giovedì 3 febbraio 2011

Donne: oltre alla testa c'è di più

[Dedico questo post a tutte voi, donne, sode e meno sode, pelose o depilate, in particolare alle mie lettrici del sito http://www.pensorosa.it/ a cui va un ringraziamento speciale]



Non so se ve ne siete accorti ma questa è la settimana della donna, in alto i calici e i rasoi fucsia by Venus, le donne si sono svegliate e si ribellano. Cosa succede? Chi le ha fatte arrabbiare? Non faccio nomi ne cognomi ma sicuramente S. B. in quanto rappresentante dell’Italia nel mondo non ha proprio voluto esaltare l’idea di una femminilità austera e pacata.
Scrivo qui, su questo sito tutto al femminile (http://www.pensorosa.it/), la creatrice è meravigliosamente donna, le mie lettrici si congratulano con me per la simpatia con cui tratto argomenti in cui si riconoscono, e mi chiedo:
sono io che capisco così tanto le donne oppure sono loro che si svelano a me con estrema affabilità? La mia famiglia è un matroneo, mia nonna è al centro di tre generazioni che si susseguono attorno a lei come ad una corte imperiale, mia madre a casa mia porta non solo porta i pantaloni ma anche la ventiquattrore, è il classico esempio di donna femminista, comunista e convinta che gli uomini siano davvero accessori da abbinare alla tappezzeria di casa, una sorta di Stalin ma depilato, da bambini quando gridava scappavamo come lepri.

Sono lontani i tempi delle suffragette, delle prime caviglie scoperte e della Tatcher. Mi sembra che però stiamo lentamente sprofondando, ci si sta abituando a quel tipo di società in cui una donna emancipata anche sessualmente è etichettata come “oca e facile” mentre un uomo disinibito è un latin-lover, fa niente se poi non riesce a mettere in piedi una conversazione che non si basi su spogliarelliste e minigonne. Ogni tanto ascolto dei discorsi che mi fanno perdere più capelli rispetto alla preparazione di un esame pesante come un macigno vulcanico, “E’ rimasta incinta e non è sposata” oppure la mia preferita “Ha 21 anni ed è ancora single”. Ma una donna ha senso e ottiene rispetto solo se è bella, slanciata, fidanzata, fedele, femminile ma non troppo, sforna figli come biscotti al burro e pulisce casa mentre allatta, lavora, butta la pattumiera e intanto porta a spasso il cane? Eh no, non ci siamo. Siamo circondati da donne sensazionali, capaci di abbattere l’inutilità di certi maschilismi con un solo sguardo eloquente e tagliente, donne che non perdono tempo a studiare un’immagine di sé ma dimostrano che potrebbero governare (molto meglio di chi dovrebbe già farlo) un sistema politico e sociale con gli attributi giusti.

E dove sono? Sono lì dove le vediamo quotidianamente e cercando altrettanto quotidianamente di non essere oggetto di perversioni con la bava alla bocca o di non essere al centro di uno sviluppo ormonale, chi lo dice che l’Italia è rappresentata nel mondo da donne come Ruby-Coscia-Lunga-Gonna-corta oppure come Patty D’Addario? Sui giornali esteri non si parla d’altro, mi immagino la regina Elisabetta II che al tè delle cinque legge il Times e le imprese di Arcore e benedice il giorno in cui suo nipote ha scelto una seria ed elegante ragazza inglese al suo fianco.

Non si parla di scrittrici impegnate nel sociale come Dacia Maraini che difende le donne con una forza che io non troverei nemmeno per andare a fare shopping, non si parla di tutte quelle mamme che non riescono ad avere un figlio perché perderebbero subito il lavoro, delle studentesse pluri-laureate che si ritrovano a dover firmare un contratto a tempo determinato in un supermercato. E le mogli devote, le nonne baby-sitter, le professoresse e le maestre d’asilo, le stylist, le giornaliste inviate in territori in cui scoppiano guerriglie un giorno sì e l’altro pure, le sportive, le ragazze lesbiche, le curatrice, le pittrici e chi ne ha più ne metta. Basta con queste siliconate in televisione, basta con queste donne che ostentano una rozza femminilità solo perché si chiamano Noemi e sono bionde (tinte male), basta parlare delle amanti di quello e delle corna di quell’altro.

Per questa settimana facciamo un fioretto: parlando con una donna, che sia nostra madre o una nostra amica complimentiamoci per la sua intelligenza, per una sua bella frase, per un discorso che dimostri il suo neurone vincente [possibilmente non quando ammicca al cameriere del bar parlando come Maurizia Paradiso].

