venerdì 29 aprile 2011

Ho detto sì, chiamatemi scema.

Il limone duro mancato.
Sono in piena fase depressiva post royal wedding. Sono ancora pezzato, avrei avuto bisogno di quei salva ascelle che tutte le signore per bene portano con sé nella borsetta. Tre ore di matrimonio, una notte quasi insonne e un’agitazione adrenalinica, nemmeno a quello di mia sorella sarei stato più agitato. Perché storcere il naso per chi come me ha guardato ogni singolo dettaglio, commentato su Facebook qualsiasi abito e qualsiasi smorfia, intasando tutta la rete? E’ un evento, frivolo, ma pur sempre un grande evento che fa parte del nostro mondo, di quella storia che non viviamo direttamente ma che racconteremo ai nostri nipoti. Io ai miei farò venire il mal di testa. Già lo so.

La storia è importante, il gossip e la mondanità altrettanto e perdere un matrimonio reale unico al mondo dopo quello di Diana e Carlo non si può, non avrei potuto partecipare alle conversazioni impegnate per almeno sei settimane. Quindi ho sacrificato la mia mattinata (mi sembra di capire che sacrificherò tutta la giornata visto l’emozione) per fare da cronista alle nozze del secolo.
Sprovvisto di televisore e decoder sono stato “invitato” dal mio amico che mi ha messo a disposizione una postazione wiifi, un quaranta pollice e svariati Estathè che mi hanno quasi ucciso.

“Manu, domattina vengo da te a vedere il matrimonio. Mi porto il pc, i fazzoletti per tamponare la commozione. Non fare domande e svegliati per tempo”. Questo è stato l’invito.
Quando hanno cominciato ad entrare i primi invitati avevo già sudato sette magliette H&M, un tripudio di cappelli variopinti e stravaganti. E qui si apre un mondo, un buco dell’ozono su cui non tollero controffensive. Alcuni hanno denigrato lo stile di certi pennuti sulle teste borghesi e reali delle signore presenti. Perché? Si sa che le inglesi ai matrimoni di un certo livello sociale sono obbligate ad indossarli, fanno colore, sono spiritosi e più sono esagerati e più li ammiro. Sarebbe stato noioso vedere la solita sfilata di abiti haute couture, fatti da stilisti importanti con scarpe all’ultimo grido. Invece no, gli inglesi hanno classe da vendere per quanto riguarda questa usanza tipica e nazionale. Ho lavorato per sei mesi da una stilista di cappelli francese, mi ha inculcato il senso di una grande copricapo che spicca, che esalta la figura. Puoi avere anche un abito molto semplice ma con un cappello o una coiffeur sofisticata metti tutti al tappeto. L’unica pecca è che occludi decisamente la visuale delle persone dietro di te. Quando inquadravano dall’alto Westminster era una vera gioia per me, tutte quei pennuti, quei fiori erano un tripudio di raffinatezza. Quanto colore e quante tese larghe. Ho urlato. Ben vengano le cugine figlie della Ferguson, con i loro cappellini appariscenti, non accetto però quella signora che indossava un abito leopardato. Chi sei? Francesca Cacace? A quel punto poteva essere invitata anche Melanie C delle Spice Girls e presentarsi con una delle sue tute Adidas.

A proposito delle Spice, non avete urlato quando è arrivata Victoria? C’è stato un attimo di panico quando l’hanno inquadrata. “Ha un abito nero” dissi spaventato a morte quasi svenendo. “No, niente panico, è un blu notte” mi sono corretto due secondi dopo evitando uno scisma nel campo della moda. Terrore e spavento. Era una visione, era sofisticata e bella. Sarà stata due settimane in una camera iperbarica per apparire così fresca e giovane. Ho sperato  fino all’ultimo che si alzasse dirigendo il coro con la piuma del cappellino ma niente, era sulle sue.
Elton e il marito sono entrati quasi commossi, è bello sapere che siano stati invitati senza alcun pettegolezzo a sfondo omofobo. In Italia ne avrebbero fatto almeno un servizio, al giorno, a Studio Aperto gridando allo scandalo.

