sabato 5 febbraio 2011

Se tu vorresti, io ti rispondessi

"AD OGNI VOSTRA DOMANDA, UNA MIA PEZZENTE RISPOSTA"
Caro Lollo, non mi ritengo una persona di gran cultura, ma a questo punto mi rendo conto di non essere nemmeno la peggiore sprovveduta del mondo. proprio per questo (fin troppo) spesso e volentieri mi trovo ad avere a che fare con gente che PROPRIO ti fa cadere le braccia per quanto è ignorante, ristretta, insignificante. dovendoci comunque intrattenere una conversazione, quali sono i territori secondo te neutrali nei quali si può spaziare senza correre il rischio di trovarsi in imbarazzo?
"Ti sarebbi molto grata se mi daresti una risposta"
Bibi.


Che piacere ritrovarti in questa pezzentissima rubrica che tira avanti solo perché ci sono alcune lettrici che hanno pietà di me e della mia autostima. Se fossi il Capo redattore di una rivista sarei già in giro con il mio banchettino di caldarroste dopo un clamoroso fallimento.


Veniamo a noi, or dunque cantiamo l’aria fatale di una domanda per niente banale (ti ho fatto anche la rima baciata quindi potrebbe non esserci più nulla da aggiungere). A parte la mia estrema follia, manco io sono una persona di gran cultura, quelle tre o quattro cose che conosco le ho lette su quei cosi inutili che si chiamano libri, antichità di poco conto che è meglio avere sull’I-phone o l’ipad ascoltando contemporaneamente Ke$ha, mal che vada leggo su Wikipedia il riassunto di un povero scemo che ha dovuto leggerlo per forza. Poi non ho il tempo di leggere, io devo taggare la mia amica più tettona sui link di Facebook. Cioè.
L’arte della conversazione non è sempre facile da gestire, puoi immischiarti in silenzi interminabili e pessime figure. Ho alcune regole che seguo quando mi trovo insieme a persone che non conosco benissimo e da cui non vorrei farmi strangolare prima delle presentazioni. Ad esempio, cena tra amici, con amici di amici, cugini di amici e fratelli di pronipoti, sicuramente ci saranno persone che hanno studiato al liceo classico, altre che alla scuola di estetista hanno imparato tutto di unghie e depilazione ma difficilmente hanno mai sentito parlare di Kant. E’ giusto sondare il terreno per carpire il giardino dei segreti di ognuno, chi è omofobo, chi è leghista, chi odia i napoletani, chi non usa il congiuntivo perché crede che sia una malattia. I casi sono due, o li sfidi a Trivial Pursuit e fai il saccente oppure conversi cordialmente con loro per poi capire che i calci nel sedere di tua madre dopo un 5 in filosofia sono valsi a qualche cosa. Nessuno nasce imparato, io ammetto la mia totale ignoranza su tantissime cose ma sono contento quando qualcuno mi spiega e mi incuriosisce su alcuni argomenti, apro le orecchie sturate come lavandini e colgo l’occasione per imparare qualcosa di nuovo. Non mi piace però l’arroganza di chi crede di sapere tutto e di possedere una risposta pronta anche al dubbio più lancinante della storia, l’umiltà al primo posto.
Ovviamente se la situazione è davvero ingestibile e hai di fronte una persona che parla senza cognizione di causa allora hai due possibilità: fai finta di esserti rotta il tacco delle scarpe oppure fallo mangiare senza sosta. Io correggo sempre mia sorella quando alle volte non usa il congiuntivo ma il passato, le spiego che la conversazione deve essere ricca di parole che abbiano un senso logico e che non siamo telefonini parlanti con le “K” al posto delle “C”. Lei sbuffa, mi chiama “maestrino” ma poi legge molto e coglie. E’ giusto far notare gli sbagli linguistici agli altri, senza mettere in imbarazzo nessuno ma se fatto con gentilezza diventa anche una questione di serietà, ovviamente rendendosi conto della situazione in cui si è. Al contrario se poi trovi quello che parla come Hegel ed esagera in latinismi, parole desuete ed eccessivamente articolate c’è solo una cosa da dirgli “Ma parla come magni fijo mio”.

