sabato 5 marzo 2011

Scarpe uniche nella continuità dello spazio

Ogni tanto voi lettori dovreste assicurarvi della mia incolumità, o meglio della vostra, perché se spesso i miei colpi di “genio” si tramutano in post, non è detto che voi per forza dobbiate leggere quanto io sogno la notte, medito durante le lezioni o partorisco nelle mie lunghe giornate.
Tutto parte da Filippo Tommaso Marinetti, che c’entra con me? Che c’entra con voi? Niente. Era un pazzo fanatico del nulla che dopo un incidente in macchina perde il lume della ragione e pensa al mondo come un enorme dinamico movimento. Il movimento, la velocità, il senso della dinamicità dell’uomo e delle macchine. Non so se avete mai letto un componimento “poetico” di Marinetti ad esempio lo “Zung Tumb Tumb”.

Non si capisce una beata fava, è tutto un rumore, tutto uno scrosciare di suoni lessicali che nella vita normale hanno una riproduzione solo industriale, il treno, la locomotiva, la guerra che lui racconta attraverso queste metafore.
Lui creatore del manifesto della prima avanguardia nazionale: il Futurismo. Nel 1909.
Sono partito da qui. Dall’idea di futurismo, dal concetto dell’arte a 360 gradi di ricondurre tutto ad un periodo che non ci appartiene e che ci sfugge di mano: il domani, il futuro appunto.
E perché non posso sostenere che anche nella creazione delle calzature si cerca un contatto con il senso dinamico delle forme e della spazialità? Ovviamente non credo che uno stilista si metta a scervellarsi analizzando i movimenti equestri scomponendoli per poi creare delle scarpe con la coda di un pony (vedi Frankie Morello) ma c’è sicuramente un richiamo al mondo futurista con forme sempre nuove, sempre elaborate che spesso assomigliano a parafanghi di biciclette arrugginite, a pattine di rame o zoccoli di cavalli.
Come spunto c’è sicuramente la statuetta di Umberto Boccioni (quella che vediamo tutti i santi giorni sui 20 centesimi, quelli che puntualmente richiediamo in piscina per il phon) che in realtà non riproduce Lady Gaga in concerto. Forme uniche nella continuità dello spazio. Io ci vedo un qualcosa di simile tra questa opera che ora si trova al Museo del Novecento a Milano e le calzature che vi ho messo sotto. Ho preso un abbaglio? Sono pazzo? Sono stato rapito dagli alieni ma nemmeno loro mi vogliono tra i piedi?



Molto probabile.
Boccioni 1913 Forme uniche nella continuità dello spazio

Ysl


Valentino

Mc Luhan

Giuseppe Zanotti


Finsk
Mc Queen




Giacomo Balla
Cesare Paciotti

Louboutin

Louboutin

28 commenti:

  1. guardati questo link, ce ne sono alcune che vanno a nozze con il tuo post... bacio
    http://www.sleek-mag.com/news/heels-to-hone-in-on/

    RispondiElimina
  2. decisamente! le scarpe di McQueen mi hanno sempre dato la sensazione di leggere tra le righe di una poesia futurista, in quel marasma di linee e situazioni non convenzionali che le caratterizza..
    ma la frase che mi è piaciuta di più è stata:
    "i 20 centesimi, quelli che puntualmente richiediamo in piscina per il phon) che in realtà non riproduce Lady Gaga in concerto". :P

    ps. sono un'inguaribile PIGNOLA.. nella didascalia dell'opera di Boccioni ti è scappata una "O" di troppo! ;) un abbraccio *

    RispondiElimina
  3. Complimenti per la fantasia! Le scarpe di McQueen a me suscitano qualcosa di molto lontano dall'arte! Quelle di Valentino e Laboutin fantastiche, ma Lady Gaga ti prego no!!! ;)

    RispondiElimina
  4. Lady Gaga ci ha un pochino smandruppato, però quando si parla di futurismo non può non venirci in mente, per lei quelle di McQueen sono pantofole.