William era molto teso, il fratello probabilmente si era rilassato con uno spinello in compagnia del figlio del gran ciambellano, facendo poi la prova dell’alito per non essere sgridati dalla nonna in total giallo-limone. Lei, Elisabetta, mi ha lasciato senza parola. Donna eccezionale nel suo colore pastello, in macchina con la copertina azzurra per non rischiare colpi di freddo, sorridente e di un’eleganza antica, regale appunto. Il marito è passato inosservato, come in tutti i suoi 90 anni. Portati egregiamente, si intende.

Carlo e Camilla, una noia incredibile. Lei è stata quasi divertente quando sul balcone con la famiglia reale ha preso in braccio una deliziosa damigella facendola quasi catapultare giù. Ci mancava l’omicidio in diretta. Alcuni reali sono stati salutati con grande entusiasmo dalla folla, alcuni erano già sbronzi come i reali di Norvegia, altri sono arrivati con un pullmino, “Laura Viaggi”. La maggior parte nessuno li ha riconosciuti perché fondamentalmente anonimi, esempio lampante i Savoia che di reale hanno solo il fagiano impagliato nel salotto di casa.
Commozione e grande invidia per la testimone della sposa, la sorella Filippa detta Pippa. Povera anima, dovevano ricordarle questo soprannome e umiliarla proprio oggi? Elegantissima nel suo abito candido attorniata da damigelle vestite a bomboniera, spero solo che non sia stata destinata al tragico tavolo dei single e dei bambini durante il ricevimento. “Io voglio rimorchiare” disse alla figlia Contessa Tricushire, dieci anni.

William ha aspettato quaranta cinque minuti l’arrivo puntale della sua bella sposa. Giocava a scacchi con la nonna, cercava di aggiustarsi i pochi capelli (rispetto per chi non è dotato di una folta chioma, grazie) mentre in realtà l’unica cosa di cui avrebbe avuto bisogno era una potente dose di Imodium. Noi nel frattempo sudavamo e non andavamo in bagno per non perderci un fotogramma.
Cesara Buonamici, detta la sguercia continuava a parlare senza tregua. Aveva fame e continuava a fare la conta degli invitati ammessi al ricevimento per sapere se avanzava qualche tartina.
Quando è arrivato il momento in cui Kate ha lasciato la suite c’è stato un coccolone e la sudorazione se possibile si è accelerata ancora di più. “Sei metri, ha uno strascico di sei metri” panico. “Ha una tiara, indossa una tiara di diamanti della regina Madre” terrore. “L’abito è di Sarah Burton per Alexander Mc Queen”. Morte certa. Io stavo svenendo giuro. Quando è scesa dalla macchina il mio cuore ha fatto un sussulto e ha gridato “MERAVIGLIA”. Non era una visione stupefacente? Non trovo aggettivi. Insomma, io dico, hai 29 anni, sei una ragazza come tantissime altre, stai per sposare un uomo che ti farà diventare Regina di una grande nazione e sei elegante, composta e raggiante. Poteva essere una pacchianata tutta infiocchettata e cruda, invece è stato un evento regale, nel senso più raffinato del termine.
I gioielli la arricchivano di fascino perché patrimonio storico, la tiara l’ha indossata la regina madre, quell’arzilla bisnonna capace di appassionarci per il carisma e la simpatia che emanava. L’anello a Lady D, che la leggenda le ha attribuito un mito perituro.

