
  3. Amico, io dovuto dare 60cent a fb per non far finire un mio messaggio in Altro e poter abbordare in santa pace. Ale

    RispondiElimina
  4. I brividi di quando ho trovato il messaggio di Elizabeth De Angelis, sperando che fosse parente stretta di Wilma: "hola Andrea de casualidad hablas español...". La cartella Altro (aka Stalking) riserva sempre grandi sorprese.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma questo merita una festa da calendario!

      Elimina
    2. Nel giorno di Santa Elizabeth Encoronada Sudamericans

      Elimina
  5. Hai assolutamente ragione, ahahah

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!