    RispondiElimina
  5. Ok.. il tuo blog mi piace un casino!
    Sarà per l'irriverenza con cui scrivi oppure per il fatto che leggendo i tuoi post è impossibile non sorridere!Sarà che non sei il classico cronista di moda che copia gli articoli di giornale facendo diventare il suo blog una mini-wikipedia in modo da far prendere il sonno a chi ha appena letto solo il titolo..ahahah
    Ergo: ti seguo ;)

    RispondiElimina
  6. niente di tutto questo... è solo che gli stilisti si fanno di coca mal tagliata, ma la cosa peggiore è che non vogliono cambiare pusher! :)
    se dico che mi è piaciuta la tua tesi, significa che sono stato rapito anche io e non me ne sono accorto? buona domenica!:)

    RispondiElimina
  7. Non appena ho letto l'associazione scarpe-opere futuristiche mi sono subito venute in mente quelle di YSL!

    in effetti Lady Gaga ci assomiglia davvero a "Fome uniche nella continuità dello spazio", dato che lei dice di prendere ispirazione da tutto quello che la circonda avrà dato una bella scopiazzata! :)

    buona domenica!

    RispondiElimina
  8. Chiara, il tuo commento quasi mi commuoveva e ti assicuro che ascoltando Ke$ha non sarebbe mai stato possibile.

    Paciuffo, anche tu reietto perfino dagli alieni? Siamo messi bene allora, su quale pianeta saremmo accettati pienamente?

    Morena, io sarò tranquillo finchè Lady Gaga non verrà a fagocitare anche il mio armadio, per il resto scopiazzi pure.
    Baci a tutti e buona domenica, vi prego non guardate la Panicucci che fa male alla salute!

    RispondiElimina
  9. che bei post!! comunque in effetti ora che mi ci hai fatto pensare...la statuetta riprodotta nei 20 cent potrebbe essere Lady Gaga!! mmmm forse in realtàà era tutto già studiato a tavolino..un complotto! comunque non saprei! le FInsk secondo me sono STUPENDE!! e anche le Louboutin (aggiusta il nome con molta nonchalance facendo finta di nulla)
    xoxo

    RispondiElimina
  10. Quelle di Valentino sono particolarissime!

    http://georgefashiondreamworld.blogspot.com

    RispondiElimina
  11. Ciao Lollo,
    come sempre sai stupire, senza essere stucchevole. La passione per le scarpe per noi donne è un must...ma queste onestamente non le indosserei neanche se mi puntassero una pistola alla tempia...sono futuristiche per donne spaziali forse e per portafogli a fisarmonica...Ma ancora una volta Valentino stupisce con effetti speciali, e si conferma un signore di stile...direi quelle sono indossabili.
    Si qualcosa di futurista e innovativo cercano di proporlo ma peccando in comodotà, va bene il tacco 12cm...ma cavolo una scarpa che si possa abbinare a borsa e abbigliamento.
    La scarpa scrive lo stile delle persone, ne segna il look e può esaltare anche un abbigliamento sobrio.
    Ti auguro buona giornata e buona settimana e non so se avevi letto il mio post personale. Baci Alex

    RispondiElimina
  12. Hai ragione, la scarpa esprime il carattere di una persona, più per una donna che per un uomo però! Altrimenti io sarei davvero banale, o lo sono? Oh cavolicchio ci voleva pure questo dubbio!

    RispondiElimina
  13. Le avanguardie e in particolare il futurismo non mi dispiacciono, anche se non sono il mio movimento (ironia della sorte, hehehe!) preferito.
    Spesso le calzature vengono considerate opere d'arte, ma secondo me lo sono se vengono eseguite con maestria e raggiungono standard di qualità altissimi. NON se hanno il tacco a forma di spina dorsale o ciuffi di peli che spuntano da ogni dove. E con questo commento mi rendo conto di essere totalmente out e sorpassatissima. Va beh.

    RispondiElimina
  14. Le YSL non riesco proprio a guardarle, mi dispiace. In fatto di scarpe penso che quelle di McQueen SONO delle vere e proprie opere futuristiche. Tutte le altre vorrebbero esserlo, ma con scarsi risultati :)
    Mcqueen 1, resto 0.