E’ vero, ci aspettavamo qualcosa di più fastoso durante la cerimonia, un acuto di Elton John, una vecchia prozia che cade colta da narcolessia, la fede che non entra. Invece è stato tutto perfetto, sofisticato, magnifico. Una vera favola.
Non mi sono alzato fino a che non si sono affacciati da quel balcone. Il mondo tratteneva il respiro perché la famiglia reale era tutta lì a farsi applaudire, a farsi salutare con affetto e spirito. Non c’è stato il famoso “limone duro” ma un bacio casto e puritano. In effetti un chilometro di lingua non è appropriato e l’etichetta si sarebbe suicidata piuttosto di concederlo.
Favola o no è stato un giorno di grandi emozioni perché siamo tutti umani ma loro rimangono un’elite a cui siamo abituati, fin dalle elementari impariamo nomi di re e regine che hanno cambiato il corso della storia nei secoli. William e Kate magari non faranno parte di quei sovrani rivoluzionari, non importa, è sempre bello vedere un popolo felice e spensierato per un giorno di gran festa. Perché è festa, lo si può dedurre dalla quinta lata di cappellini vistosi in giro per Londra. E poi, non capita tutti i giorni che una ragazza semplice e borghese sieda alla destra del futuro re d’Inghilterra. Che sogno, che bellezza.
Che invidia.

35 commenti:

  1. ..ben detto, che invidia! :)
    direi che il tuo post è 100% TOP.. difficile pensarla diversamente, credo che Chiunque sia rimasto come ipnotizzato davanti alla tv. a me viene DI NUOVO da piangere se solo guardo le foto della cerimonia.. sob! :P

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Ma almeno la Beckham aveva qualche etto in più visto che è incinta. Oppure sembrava una stampella che ha ingoiato un cocomero????
    Ossequi
    Francesca R
    http://dontcallmefashionblogger.blogspot.com

    RispondiElimina
  4. sei assurdo!!! quello che ha dato la versione più romanticamente reale...victoria poi...stessa reazione!
    lollo idolo delle folle!

    cnh

    RispondiElimina
  5. Ahah grande post come sempre Lollo! Leggendolo mi sembrava quasi che stessi raccontando la mia mattinata! Un bacio

    Claudia
    http://hollylulamae.blogspot.com/

    RispondiElimina
  6. Post a dir poco eccezionale! Dettagliato, simpatico ed emozionante... mi piace un sacco :)

    RispondiElimina
  7. Regale. In tutto e per tutto. La puntualità dell'arrivo degli ospiti e la scaletta di arrivo, Charles che non bada minimamente a Camilla, lo squillo di trombe all'arrivo della regina, e poi Lei. Splendida. Elegantissima e sobria, come un Royal Wedding richiede; velatamente sexy, con quel pizzo vedo/non-vedo e quella casta scollatura.
    Un pò troppo freddina secondo me (io se fossi stata in lei mi sarei fatta i tre minuti e mezzo di navata singhiozzando, ma sicuramente all'altezza (ora si può dire senza sbagliare) della situazione.

    Ed Elizabeth è un mito, una delle poche che ad 85 anni suonati riesce a spaccare con quel sobrio giallo canarino.

    Spettacolare.

    RispondiElimina
  8. Concordo con ogni parola che hai scritto, hai interpretato il mio pensiero! Lei era di una bellezza divina, l'abito magnifico, la tiara da sogno. Quando sono saliti sulla carrozza mi sembrava di vedere i miei sogni di quando ero piccolina...è stato un po' commovente! :')

    RispondiElimina
  9. nulla da dire sul tuo post,energico e coinvolgente come sempre,ma ti prego non farmi passare kate per un ragazza semplice e borghese,ha parecchi milioni da parte la ragazza(ti ricordo che si sono incontrati alla st andrew's,non da mc donald)

    RispondiElimina
  10. Ottimo post =) Complimenti =)

    baci8

    http://bluenails-girl.blogspot.com/

    RispondiElimina
  11. Bel post! Concordo su tutto..mi è piaciuto veramente e non mi pento per niente di aver trascorso un paio d'ore a vedere questo evento. Da amante dei film Disney (quelli più old, classici) ho ritrovato molto quell'atmosfera fiabesca :)

    ps: e poi, in inglese è tutto più bello...

    theicematway.blogspot.com

    RispondiElimina
  12. mannaggia me la sono persa. ma grazie per la cronaca della giornata!

