sabato 19 dicembre 2009

Vacanze Romane (di Natale)

Quando prenoto un aereo comincio a fare tutti gli scongiuri possibili affinchè possa evitare ogni calamità naturale. L'ultima volta mi hanno fissato la data della laurea lo stesso giorno in cui un boing Ryan Air mi aspettava, destinazione Siviglia. Addio balli sivigliani, addio rimborso. Per fortuna erano solo 5 euro. Questa volta sono stato più cauto, una capatina romana per Natale non poteva mancare e infatti eccomi qua in diretta dalla mia città. Non è stato facile perchè per uno come me nemmeno andare a comprare un litro di latte risulta facile, però sono sano, salvo e pure infreddolito. Ho dormito in aereoporto, sdraiato a terra con dei simpatici spizzeri di aria fredda e bergamasca che mi hanno aggredito come un branco di gazzelle in fuga. Appena sono arrivato a casa di zia Ceccia mi sono infilato sotto una coperta cadendo in un coma farmacologico. Roma è sempre meravigliosa, è la madre mia, però in questi giorni fa concorrenza alla sorella snob Milano sotto due aspetti. Il freddo polare-siberiano e lo shopping. Tiffany e Vuitton presi d'assalto come se facessero dei saldi da guiness dei primati, "Alla faccia della crisi" disse un signore vedendo la coda. Ha proprio ragione, peccato che la moglie avesse adosso 8000 visoni morti per un totale di qualche migliaia di euro di pelliccia. Mi sono emozionato a Fontana di Trevi, il mio posto prediletto qui a Roma, trovo sia unica e inimitabile. Il vero motivo della mia emozione però, lo devo confessare, è stato trovare nella stessa piazza di Trevi un outlet Borsalino. Un coccolone al cuore! Come sempre ho solo guardato, odio avere un portafoglio non programmato per certe spese, lui preferisce di gran lunga il mercatino dell'usato sui Navigli.
In questi primi due giorni ho trovato anche il tempo di andare a salutare la nonna e fare un aperitivo a base di gossip con Sofia. Per andare da nonna ho dovuto scalare salite impensabili, li chiamano quartiere alti, a Milano però sono in piano, non sono abituato a viali scoscesi dei Parioli. Mi sembra di fare del trekking per la fatica!

5 commenti:

  1. pensa a chi ha preso il treno come me :(

    RispondiElimina
  2. Buone Feste.....!
    Ti auguro tanta serenità... ciao Him

    RispondiElimina
  3. grazie him anche a teeeeeeeeee!

    RispondiElimina
  4. mia madre mi ha trovato un borsalino autentico vintage in un mercatino dell'usato...sii fiducioso quindi, mai dire mai! ;)

    RispondiElimina
  5. Anche io l'ho trovato Carlotta. Anzi due, tesori del mio guardaroba. Tua madre ha un ottimo gusto!

    RispondiElimina

Vuoi dirmi qualcosa? Vuoi mandarmi dei cioccolatini perchè ho saputo descrivere in modo esasutivo una situazione più che pezzente in cui ti sei trovato? Stringimi la mano, lascia un commento, mandami a quel paese.

Aspetto le vostre umilianti parole. Scrivetemi!