venerdì 24 maggio 2013

10 MOTIVI PER AMARE/ODIARE KATE MIDDLETON


"SCIAO BELLI DE MAMMA"

È passato da un anno e più dal giorno in cui tutti abbiamo finto di fare gli snob indifferenti per poi finire incollati al televisore.
Le nozze di Will & Kate sono diventate uno spartiacque.
Il nuovo muro di Berlino.
La nuova espressione ancient regime.
La storia prima e dopo il royal marriage più famoso del globo.
Da quel giorno qualsiasi cosa riconducibile a Kate appare divina, surreale, ultraterrena. Ed è per questo che spinto da un senso di invidia e dolce amore scrivo questo decalogo.
Si può odiare Kate solo amandola.
Si può amare Kate solo odiandola.


1) NON E’ MAI FUORI POSTO: mai la si coglie in quello stato catatonico al mattino con ancora le caccole del sonno agli occhi, l’alito mefitico e la tuta. Mai i capelli scompigliati, mai una calza smagliata, mai un trucco sbavato.

2) NUDISTA PER CASO: viene fotografata con le gioie reali al vento e tac. I malefici avrebbero voluto un rotolo di grasso da Nutella in più, una smagliatura grossa come la cartina geografica dell’India, due seni avvizziti come pesche marce. NO.
Un seno elegante che calzerebbe bicchieri di cristallo Baccarat così come il piede di Cenerentola la famosa scarpetta.

3) I SUOI CAPPELLINI: qualcosa di mistico per chi come me ha la fissazione del cappello. E’ ormai noto che Philip Treacy sia imprigionato nella Torre di Londra come proprietà esclusiva di Kate. Se lei esce di “casa” (un palazzo e un castello per noi pagatori indebitati di IMU “casa” è una bestemmia) non può non avere una veletta, un fiore o qualcosa di piumato sulla testa.
E le starà tutto bene. TUTTO.
Dalla farfalla al lavoro intrecciato del più astratto cappellino, lei sa portare qualsiasi cosa con un tocco in più. Lo fa suo, come fosse nata con un uccello impagliato in testa o un cappello dalla tesa di due metri.
Chi al mondo può andare in carrozza con un fascinator che non voli via come un fagiano impazzito?

4) MAI UNA FIGURA DEMMERDA: la suddetta Kate ai funerali è triste, ai matrimoni è raggiante, alle cerimonie ufficiali è ossequiosa, davanti ai bambini è dolce, quando saluta il popolo è amorevole, davanti alla Regina è rispettosa, ai ricevimenti è impeccabile.
Insomma Kate, quand’è che ti ubriachi e ti dimentichi la biancheria intima sotto un vestito succinto scendendo dalla macchina come facessi pilates? Il mondo non aspetta altro.

5) FOTOGENIA: i casi sono due.
O i fotografi-paparazzi di mezzo mondo sono invocati alla perfezione michelangiolesca del corpo di Kate oppure non esiste una foto in cui lei sia mezza storta o con l’occhio sguercio.
Lei è fotogenica.
E anche un po’ subdola, nelle foto spesso è vicino a Camilla. Si sa, affianco alla Parker Bowles anche la cartavetrata può sembrare un abito di Armani.
Ci siamo intesi?

6) NO CIVETTERIA: Kate non è una civettuola bionda scialba e demodé. È sofisticata senza per forza essere modaiola, è furba senza essere presuntuosa, è intelligente senza essere arrogante.
Ce le ha tutte lei, ‘sta stronza.

7) VESTE DI GIALLO: all’ultimo Garden Party della Regina lei appare incinta ma con capelli meravigliosi. Mentre il resto delle donne del mondo starebbe in pigiama a divorare qualsiasi cosa capiti a tiro e a guardare “Tierra de Lobos”, lei veste di giallo pastello, ha un piccolo accenno di pancia, in testa un truc superlativo e siccome è anche gentile parla con Camilla, la quale indossa un cappello piumato vecchio come i Windsor, dei guanti e perdi più porta un ombrello.
Dove pensava di essere, al giro turistico di Londra?
(Vedi punto 5).


8) IL MARITO PELATO: mentre il giorno delle nozze del secolo Kate si avvicinava con un abito incredibile e una pappardella di gioiello sulla testa, il povero Will con la ripresa dall’alto ha mostrato un’incipiente caduta gravitazionale dei capelli.
Ma Kate è profetessa del CAZZOCENE.
Anche se a parer mio qualche timore  notturno esiste che Will negli anni assomigli sempre più a quel cavallo da far west del padre.