    RispondiElimina
  13. Io non ho seguito la cerimonia, ho visto dei fotogramma qui e là e sto spulciando qualche foto.
    L'abito di Kate era meraviglioso, tremendamente elegante e raffinato, una scelta pefetta!

    Neanch' io accetto le polemiche sui cappelli, per un' occasione del genere ne avrei messi almeno un paio! :D

    Hai scritto un'aricolo bellissimo, davvero acuto, ironico,e divertente, è questo quello che vorrei leggere sui giornali!

    buon fine settimana!

    RispondiElimina
  14. una guerra un disastro nucleare tornado che devastano meta usa e ancora si parla di questa puttanata qua bah

    RispondiElimina
  15. Io come te ho mandato a quel paese lo studio per una mattinata e mi sn visto la cerimonia con tanto di commenti su fb e twitter e post in diretta sul vestito di Kate! hihihihi
    Come al solito sono morto dal ridere nel leggerti e non potevo non commentare alcuni passaggi, troppo forti!

    "non accetto però quella signora che indossava un abito leopardato. Chi sei? Francesca Cacace? A quel punto poteva essere invitata anche Melanie C delle Spice Girls e presentarsi con una delle sue tute Adidas" Buhahahahahahhahahahahahha hai ragione! ahahhahahahahhaahahha

    "Cesara Buonamici, detta la sguercia continuava a parlare senza tregua" poverina lei si era andata a fare un intervento di chirurgia plastica per le palpebre e alla fine il chirurgo le ha rovinato la faccia, pensa che gli occhiali non le servono a niente perchè lei ci vede benissimo, li porta solo x coprire lo scempio chirurgico....è ancora in causa con quel macellaio!

    "Non c’è stato il famoso “limone duro” ma un bacio casto e puritano. In effetti un chilometro di lingua non è appropriato e l’etichetta si sarebbe suicidata piuttosto di concederlo."MA come potevano, saranno stati imbarazzati davanti a tutta quella gente, in fin dei conti in chiesa erano solo 1900 persone! hihihihihihihi

    Ciao Lollo, adesso tocca tornare alla vita reale a studiare!

    RispondiElimina
  16. Già infatti...che invidia! Un matrimonio da sogno..come nelle favole.. Lo ricorderò per sempre ..lo racconterò ai miei figli( quando li avrò) E' stato il matrimonio + bello che abbia mai visto..la carrozza stupenda! Il suo vestito mi ha fatto venire voglia di indossarlo *-*
    Lei mi ricordava la bellezze di Lady D.Lui il fascino della regina Elisabetta..
    Unici!

    RispondiElimina
  17. Guardare la diretta con il tuo commento sarebbe stato fantastico!!!! ♥ ahah...
    smuuuuuuuuuuack
    LiDì

    http://fashiondeliz.blogspot.com

    RispondiElimina
  18. Che invidia! Hai proprio ragione... Gli inglesi ne sanno una più del diavolo circa i cappellini! Lei era semplicemente raffinata!
    Mi hai fatto morire dal ridere quando hai parlato della Buonamici come della "sguercia"...Ahahahahah!

    RispondiElimina
  19. Lolloooooo ciao!!!:)
    C'è u Giveaway in corso sul mio blog!!
    Passa a trovarmi.

    Bacio Sele
    http://selenia-levolchanel.blogspot.com

    RispondiElimina
  20. Il limone duro è mancato, scosì come Diana :(

    RispondiElimina
  21. Lollo io ti ADORO!

    Princess Titti

    http://dellaclasseedialtremusiche.blogspot.com/

    RispondiElimina
  22. Che sogno! CHE MATRIMONIO. CHE DIAVOLO DI EVENTO! Ma gli alberi in chiesa?? ADORABILE, TUTTO.