    RispondiElimina
  15. io adoro quelle di valentino *_*
    un giorno (molto lontanoooooo quando avrò tanti soldini) faranno parte della mia collezione di scrpe *_* che bello sognar!


    baci Giusy
    http://theglamouravenue.blogspot.com/

    RispondiElimina
  16. post geniale!
    alcune di queste scarpe sono opere d'arte per davvero

    RispondiElimina
  17. Valentino. Forse perchè sono le più "sobrie".

    RispondiElimina
  18. Credo sia, a questo punto, importante sottolineare come in un processo creativo chiunque si debba legare a delle idee, forme, immagini preconcette o concepite per tale finalità. Questo processo aiuta il creativo a "vedere" il suo risultato finale in qualcos'altro; che sia una scultura o un tombino il fine della ricerca è l'utilità alla progettazione. Certo, queste sono scarpe e non architetture perciò non è importante una coerenza forma-funzione ma, piuttosto, una buona estetica creativo-rappresentativa del prodotto commerciale: segue, l'arte ce la mette la pubblicità.
    Aggiungo soltanto che le scarpe più di ogni capo o accessorio d'abbigliamento hanno una particolare potenza feticista, il che le conduce all'esasperazione delle proprie possibilità. Ringrazio le nuove tecnologie che sono state in grado di partorire capolavori.

    P.s. una pulce nell'orecchio. Lady Gaga andrebbe presa con ironia e positività, è un prodotto commerciale comprensibile in quest'ottica. Ah, non si è inventata nulla; ha solo copiato molto bene.

    RispondiElimina
  19. Sono d'accordo con tutti voi ragazzi, non ho scelto queste scarpe perchè le trovo belle o brutte. Le ho scelte per un collegamento logico-visivo con le opere che ho citato, solo questo. Ovvio che l'arte è un punto di forza per stilisti e designer, ci aggiungo anche un sospirato "menomale".
    Quanto a Lady Gaga anonimo, lei copia qualsiasi cosa e se ne inventa una al giorno, non c'è nessuno più di me che non la prende sul serio.

    Grazie a tutti carissimi, buona giornata!

    RispondiElimina
  20. Wow!post fantastico!
    queste scarpe sono stupende,le mie preferite sono sicuramente le Ysl e le Mc.Queen; ma le Valentino e le Pacciotti sono altrettanto particolari,le adoro!!!
    Mi piace il tuo blog!
    Nuova follower!
    Elle
    http://redischic.blogspot.com/

    RispondiElimina
  21. Collegamento visivo riuscitissimo a mio parere! Come sempre ironia e una tesi niente male!!
    Compliementi ancora Lollo.
    Per quanto riguarda le controverse Armadillo Shoes di AMQ, credo siano state studiate per modificare la camminata di chi le indossa. Non so se avete visto la sfilata, ma le modelle sembravano ondeggiare innaturalmente -ok sono alte- quasi come delle creature umanoidi che vivono e sgusciano nell'acqua (acqua e Atlantide erano proprio le ispirazioni primarie della collezione -> acqua, l'elemento che scorre -> movimento -> futurismo)!

    Andy

    http://andyfashionrated.blogspot.com/

    RispondiElimina
  22. Wow the Cesare Paciotti heels are amazing!
    Great post!
    xx

    RispondiElimina
  23. passa da me, hai vinto un premio http://modaperprincipianti.blogspot.com/2011/03/i-love-your-blog.html =)

    RispondiElimina
  24. Le Ysl e le Finsk sono quelle che più adoro *_*

    RispondiElimina
  25. Adoro quando l'arte e la moda s'incontrano...escono fuori sempre delle opere d'arte fantastiche! Infatti credo proprio di essermi innamorata di ogni singola scarpa di questo post!!!!
    Ciaaaaao Lollino caro ^^
    kiss kiss
    LiDì

    http://fashiondeliz.blogspot.com

    RispondiElimina
  26. I am obssssssssssssesed with those YSL palai's mohawk shoes!
    waiting for the house of YSL to come with a mens style pair
    how amazing will that be!?


    XX
    JAY

    check out my blog to!!..

    [[ http://MODEMUSE.com ]]

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!