Combattiamo l’ignoranza, a cominciare dalla foto profilo del vostro Facebook dimostrando che la storia è piena di donne che pur valendo agli occhi del mondo meno di zero hanno cambiato il corso degli eventi, trasformatevi in Elisabetta I, Maria Teresa, Saffo, Margherita Hack, Rita Levi Montalcini, Daria Bignardi, donne che cantano “Siamo donne, oltre alla testa c’è di più” perché davvero il cervello è il loro punto forte. E le gambe, se ci sono, ben vengano.

33 commenti:

  1. Lollo...complimenti per l'articolo!!!! ^^ Credo che seguirò il tuo consiglio e pubblicherò subito sulla mia pagina facebook qualche foto delle donne che hanno DAVVERO fatto la storia, grazie alla loro grande forza di volontà e al loro coraggio! ;)
    SMACK
    LiDì

    http://fashiondeliz.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. Ciao caro! Bellissimo post. Grazie per essere passato da me, così ho trovato il tuo blog! E poi, da estimatori del grande Wilde, non si può non conoscersi... ;-) A presto! msbx

    RispondiElimina
  3. L'essenza di una vera donna è praticamente racchiusa in queste righe, ed è anche quello che si cerca di far capire al "sesso forte", inutilmente viste le ultime vicende, dai lontani anni '70.
    Mi ha veramente colpito quello che hai scritto non solo per il contento ma anche per lo stile tremendamente sagace; una domanda però mi sorge spontanea: come mai hai inserito Daria Bignardi tra le donne che hanno cambiato il corso degli eventi?
    Davvero complimenti Lori..con tanto affetto Vinci!
    P.S. Se mia madre leggesse quest'articolo ti farebbe veramente una statua!

    RispondiElimina
  4. anche se oggi si finge che ci sia parità tra i sessi.. se siamo nel punto in cui ci troviamo adesso è solo grazie a chi prima di noi e ha avuto il coraggio di far sentire la propria voce e di imporre le proprie idee..
    ed è quindi nostro compito farci valere nella vita come persone prima che come donne! Così da onorare ciò che è stato fatto e subito a chi ha combattuto per noi!
    bel post <3
    The Glamour Avenue
    Baci Giusy!

    RispondiElimina
  5. Grazie per questo articolo!
    Grazie perchè ci sono tanti uomini che guardano al carattere e non la scollatura. Grazie perchè noi donne siamo sempre state di più di un paio di gambe. Grazie perchè non è per forza detto che femminilità non si coniughi con la parola cervello. La sensualità parte anzitutto dalla nostra capacità di ragionare e se vogliamo di far perdere la ragione. Un mio conoscente parlando della Minetti mi ha detto :" Ti auguro alla sua età di guadagnare quanto lei!"
    Mia risposta:" Se significa guadagnarli perchè faccio la puttana (passatemi il termine forte ma ci vuole) preferisco essere una pezzente!"

    Complimenti per l'intervento :D

    Ps io per un pò ho avuto l'immagine di Cristina di Belgioioso ;)

    XO XO

    http://laparisienne3.blogspot.com/

    RispondiElimina
  6. bellissimo questo post! Davvero bellissimo, e tanti complimenti a tua madre con 24 ore e pantaloni. Posso risponderti con un post risposta facendo un post su una donna che ammiro? =)

    RispondiElimina
  7. Molto interessante questo post! :)
    Mi piace come scrivi! ;)

    RispondiElimina
  8. sei un grande

    http://eccentricvintage.blogspot.com/

    RispondiElimina
  9. Oggi compio 23 e sono single...scandalo! -.-
    Le donne possono fare molto..ma perchè 'ribellarsi' solo quando qualcuno 'istiga'?
    Perchè non farci non dimostriamo per quello che siamo ogni giorno?
    Forse lo facciamo, ma nessuno se ne accorge, o meglio, fa finta di non accorgersene.
    Ma che stiano attenti, se tutto poi girerà dalla nostra parte... xD

    RispondiElimina
  10. Grazie a voi perchè mi leggete e date voce attraverso i vostri blog alle ragazze intelligenti e di spirito. Ho scelto anche Daria Bignardi e sapevo che qualcuno lo avrebbe notato. Mi piace, la trovo intelligente e pungente al punto giusto perchè non si fa mettere i piedi in testa e in televisione mostra il suo lato intellettuale, non quello B.