    Ecco, ma avrei due parole da spendere sui cappellini e le "sorellastre". Eugenia e BEatrice, che cesse!Vestite da cani e soprattutto con degli oggetti kitsch in testa che manco mia nonna ce l'ha in casa XD

    Protagonisti assoluti i capelli mancanti di William, i grandi snobbati dell'evento, rimasti a casa a twittare davanti al pc insieme a Sara FErguson ;)

    http://fashionismyway.blogspot.com/

    P.S: E daje de lingua WILLIAM!!

    RispondiElimina
  23. E' incredibilmente piacevole leggere i tuoi post, e se hanno come tema il matrimonio del secolo il piacere diventa entusiasmo. Sono felice di aver visto questo matrimonio in diretta, e non vedo l'ora di diventare vecchio, così quando alla tv faranno vedere i sovrani ormai invecchiati, potrò raccontare ai miei nipoti tutti i dettagli del loro matrimonio. L'unica cosa che ho trovato irritante è stato un paggetto che dalla carrozza salutava il pubblico con una superbia tale che sembrava essere convito che tutta la folla stesse li esclusivamente per lui.

    le chic rêveur

    RispondiElimina
  24. E' un piacere leggere i tuoi post!Sei spiritoso, critico e originale!Bene bene..i miei complimenti!Se sarò annoiata farò un salto sul tuo blog! (beh..anche se non lo sarò ovviamente!)
    Buona domenica!
    Ah..mi hai fatto venir voglia di Estathè!!!
    Elena

    http://girlsjustwannahavestyle.blogspot.com

    RispondiElimina
  25. Grazie a tutti per aver commentato insieme a me questo evento che insieme alla bocciatura di domani renderanno speciale questi giorni.

    Vi lovvo, ma Pippa rimane sempre nel mio cuore più di qualsiasi altro.

    RispondiElimina
  26. L'unica cosa stonata?
    La sposa, splendida,certo...ma ricoperta di algida indifferenza. E' comunque il tuo uomo che stai sposando..e sul tuo volto non appare nessuna emozione...E questo non significa essere glamour, nè eleganti o regali.

    RispondiElimina
  27. Fantastico! Solo questo!
    Davvero ironico questo post :)
    I like!

    Roberta

    RispondiElimina
  28. Ciao! Grazie per il commento che hai lasciato da me! Adoro il tuo modo di scrivere, questo post è stato un piacere da leggere!!

    RispondiElimina
  29. Fantastico come scrivi, come sempre :)

    RispondiElimina
  30. dico solo una cosa *_*
    questo post mi ha fatto capire che non sono stata l'unica ad essermi appiccicata avanti la Tv per tutto il tempo dal pre al post matrimonio!!!
    ora mi sento meno sola e più capita.. =)
    Come sempre grandissimo post!

    Bacioni
    Partecipa al mio GiveAway in palio una borsetta Liu Jo
    The Glamour Avenue

    RispondiElimina
  31. mi domando io, hai elton john e fai cantare dei bambinetti con i denti da latte??? acc!!!
    victoria era divina.
    nb. tutto il mio ufficio l'ha seguito tra la diretta di yahoo sul web e il maxi schermo del capo!!!

    RispondiElimina
  32. mi piace molto il tuo stile tagliente nello scrivere :) misà che sei cinico almeno quanto me.
    invece io oggi sul mio blog parlo della festa privata di Stefanel alla quale sono stata invitata ieri come blogger!
    Ti va di dare un'occhiata?!
    Se poi vorrai diventare mia follower, ricambierò!!


    http://theshabbylabels.blogspot.com

    RispondiElimina
  33. Come sempre ho riso come un matto amo la tua vena satirica :) Kate era davvero bellissima!

    RispondiElimina
  34. Mi hai fatto venir voglia di sposare un principe. Harry è ancora libero.... mmmmm...
    Robi

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!