sabato 9 marzo 2013

PER UNA VITA GIALLO SENAPE


4 PIRLA IN 1: da sx il pirla curioso, il pirla ritroso, il pirla dubbioso e il pirla gioioso.

Fin da piccoli ci insegnano che il sole è giallo, il cielo è azzurro, l’erba è verde e la cacca marrone.
Ma, a dir tutta la verità, non è sempre così.
Prendete il cielo di Milano ad esempio, è sempre azzurro? No, è sempre grigio, tra quel grigio fumo di Londra e quel grigio gonna-della-nonna.
E il sole? Quello ogni tanto fa capolino, ci permette un po’ di sano ottimismo civile e poi sbam, scompare e diventa solo un disco che ci ferisce gli occhi.
Insomma i colori che ci insegnano durante la nostra turbinosa infanzia si rivelano delle ciofeche immense.

Aggiornando il mio guardaroba che pare Waterloo dopo Napoleone si nota un certo cambio di registro, se prima c’era stata l’invasione del verde sottobosco nei guanti, cappelli, maglioni e sciarpe, ora entra in gioca un’altra forza rinnovatrice.
IL GIALLO SENAPE.
O mostarda, o giallo-vomitello, chiamatelo come vi suggerisce il vostro cervello.

Il senape riassume in una sola sfumatura cromatica tutta la mia vita in questo ultimo periodo, infatti non è un giallo-canarino-limone-ciuffo-alla-Malgioglio, pieno di sole, colmo di ottimismo e che richiama gli spiriti fortunati, ma è un giallo più discreto, più caldino, più silenzioso e meno presuntuoso.

E’ un giallo che dice “SONO SCINTILLANTE MA DISCRETO” e che non sbatte troppo la faccia di chi non è nato nel giusto emisfero terrestre e di chi risulta pallido 350 giorni all’anno.
Come me.
Bianco come un cacio cavallo, come un pezzo di Emmental, ho solo due pomelli rossi sulle guance che però prendono vita quando ricevo un complimento, saltuario, spesso troppo saltuario.
Piano piano il giallo senape ha fatto capolino nel mio armadio, prima con quella presenza che passava inosservata, i calzini, poi con il dettaglio del portadocumenti, fino ad un’esplosione unica.

Pantaloni. “Chi mai li indosserà?” si chiedono giustamente i venditori che decidono di metterli a 7 euro.
Parka. Quello famoso che in attesa di cambiare taglia ho messo con il cartellino ancora attaccato.
Il maglione. Perfetto con la camicia di jeans.
Il papillon. Immancabili i pois da intonare a tutto il resto.
Addirittura le toppe che ho scelto per un classico blazer blu troppo anonimo.
E anche i pesi con cui provo a rimpolpare i molli bicipiti.


L’altro giorno in un momento di perdizione totale sono andato da h&m e ho visto un berretto da ladro d’appartamento color giallo senape.
“Questo sarebbe perfetto con quel giubbotto di jeans che voglio tingere, una maglia bianca, un pantalone scolorito e le All Star che hanno più buchi che suola” ho confessato tra me e me.
Praticamente Chris Brown e Rihanna in un tripudio di droga e denim alla “We found love”.
Il giallo senape è un colore di passaggio, una rivoluzione della mia vita, una fase transitoria.
Che per fortuna non comprende muri spugnati nella mia camera.

13 commenti:

  1. Ahahah stupendo come sempre! La battuta sui muri spugnati mi ha fatto morire... il giallo senape è un bellissimo colore, mi piace un sacco e trovo che ti doni molto!
    Irene ( non sto scrivendo dal mio profilo solito..)
    Baci

    RispondiElimina
  2. Ah ce l'ha fatta a mettere il mio profilo...

    RispondiElimina
  3. mi piace molto...anche io questo inverno stono stato corteggiato dal giallo senape, ma ho mai avuto l'occasione di comprare qualcosa di questa tonalità.. perchè i capi che indossavano non mi stavano bene...e ho abbandonato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perché a me stanno bene?
      La bramosia vince sul buon gusto con me!

      un abbraccio

      L.

      Elimina
  4. anche a me piace il giallo senape, soprattutto su di te.

    Ma ciò che veramente mi ha INCANTATO sono i mocassini blu che col giallo senape stanno benissimo! ma penso starebbero bene su ogni colore!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma dimmi una cosa: tu i miei adorati mocassini blu, con quali tipo di calze li metteresti? lunghe, corte, colore, tessuto, stagioni ...
      ti chiedo una risposta esauriente, per favoreee.

      Elimina
  5. posso mandarti il mio zito a lezione di stile?!
    eheheheh
    Kiz Marì

    RispondiElimina
  6. Il papillon su quel maglioncino senape dà un tocco davvero chic!!

    Un bacio e buon weekend, The Spotted Cherry Pie
    Twitter | Instagram | Bloglovin

    RispondiElimina
  7. la felpa è H&M? Giallo senape a vita. Io anche le nuove adidas le ho comprate giallo senape :) e anche il gilet benetton ;)

    RispondiElimina
  8. Direi giallo senape. Mi piace. secondo me i calzini staranno splendidamente col mocassino blu elettrico.
    P.s. scusami se non mi sono più fatto vedere sul tuo blog

    RispondiElimina
  9. ciao Lorenzo, ho scoperto oggi il tuo blog, sto facendo indigestione dei tuoi post, é quello che mi ci vuole in una giornata così ..La teoria dei colori, se ne potrebbe parlare per ore, di ritorno da un viaggio in India pero' ho pensato che bisognerebbe inventare dei colori solo per l'India, dove il cielo non é solo blu e il sole giallo, ma sono talmente diversi ed emozionanti da non poter usare i colori dell'arcobaleno.
    Sono Moleskine dipendente anche io... e pazzaperibijoux
    M.elena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie carissima!
      mi fa tanto piacere trovare chi come me impazzisce per quello pagine quasi ingiallite della moleskine!
      Io non potrei stare senza!

      un abbraccio

      L.

      Elimina
  10. La classe non è acqua. Nel tuo caso è Moët & Chandon.

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!