    Grazie per i complimenti, Auguri di cuore a Denise e La parisienne, che ne dici di raccontarmi la storia di Cristina di Belgioioso?

    Abbracci a tutte!

    RispondiElimina
  11. Grande!!!!Bellissimo post!!!!Kiss

    RispondiElimina
  12. Tutti che scrivono di donne! Ho appena dedicato pure io un post alle donne!

    RispondiElimina
  13. Ciao Lollo, articolo molto interessante che condivido in pieno.
    Complimenti per il tuo blog :)

    RispondiElimina
  14. Davvero questo post merita.
    COmplimenti, scrivi meravigliosamente.
    Ed è proprio così. Siamo donne, ma oltre alle gambe c'è molto di più!

    Giveaway nel mio blog in corso!
    http://dianap82.blogspot.com/2011/02/first-giveaway-with-my-world.html

    RispondiElimina
  15. Eccola qui tutta per te :D

    Uff mi sono accorta che tu non mi segui :( vabbè io ti seguo lo stesso :D

    XO XO

    http://it.wikipedia.org/wiki/Cristina_di_Belgioioso

    RispondiElimina
  16. Brave ragazze, è bellissimo sentirvi dire che vi trovate in quello che ho detto!! Grazie di cuore a tutte!

    La parisienne, mi ero dimenticato! Ora ti seguo, leggerò volentieri la storia di Cristina, sono davvero curioso!

    RispondiElimina
  17. Ciao Lollo, non diamoci la colpa solo noi rappresentanti del sesso forte! Credo che una donna, nel vedere ciò che sta accadendo, dovrebbe indignarsi moltissimo e rivendicare con orgoglio quel rispetto che giustamente le dobbiamo! Non voglio mettermi contro le siliconate della televisione detta generalista ma caspita mi stupisco quando in televione ci sono donne che alzano il dito medio in un telegiornale ma che vengono sempre invitate e che fanno incetta di interviste avendo un tale spazio mediatico che va bellamente sprecato. Per di più si spreca fiato e tempo per difendere un ginepraio di "escort", corte e merce di un pessimo esempio di uomo! beh che dire: Donne ribellatevi, indignatevi e fate sentire la vostra voce di ragazze normali, belle, brutte, intelligenti, colte, istruite e lavoratrici...la voce di quelle donne che sanno far innamorare un uomo ed alla pari creano una Grande coppia (annullando quella inutile frase che dice: dietro un grande uomo c'è sempre una grande donna) e Uomini dimostriamo ogni giorno che non tutto è una volgare fantasia, una wagneriana degerazione del genere maschile...perchè dalla situazione attuale dobbiamo tirarcene fuori tutti, uomini e donne, e questa volta senza alcuna distinzione!
    Grazie Lollo e a presto, Luca.

    RispondiElimina
  18. illuminante come al solito Lollo!!!!!
    io sono ottimista e credo che, nonostante le storielle degli ultimi giorni, un vero cambiamento stia avvenendo. Nelle università in particolare, donne toste che cercano di affermarsi con la loro testa, superando tutti i luoghi comuni e le ovvietà disarmanti. Spero che il mio angolo di mondo sia abbastanza rappresentativo ...=D

    Veronica


    http://coolneverhide.blogspot.com/

    RispondiElimina
  19. Sono poche le persone che riescono ad stupirmi..
    e per lo più UN UOMO..
    ti seguiro':)

    passa a trovarmi..
    ;)
    http://progettoiloveme.blogspot.com/

    RispondiElimina
  20. Carissime, mi piace il vostro commentario, mi piace sapere che vi fate sentire e mi piace sapere che non avete timore degli uomini, in particolare rileggete con attenzione le parole di Luca qui sopra, è bello sapere che non sono l'unico ragazzo giovane, pezzente e in balia di questa società che la pensa così.

    Siete squisite, davvero! Per me scrivere è già un grande sogno che si realizza ma farlo per voi è diventato un'occasione unica.