9) IL THE’ CON LA REGINA: non esiste evento mondano che possa competere con l’invito della Regina per il thé. Quello inglese, quello delle cinque, quello che noi facciamo finta di prendere a casa in inverno avvolti nella ciniglia in compagnia di Barbara D’Urso.
Kate non solo vi partecipa ma conversa con la Regina e nel suo brillante futuro sarà lei a decidere gli invitati e l’argomento di chiacchiericcio.
E di certo non si parlerà dell’ultimo scatto osé di Belen.

10) E’ KATE: possiamo odiarla e possiamo amarla ma lei non sarà mai imperfetta e spadroneggerà sulle tazzine che compreremo a Londra considerandole un souvenir kitsch.
Kate è tutto quello che non siamo noi.
È l’ultima Cenerentola.
Mentre al mondo rimangono le troppe Brooke Logan. 
VE POSSINO...

20 commenti:

  1. Cazzo, è bellissimo.
    Ops, scusa, ho detto "cazzo" al cospetto di Colei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E io a causa sua ho scritto "stronza" e non era mai (o quasi) successo!

      Grazie cherie

      L.

      Elimina
  2. Infatti non posso non amarla! La cosa che mi colpisce di più sta nel fatto di essere di gran classe, ma anche semplice allo stesso tempo! Non ha bisogno di tante impalcature baroccose addosso. E ci voleva in quel di Buckingham Palace dopo la cavalla Camilla. Lei la grazia non ce l'ha, manco se compra il giornale.
    Ecco perchè ho seguito il Royal Wedding sul divano con i panini e le patatine ed ho sulla mia scrivania una tazza kitsch con la sua faccina!

    God save Kate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo sì che è un interlocutore adatto a seguire il mio blog.
      Complimenti per la tazza, io non vedo l'ora di tornare a Londra per comprarmene una, ma la voglio con Kate impalcata con un bel cappello a tesa gigante.

      un abbraccio

      L.

      Elimina
  3. E' meravigliosa. Sempre impeccabile nella sua semplicità.
    La tazza.. pure io la voglio, la desidero, la avrò!! :))))

    RispondiElimina
  4. È bellissimo!!!
    Sono terrorizzata anche io,william diventerà sicuro come Carlo tra qualche anno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Poverino, cosa si può fare per quel muso equino?

      Elimina
  5. a me lei piace molto!!! speriamo che Will non diventi un cavallone come suo padre, però c'è anche da dire che invecchiando si finisce con lo somigliare ai genitori dello stesso sesso.

    Per fortuna che i figli della Royal couple avranno Kate che correggerà i geni equini del ramo paterno!!!

    RispondiElimina
  6. scusa...ma le didascalie delle foto meritano una menzione d'onore. ecco.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non hai idea di quanto ci abbia pensato prima di scriverle!

      Elimina
  7. Per me, dietro quel sorrisetto, si nasconde la cattiveria di una che, per essere così, ha venduto l'anima al Diavolo.
    E anche per questo la odio/amo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere, ma tu non venderesti l'anima per quei cappellini?

      Elimina
  8. Ma spediscile qualche tua creazione: hai visto mai che rapisca anche te e ti rinchiuda in qualche bel maniero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ritrovo poi nella Torre di Londra a litigarmi le piume con Treacy!

      Elimina
  9. Per me è troppo magra, soprattutto ultimamente, spero che dopo la gravidanza prenda un po' di chili. Mi piace molto, perché rappresenta il nuovo con la tradizione, non so se mi spiego...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai perfettamente ragione, è un po' uno svecchiamento della monarchia!

      Elimina
  10. Io non ho ancora capito se mi piace o se la detesto!

    RispondiElimina
  11. Io credo che mi sia un tantino indifferente... Niente a che vedere con Diana, alla quale tentano di associarla, purtroppo. E la tazza...io le colleziono, ma con la sua faccia proprio no, su.
    Comunque a parte lei, sono capitata qui per caso e trovo il tuo blog geniale...complimenti. Ti seguo, assolutamente.
    www.emotionally.eu

    RispondiElimina
  12. Però una figura di merda ogni tanto la renderebbe più umana, non credi? Così è troppo principessa, troppo divina!

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!