23 commenti:

  1. Mi piace moltissimo come scrivi, davvero: Complimenti!
    E mi piace molto anche il tuo blog. Ti seguo.
    Seguimi anche tu, ne sarei felice.

    www.cipollainspiration.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. Grazie Veronica, certo che ti seguo, il tuo ultimo post mi piace molto, scelta raffinata!

    Lollo

    RispondiElimina
  3. No, ma voglio partecipare anche io a questa figherrima rubrica... AdoroLa <3

    RispondiElimina
  4. Tu adorerebbi? E' molto semplice, sulla destra trovi la mia email particolarmente anni '90, mi fai una domanda e io rispondo!

    J'attende toi.

    RispondiElimina
  5. Lo so che è un'avventura continua.. sono mie sensazioni che scrivo :)

    grazie.

    marc.

    RispondiElimina
  6. Uhhuuum, penserò a una domanda con la rima baciata!!

    RispondiElimina
  7. Uhh, allora devo spremermi come un limone per porti la migliore domanda di sempre.

    Ma noi adoriamo gli anni 90, me li sono vissuti tutti, tranne il 90 e il 91 <3

    RispondiElimina
  8. Hai una scrittura così adrenalinica! Ti si legge tutto d'un fiato!

    RispondiElimina
  9. Eva, commento delizioso, grazie di cuore.

    RispondiElimina
  10. Ottimi consigli, anche se, ogni tanto, mi dimentico anche io l'esistenza dei congiuntivi, ma giuro, mi correggo subito!

    RispondiElimina
  11. Grazie ragazze, chissene dei vostri congiuntivi sbagliati, ce ne rendiamo conto e andiamo avanti nella nostra ignoranza beata!

    Un abbraccio e buona domenica!

    RispondiElimina
  12. Ti manderei dei cioccolatini, ti stringerei la mano. Ma mi limito a lasciarti uno sciocco, ma spero gradito commento.
    ADORO il tuo blog. =D Complimentissimi.

    Passerò molto spesso a trovarti (Non è una minaccia).

    Sprichstdufashion.blogspot.com

    Domenico ;)

    RispondiElimina
  13. Sei un genio. più oratore di così!
    P.

    RispondiElimina
  14. Che bella rubrica! :D Fa sempre piacere avere un follower maschio ;)

    RispondiElimina
  15. ma questo blog è fantastico! se mi piacerebbe lo seguissi, e pertanto ti follow anche io!

    RispondiElimina
  16. Il tuo modo di scrivere mi ricorda Pitigrilli, di cui ho letto solo "Il pollo non si mangia con le mani" (una sorta di galateo anni '50), spassoso ma leggermente stronzetto. Mi piace!
    Ma davvero posso mandarti delle domande? E devono essere di senso compiuto? O riguardare temi specifici?

    RispondiElimina
  17. Piccolo riconoscimento sul mio blog. =)

    RispondiElimina
  18. Mi piace il tuo modo di scrivere :)
    kiss

    RispondiElimina
  19. Oh dio ragazzi ma siete impazziti? Io così mi ritiro in convento e mi fustigo perchè non merito così tanti complimenti. Scusate se vi rispondo ieri ma il mio gruppo studio mi ha incantenato alla sedia fino a notte fonda ieri!

    Comunque, KMQ, Domenico grazie mille, non dovevi!

    songshu, puoi chiedermi qualsiasi cosa, anche la più stupida, noi la faremo diventare la cosa più intelligente che l'umanità possa pensare.

    A tutti gli altri mando un cioccolatino Lindt, quelli che valgono più di un barattolo di nutella perchè si sciolgono in bocca e come si dice a Roma "Sò la morte sua".

    RispondiElimina
  20. mi piace il tuo modo di scrivere! ti ho letto tutto d'un fiato (e non solo questo post) ed è una cosa che mi capita molto di rado.

    RispondiElimina
  21. Grazie Myriam, sono lusingato!

    RispondiElimina
  22. sono capitata qui ho letto e ti faccio i complimenti, da amante della scrittura adoro il tuo style!:)ti seguo
    mi farebbe davvero piacere se mi seguissi pure tu!
    kiss

    patchworkporter.blogspot.com

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!