    Vostro Lollo

    RispondiElimina
  21. ciao lollo!!ti ho visto commentare nel blog di fashion translation .come curiosità ho dato un occhiata al tuo blog e a dire la verita nn mi sono pentita ;-) hihihi bellissimo l articolo!!
    ad oggi sarò una tua lettrice fissa :)

    www.fcommefashion.blogspot.com

    RispondiElimina
  22. ciao,

    focalizzi su donne che una strada l'hanno comunque scelta, con più o meno successo !
    io penso alle migliaia di ragazze che pur avendo aspirazioni, preparazione , non possono nemmeno sognare !Il contratto a tempo determinato è comunque un lavoro!!! hai mai sentito parlare di agenzie interinali ? chiamata telefonica per un lavoro (serio) di tre ore ....se rispondi al primo squillo è tuo, altrimenti avanti un'altra .....hai mai sentito parlare di stage a 0 euro? ...devo continuare ?
    ma come mai non hai parlato della Palombelli Barbara ? se parli della Bignardi devi parlare anche di lei........ma per favore non citarle come esempi !!! ...di che ? sai quante avendo il loro background sarebbero arrivate li? dai per cortesia .....!!!!!!!!

    ave

    RispondiElimina
  23. Ave, ognuno ha il suo punto di vista, non è che DEVO parlare anche della Palombelli se mi è venuto per prima l'esempio dell Bignardi, pur rispettando anche lei perchè mi piace come scrive ed è una donna con la D maiuscola.
    Ho fatto degli esempi ma questo non per minimizzare su tutte le altre donne non citate o non rappresentate dalle categorie. Altrimenti sarebbe una lista di luoghi comuni. Ho sentito parlare di stage a 0 euro e se devo dirti la verità mi sono trovato nella situazione di lavorare senza ricevere nulla e per di più in un paese che non era il mio ingegnandomi per lavoricchiare e guadagnare qualcosa.

    Le studentesse e le ragazze con tante aspirazioni? Le conosco personalmente, sono tutte mie compagne di corso!

    Lollo

    RispondiElimina
  24. Nuovo intervento ti aspetto :)ps: piaciuta la storia di Cristina??

    XO XO

    http://laparisienne3.blogspot.com/

    RispondiElimina
  25. Sì molto, mi ricordavo il nome e lo associavo ad un ritratto di Hayez infatti era quello che avevo in mente.

    Una donna di testa, sicuramente!

    Lollo

    RispondiElimina
  26. Esistono anche le donne bellissime, con un fisico da urlo, ma che non vengono viste "oltre". E' difficile, quando cresci e sei guardata da tutti, riuscire a dimostrare che oltre alle tette, le gambe, i capelli e il culo ci sia qualcosa di più profondo! Per fortuna, per imbruttirsi un po', ci si può far crescere i peli.

    RispondiElimina
  27. l'ho letto lentamente per gustarmi ogni parola :-) Bravo! articolo stupendo ;-)

    RispondiElimina
  28. gran bel blog! ti seguo volentieri...se vuoi dai un'occhiata al mio..e se ti piace..seguimi!
    http://polveredistelle-makeup.blogspot.com/

    RispondiElimina
  29. Ciao Lollo,
    parlare di donne è un argomento a volte molto spinoso, perchè se siamo attaccate diventiamo istrici, se siamo elogiate ci chiediamo cosa vogliono da noi, se rimaniamo sole ci chiediamo cosa c'è di sbagliato in noi. Poi cresciamo e ci accorgiamo che i nostri dubbi a volte erano fondati, che le nostre aspirazioni sono state demolite da realtà scomode e dure, che i nostri sogni sono rimasti nel casetto con un po' di rimpianto, ma a volte quei sogni hanno lasciato posto a realtà molto più soddisfacenti di quello che potevamo immaginare, che alcuni interessi che pensavamo aver cominciato per gioco ci danno tantissime soddisfazione e ci troviamo a scrivere un romanzo di avventura molto più bello e divertente di quello che ci stavamo preconfezionando.
    Arguzia, strategia, passione, amore, ragione creatività pazzia sono tutte faccia della stessa medaglia: che ha un volto preciso quello di ogni donna. Buona serata Alex

    RispondiElimina
  30. Grazie ragazze, grazie grazie grazie.

    Alex, il tuo commento mi ha lasciato a bocca aperta, sono queste le donne che ammiro, semplice ma con tantissime cose da dire al mondo intero!

    RispondiElimina
  31. Che bel post Lollo, l'ho apprezzato moltissimo! E mi piace molto il modo in cui scrivi :) Sono felice di aver trovato il tuo blog, un bacio!
    Ale

    RispondiElimina
  32. adoro, adoro, adoro..
    sei molto sensibile, mi piace.
    e condividi il mio amore spasmodico per le Moleskine. da veri intenditori..
    ok, il tuo blog è ufficialmente diventato la mia nuova addiction. :)
    a presto! e keep on rocking!
    V.

    http://bowsandpaillettes.blogspot.com

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!